Chiesa

di Raffaele Dicembrino

A Formello la partita “Fratelli Tutti”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Finisce in parità 7 a 7 la partita di calcio “fraterna” tra la Squadra del Papa “Fratelli Tutti” e la rappresentativa croata del “World Rom Organization”, disputata domenica pomeriggio presso il Centro sportivo della Lazio a Formello (Roma) per dare un calcio all’esclusione, al razzismo e alla povertà. Un pari raggiunto nel secondo tempo per la “Fratelli tutti”, squadra in cui hanno giocato guardie svizzere, sacerdoti, dipendenti vaticani con figli, oltre a un giovane atleta della “Special Olympics” e due migranti ospiti della comunità di Sant’Egidio. La Squadra del Papa ha disputato un primo tempo sottotono, chiudendo la prima parte della gara sotto per 5 a 1 e subendo la supremazia tecnica e di gioco della compagine croata, calata fisicamente nel secondo tempo permettendo alla “Fratelli Tutti” di raggiungere il pari. Il capitano della Lazio, Ciro Immobile, ha arbitrato la partita con due tempi di mezz’ora.

“Si è giocato con le regole della ‘Fratelli Tutti’ - ha commentato a fine gara il presidente di Athletica Vaticana, Giampaolo Mattei, tra i collaboratori dell’iniziativa -. Si è giocato “con” e non “contro”, non calcolando chi faceva più reti, nè chi li faceva più belli, ma guardando ad una partita in amicizia. Credo che non ci sia stato nemmeno un fallo, un’azione scorretta durante tutto l’incontro. Ed anche gli stessi rigori fischiati da Immobile, nelle vesti di arbitro, erano molto blandi. Quindi si può fare sport senza andare contro qualcun altro”.

Ricordo ancora le regole della “Fratelli Tutti” che sabato il Papa ha sottolineato nell’udienza alle squadre: la gratuità, l’amatorialità, l’inclusione, tutti valori che il calcio dovrebbe avere. A volte, forse, non ce l’ha, soprattutto negli ultimi tempi, ma credo che queste partite così umili, così fraterne, possono essere anche un piccolo modello, un piccolo esempio. Capisco che questa non era una partita amichevole ma fraterna. Sono segni importanti anche per i bambini che crescono nel mondo del calcio, perchè possono vedere che si può giocare anche in altra maniera, senza spinte, senza parolacce, stando insieme anche da mondi diversi come rom, migranti, ragazzi con sindrome di down. E’ stata per me una grandissima esperienza e ringrazio Papa Francesco che l’ha consentita.

Bisogna dire grazie alla Lazio che ha concesso tutto questo e che ha organizzato, dal punto di vista tecnico e logistico, la possibilità di giocare una partita di questo tipo, con passione e valori. Ho nel cuore l’immagine di Filippo, il ragazzo con la sindrome di down sceso in campo e autore di una doppietta. Ha corso con tutta l’esultanza, mutuata da giocatori di serie A, sotto gli spalti per dedicare le reti probabilmente alla mamma o alla fidanzata che erano in tribuna. Credo che più passione della corsa di Filippo, dopo i due gol, non ci possa essere altro.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/11/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Giovani onesti nello sport

L’iniziativa ha l’obiettivo di diffondere la cultura della legalità in ambito sportivo, educando i giovani a una cittadinanza attiva e al rispetto delle regole, combattendo ogni forma di violenza e di discriminazione e valorizzando l’importanza dello sport come strumento d’inclusione e coesione sociale.

Leggi tutto

Storie

Volley - Campionato Mondiale: l’Italia torna sul tetto del mondo

Volley - La giovane Nazionale di Ferdinando De Giorgi scrive una pagina importantissima della già gloriosa storia della pallavolo italiana battendo 3-1 (22-25, 25-21, 25-18, 25-20) la Polonia alla Spodek Arena laureandosi così campione del Mondo a 24 anni di distanza dall’ultima medaglia d’oro vinta in Giappone. Per gli azzurri si tratta del quarto titolo iridato dopo quelli ottenuti nel ’90, ’94 e ’98 e diventando così l’unica squadra dopo l’URSS (a quota 6 tra il ’49 e l’82) a raggiungere tale traguardo.

Leggi tutto

Media

Papa Francesco: il Concilio, luce verso la fraternità

Ecco la prefazione del pontefice al volume “Fraternità Segno dei Tempi. Il magistero sociale di Papa Francesco” del cardinale Michael Czerny e di don Christian Barone, in libreria da giovedì prossimo. “La fraternità sarà più credibile - scrive il Pontefice - se iniziamo anche nella Chiesa a sentirci ‘fratelli tutti’

Leggi tutto

Storie

Fiaba solidale per i bambini rari

Vernice Art Fair, in Fiera una fiaba solidale per i bambini rari che si intitola ‘L’Albero’: il ricavato, da venerdì 4 a domenica 6 marzo, andrà all’associazione italiana sindrome di Beckwith-Wiedemann

Leggi tutto

Storie

Annika Fabbian, suora calciatrice

La Dorotea vicentina fa parte della neonata Nazionale di calcio delle suore.

Leggi tutto

Società

Nuoto, trans in lutto: “Stop a maschi biologici nelle categorie femminili”

Da ora in poi, quindi, a nuotatori come Lia Thomas non sarà più permesso di competere ad armi clamorosamente impari contro le atlete biologicamente femmine.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano