Storie

di Roberto Signori

Brescia - Via le tombe dei bimbi mai nati: bufera sul sindaco Pd

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Duemilacinquecento tombe di bimbi mai nati sparite nel nulla, con i resti riesumati dal Comune di Brescia e depositati nell’ossario comune senza avvisare le famiglie coinvolte. Sono migliaia i genitori bresciani che nelle ultime ore hanno scoperto, loro malgrado, che la tomba del proprio figlio mai nato o rimasto in vita poco tempo è stata tolta dallo spazio del Riquadro A all’interno del cimitero Vantiniano, dove il Comune di Brescia è intervenuto di recente per le esumazioni. Il caso è stato sollevato da diverse famiglie sconvolte per non aver trovato più la lapide del proprio bimbo e di aver scoperto il blitz del Comune, guidato dal sindaco Pd Emilio Del Bono, solo davanti al fatto compiuto.

“Andata al cimitero - ha raccontato una madre - ho dovuto rovistare in uno scatolone per cercare gli oggetti che c’erano sulla tomba della mia bimba“. La Loggia non ha risposto al dolore dei genitori e ha annunciato che non replicherà alle polemiche in rispetto della situazione. Intanto però la vicenda è arrivata in consiglio comunale e in parlamento. Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno infatti depositato due interrogazioni in vista del Consiglio comunale di fine mese.

Durissimi alcuni esponenti del centrodestra sul sindaco Pd “Alcune famiglie, nel mese di ottobre di quest’anno hanno proposto un formale reclamo al Settore cimiteriale ma, a tutt’oggi, nessuno si è degnato di dare una risposta - ha scritto nell’interrogazione di Forza Italia il capogruppo Paola Vilardi -. Come è stato possibile non rinvenire buona parte dei resti ossei, come è stato possibile esumare 2.500 tombe in una settimana e cosa intende fare l’Amministrazione per porre rimedio al grave errore commesso?“. A Roma il caso invece è stato portato dall’onorevole leghista Simona Bordonali. “È necessaria una spiegazione pubblica da parte del Comune di Brescia per far luce su una pagina nera per la nostra città - ha detto Bordonali -. Le famiglie meritavano almeno una comunicazione diretta delle operazioni di esumazione e non un avviso sul portale. Era stata annunciata anche l’affissione dell’elenco sulla bacheca del cimitero, ma nessuno l’ha visto“.

Il capogruppo di Fratelli d’Italia Gianpaolo Natali è stato molto chiaro: “Il tema è di estrema sensibilità ed è comprensibile lo sgomento di quelle famiglie che hanno trovato il campo interamente vuoto. Ci chiediamo come mai non si è comunicato, nel limite del possibile, alle famiglie tale decisione. Non è una questione politica ma umana“.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/11/2021
0312/2021
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Associazione Stampa Romana - Intelligonews chiude: a casa e senza tutele tutti i lavoratori

Librandi alla fine di ottobre ha comunicato alla redazione la fine dei giochi. Gli accessi si sarebbero ridotti, ma non al punto tale da giustificare una repentina chiusura. Nonostante l’editore negli anni avesse sfruttato il lavoro dei colleghi, avendo fatto poco e nulla per regolarizzare le posizioni contrattuali e previdenziali.
La lettura dei bilanci ci racconta invece tuttora una storia di assoluta sostenibilità dell’impresa editoriale. Forse ha inciso di più la collocazione di Librandi all’interno del partito democratico.

Leggi tutto

Politica

Preparatevi si vota a Giugno

Il voto a Giugno sembra essere sempre più vicino

Leggi tutto

Chiesa

#10familytips. Il Dicastero per la famiglia

Lanciata la campagna social per contribuire a focalizzare l’attenzione pastorale sulla formazione e l’educazione dei bambini in famiglia

Leggi tutto

Politica

L’ultima legge di un parlamento infame

Li chiamano ‘diritti civili’, ma sono solo scopiazzature di normative barbare, che saranno rifiutate dagli italiani. Puoi pure approvare tutte le leggi contro la famiglia in Italia, dal divorzio breve alla legge Cirinnà, ma l’Italia resta un paese con 29 milioni di cittadini sposati e appena duemila unioni gay. Ma la politica ha voluto discutere solo di quest’ultime, riconoscere diritti e denari solo a queste ultime, così si consegna alla prossima sconfitta elettorale. Gli italiani sanno che firmando le Disposizioni anticipate di trattamento firmerebbero la loro condanna a morte e vedrete che le Dat non le firmeranno

Leggi tutto

Politica

Rimini, candidati del Pd uomo e donna si scambiano i vestiti

Continua la propaganda del PD a favore delle minoranze e contro i valori che il Popolo della Famiglia continua a difendere!

Leggi tutto

Politica

LE COSE DA FARE PER IL POPOLO DELLA FAMIGLIA

La selezione dei nostri candidati alle amministrative nelle città importanti è già partita. Il segretario nazionale Gianfranco Amato ha presentato ufficialmente nella sua trasmissione su Popolo della Famiglia Tv (in onda anche sul digitale terrestre e sul canale 891 di Sky il lunedì alle 20) il grande Filippo Grigolini da cui ci aspettiamo un importante risultato nella sfida più appassionante del Nordest, quella per la carica di sindaco di Verona. A Crema presentiamo Luca Grossi, anche qui carichi di aspettative. Nei prossimi giorni Amato ufficializzerà le ulteriori candidature finché non copriremo tutto il territorio nazionale. Io personalmente mi occuperò di essere fisicamente presente anche nei comuni più piccoli per suscitare e sostenere liste del Popolo della Famiglia, ho già un calendario fitto di piccoli centri da scoprire da Riolo Terme venerdì a Borgomanero la settimana prossima e così via. Ovunque si voglia organizzare un’iniziativa con finalità di radicamento del Popolo della Famiglia io sono a disposizione basta scrivere a [email protected] e cercherò di farmi in quattro per arrivare.
Vorrei fosse chiaro a tutti: siamo alla prova decisiva, ci giocheremo molto del nostro percorso nei prossimi sei mesi e dobbiamo farci trovare assolutamente organizzati e pronti. Ripeto, un’occasione così non tornerà mai più. E dunque volare oooh, cantare oo-oo-oo-oh. Nel blu dipinto di blu del simbolo del Popolo della Famiglia, del manto di Maria che volga sempre il Suo sguardo benevolo su di noi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano