Storie

di Nathan Algren

Esiste un legame fra coronavirus e salute neurologica

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Pubblicato sulla rivista Neurological Sciences lo studio italiano che fa luce sui legami fra covid e cervello, con il virus che lo danneggia o ne modifica la morfologia: l’università di Brescia e l’Istituto Neurologico Besta di Milano hanno accertato il legame fra coronavirus e salute neurologica con esiti alquanto preoccupanti. Perché? Perché da quello studio emerge come il cervello sia una sorta di “bersaglio preferito” del coronavirus.

Sono stati presi in esame alcuni sintomi della fase post acuta, di quel momento cioè in cui l’organismo combatte con gli “strascichi” dell’infezione. I risultati dello studio italiano sono stati discussi durante il primo webinar del forum internazionale Pills of Psychiatry and Neurology 2021. E l’analisi Covid Next conferma una cosa: la sindrome neurologica post Covid arriva a riguardare fino al 70% dei pazienti che hanno avuto “sintomi medio gravi”.

Si tratta di disturbi di memoria, bassa concentrazione, disturbi severi del sonno e dell’umore, il tutto riconducibile addirittura a possibili alterazioni della morfologia del cervello provocate proprio dal Covid. In alcuni pazienti si è addirittura riscontrata una “riduzione volumetrica di aree chiave del cervello”. Gli scienziati italiani hanno operato su 904 pazienti con infezione da Covid-19 e “concomitanti disturbi neurologici di nuova diagnosi”. L’età media era di 68 anni e il 57,5% era costituito da soggetti maschi.

La sindrome respiratoria acuta grave si è verificata nel 35,9% di loro. E “le nuove diagnosi neurologiche più comuni siano state: Iipogeusia per il 21,1%, iposmia (20,5%), ictus ischemico acuto (19,6%), delirio (14,4%), cefalea (12,3%), deterioramento cognitivo (11,3%), comportamento anomalo o psicosi (8,9%), convulsioni (5,9%), sindrome di Guillain-Barrè (5,1%), encefalopatia grave con stupore o coma (3,7%), vertigini (3,0%), encefalite (2,3%) e ictus emorragico (2,3%)”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/11/2021
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Noi giovani vogliamo amarci senza guanti

Una diciassettenne reagisce alle martellanti campagne sui profilattici che dilagano in Italia. «Ci credete incapaci», dice.

Leggi tutto

Politica

Green pass a lavoro, le criticità esposte dal Garante

Leggi tutto

Media

Salute: Alzheimer progetto di diagnosi precoce

In occasione dell’odierna Giornata internazionale delle donne di scienza, ENEA annuncia che un team di sei ricercatrici del suo laboratorio di Tecnologie biomediche sta mettendo a punto metodologie innovative per la diagnosi precoce dell’Alzheimer con i fondi del 5x1000.

Leggi tutto

Chiesa

Cei: il Cardinale Zuppi nuovo Presidente

Con un comunicato ufficiale la Cei ha annunciato che il Cardinale Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo metropolita di Bologna, è stato designato dal Papa Presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Leggi tutto

Storie

Giornata mondiale della sindrome di Down

Dal 2011, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato il 21° giorno del terzo mese dell’anno Giornata mondiale della sindrome di Down (sdD)  per sensibilizzare l’opinione pubblica in favore dell’accoglienza e del rispetto delle persone con la triplicazione del 21° cromosoma

Leggi tutto

Società

L’AIFA invita a segnalare le reazioni avverse da vaccino

L’Agenzia italiana del farmaco rinnova su Twitter un invito ai medici a segnalare un paziente che abbia abbia avuto una reazione avversa in seguito alla vaccinazione

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano