Chiesa

di Raffaele Dicembrino

A Formello la partita “Fratelli Tutti”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Finisce in parità 7 a 7 la partita di calcio “fraterna” tra la Squadra del Papa “Fratelli Tutti” e la rappresentativa croata del “World Rom Organization”, disputata domenica pomeriggio presso il Centro sportivo della Lazio a Formello (Roma) per dare un calcio all’esclusione, al razzismo e alla povertà. Un pari raggiunto nel secondo tempo per la “Fratelli tutti”, squadra in cui hanno giocato guardie svizzere, sacerdoti, dipendenti vaticani con figli, oltre a un giovane atleta della “Special Olympics” e due migranti ospiti della comunità di Sant’Egidio. La Squadra del Papa ha disputato un primo tempo sottotono, chiudendo la prima parte della gara sotto per 5 a 1 e subendo la supremazia tecnica e di gioco della compagine croata, calata fisicamente nel secondo tempo permettendo alla “Fratelli Tutti” di raggiungere il pari. Il capitano della Lazio, Ciro Immobile, ha arbitrato la partita con due tempi di mezz’ora.

“Si è giocato con le regole della ‘Fratelli Tutti’ - ha commentato a fine gara il presidente di Athletica Vaticana, Giampaolo Mattei, tra i collaboratori dell’iniziativa -. Si è giocato “con” e non “contro”, non calcolando chi faceva più reti, nè chi li faceva più belli, ma guardando ad una partita in amicizia. Credo che non ci sia stato nemmeno un fallo, un’azione scorretta durante tutto l’incontro. Ed anche gli stessi rigori fischiati da Immobile, nelle vesti di arbitro, erano molto blandi. Quindi si può fare sport senza andare contro qualcun altro”.

Ricordo ancora le regole della “Fratelli Tutti” che sabato il Papa ha sottolineato nell’udienza alle squadre: la gratuità, l’amatorialità, l’inclusione, tutti valori che il calcio dovrebbe avere. A volte, forse, non ce l’ha, soprattutto negli ultimi tempi, ma credo che queste partite così umili, così fraterne, possono essere anche un piccolo modello, un piccolo esempio. Capisco che questa non era una partita amichevole ma fraterna. Sono segni importanti anche per i bambini che crescono nel mondo del calcio, perchè possono vedere che si può giocare anche in altra maniera, senza spinte, senza parolacce, stando insieme anche da mondi diversi come rom, migranti, ragazzi con sindrome di down. E’ stata per me una grandissima esperienza e ringrazio Papa Francesco che l’ha consentita.

Bisogna dire grazie alla Lazio che ha concesso tutto questo e che ha organizzato, dal punto di vista tecnico e logistico, la possibilità di giocare una partita di questo tipo, con passione e valori. Ho nel cuore l’immagine di Filippo, il ragazzo con la sindrome di down sceso in campo e autore di una doppietta. Ha corso con tutta l’esultanza, mutuata da giocatori di serie A, sotto gli spalti per dedicare le reti probabilmente alla mamma o alla fidanzata che erano in tribuna. Credo che più passione della corsa di Filippo, dopo i due gol, non ci possa essere altro.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/11/2021
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Tre giorni di Fede e sport in Vaticano

Si è aperta ieri la conferenza globale su fede e sport che vedrà, in Vaticano, per tre giorni (dal 5 al 7 Ottobre) riunirsi atleti e rappresentati di fede per parlare e testimoniare i principi su cui dovrebbe basarsi lo sport e su cui, in un modo profondo, può innestarsi l’esperienza di fede di ogni singolo sportivo, qualsiasi essa sia.

Leggi tutto

Storie

Pallavolista licenziato con l’accusa di omofobia

Una mossa costatagli caro non solo per la reputazione ma anche per la carriera. Quando Mauricio Souza, stella della pallavolo mondiale, ha postato lo scorso 12 ottobre una foto del nuovo Superman, Jon Kent - che nei prossimi numeri del celebre fumetto si rivelerà bisessuale - mentre bacia un altro ragazzo. Il suo commento “Ah, è solo un cartone, non è un grosso problema. Vai a vedere dove andremo a finire…” ha sollevato un polverone mediatico. Un caso costatogli alla fine il licenziamento da parte del suo club, il Minas.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco agli ambasciatori: vaccini per tutti

In occasione della presentazione delle Lettere credenziali degli ambasciatori di Moldova, Kyrgyzstan, Namibia, Lesotho, Lussemburgo, Ciad e Guinea-Bissau, Papa Francesco si sofferma sulla pandemia e sui diritti uguali per tutti

Leggi tutto

Storie

Dazn, sveliamo cos’è il codice che appare sullo schermo

La domanda sorge spontanea: cos’è quel codice alfanumerico che appare sulla schermata di Dazn durante le partite di calcio? Infatti una stringa di caratteri e numeri che compare durante i match di Serie A, serie B o altre competizioni sportive in diretta proprio nel mezzo allo schermo

Leggi tutto

Chiesa

NON SI MUORE SOTTO LO SGUARDO DELLA “MADONNETTA”

Sul lido romano la ‘nuova bonifica’ sulla Via di quei bambini ‘crocifissi’. Vince il Castelporziano: 1 a 0 sul Jem’s. Si è concluso il primo Trofeo Ostiense in memoria di Riccardo, ragazzino “morto di paura” perché inseguito da un senza fissa dimora che voleva aggredirlo

Leggi tutto

Storie

Schwazer: “Giustizia È Fatta”

Quasi cinque anni dopo, siamo alla sentenza dove il Gip del Tribunale di Bolzano, Walter Pelino, ha disposto l’archiviazione del procedimento penale, perché Schwazer per “non aver commesso il fatto”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano