Politica

di Mirko De Carli

Il problema è che non sanno quello che fanno

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A Pisa i ragazzi dell’Istituto Ulisse Dini si mobilitano da giorni per consentire a una loro compagna di scuola di potersi far chiamare Geremia anziché Giulia: il motivo è semplice e riguarda la scelta della ragazza di vestirsi da uomo sentendo adeguata per sé la scelta di vita transessuale. Per questo è in corso una vera e propria occupazione affinché il dirigente scolastico consenta l’utilizzo del così detto nome d’elezione anziché quello ufficialmente registrato all’anagrafe comunale. Ricordate la vicenda dell’abbonamento dell’autobus dedicato alle persone lgbtq? Stessa vicenda riproposta in contesti diversi: dopo il naufragio parlamentare del #ddlZan si tenta di introdurre il concetto di identità di genere nei vari ambiti della vita della pubblica amministrazione attraverso azioni di sensibilizzazione subdole dell’opinione pubblica.

Le ragioni che più creano disorientamento riguardano la definitiva scomparsa del buon senso e di una vera e sana giustizia sociale: come posso consentire a una qualsiasi ragazza di cambiare nome a piacimento, adducendo a motivazione una presenta discriminazione (le cui ragioni facciamo davvero fatica a rintracciare), mentre tutti gli altri ragazzi (i veri discriminati) sono chiamati a rispettare la legge che prevede l’utilizzo del nome con cui siamo riconosciuti nel documenti d’identità? Non è forse una discriminazione al contrario? Quello che poi più ci sconcerta sono le motivazioni di fondo che stanno portando i ragazzi a mobilitarsi (occupando l’istituto) e il dirigente scolastico ad avviarsi ad adottare un provvedimento per adeguare le procedure scolastiche alle richieste di Giulia (che vuole essere chiamata Geremia): “vogliamo che possa sentirsi a suo agio con la scelta fatta” dichiarano gli alunni, “abbiamo in programma di studiare la carriera alias attraverso il nostro referente del progetto sugli stereotipi di genere” afferma il dirigente scolastico.

Il vero problema non è solamente l’irrazionalità di quello che stanno mettendo in atto, alunni e dirigenza scolastica, ma che non sanno realmente quello che stanno facendo: sarei curioso davvero di affrontare la questione in punta di legge e ascoltare attentamente le risposte fornite. Perché si tratta di una questione di giustizia sociale e non di principio: quale discriminazione si realizza nel chiamare una persona col proprio nome? Oggi, in Italia, il sesso (maschile e femminile) è collegato al registro dell’anagrafe comunale e al documento d’identità rilasciato dal Comune di residenza: questa è la legge, non un parere politico di parte. Questa impostazione normativa fa riferimento al riconoscimento di un principio di diritto naturale (che viene prima del così detto diritto positivo) che riconosce due sessi legati al dato sessuale “di nascita della persona”: per cambiare questo dato occorre seguire una procedura legislativa chiara e puntuale di cambio di sesso (reale e non immaginifico) regolamentata dallo Stato italiano. Il resto sono chiacchiere ideologiche pericolose e dannose. Un suggerimento a chi vuole fomentare l’opinione pubblica per cambiare le legge attraverso sentenze o atti amministrativi: troverete sempre un’argine popolare che, nel Paese e in Parlamento, vi boccerà ogni iniziativa legata all’introduzione dell’identità di genere nel nostro paese.

Un consiglio a Giulia: non farti usare dalla campagna arcobaleno, vivi la tua vita, fai le tue scelte consapevolmente e chiedi rispetto vero per la tua vicenda senza avanzare rivendicazioni ideologiche che non ti danno niente di più rispetto a quello che cerchi nel cammino della tua gioventù.

Un appello al dirigente scolastico: rispetti la legge, non adotti atti procedurali illeggitimi e sospenda l’occupazione dei suoi studenti.

Un messaggio agli studenti in occupazione: anche io ho protestato per i dritti da studente negati ma mobilitarsi per introdurre l’identità di genere significa che vi fate mettere l’anello al naso dai potenti abbandonando la possibilità di andare controcorrente veramente chiedendo rispetto per Giulia e per tutti voi attraverso l’applicazione della legge e non la liquefazione definitiva dello stato di diritto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/11/2021
0712/2021
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Istruzioni per le liste del PDF

Il prossimo 11 giugno si voterà in oltre 1.000 comuni italiani per la tradizionale tornata amministrativa di primavera. Il Popolo della Famiglia si presenta con il proprio simbolo e chiede a tutte le donne e agli uomini di buona volontà di organizzare una presenza capillare sul territorio che sarà propedeutica alle politiche che si terranno tra pochi mesi. Azione fondamentale per il radicamento sul territorio è la campagna di tesseramento, così come il reperimento di candidati e sottoscrittori delle liste che vorranno misurarsi con il consenso elettorale sulla base della piattaforma politica PdF

Leggi tutto

Media

La nostra risposta: fare 5 cose

Contro il Popolo della Famiglia e i suoi dirigenti, invece, c’è una furia feroce che probabilmente è degna di miglior causa. Per la lobby che noi apertamente sfidiamo, per la sua politica contro la vita e contro la famiglia, per la visione del mondo che vuole trasformare le persone in cose, c’è un solo nemico da attaccare con tutte le energie fino a zittirlo: il Pdf. Torniamo alla domanda. Perché? Perché siamo ostinati e organizzati. Due fattori molto temuti: ostinazione e organizzazione. Sanno che ormai in ogni angolo del Paese c’è un nucleo territoriale organizzato del Popolo della Famiglia. Si tratta del frutto di due anni di lavoro casa per casa, compiuto dal Pdf attraverso l’esperienza di ben tre tornate amministrative ma anche con la presenza quotidiana e fattiva di monitoraggio di quel che accade. E così ogni settimana in Italia ci sono almeno dieci iniziative con dirigenti del Popolo della Famiglia che incontrano persone sul territorio, più di cinquecento all’anno. Ci sono gli iscritti, ci sono le liste, ci sono i candidati, ci sono 48.750 firme da raccogliere che saranno agevolmente raccolte, ci sono centinaia di migliaia di voti che certamente i nostri militanti otterranno alle prossime politiche sui 945 coraggiosi che candidandosi alla Camera e al Senato diranno: fate una croce sul simbolo del Popolo della Famiglia, tutto il resto l’abbiamo già sperimentato e ha portato al disastro attuale.

Leggi tutto

Politica

Il problema con la libertà dei politici al governo

In almeno tre occasioni, recentemente, i pentastellati hanno messo in mostra un temperamento decisamente illiberale. Primo fra tutti, il tentativo di abolire la prescrizione dopo la sentenza di primo grado. Con la scusa di azzerare l’impunità dei “corrotti” il M5S vuole scardinare una libertà essenziale come la presunzione di innocenza dei cittadini.

Leggi tutto

Politica

Anche solo il nostro esistere

Il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini hanno sottoscritto la mia candidatura a deputato del collegio Roma 1, abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso. Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi, non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa.

Leggi tutto

Media

L’hashtag che risolve persone e societa’

Sui grandi media del sistema non è possibile intervenire con proposte originali. È necessario cogliere un intento di fondo, proprio sulla via della concreta libertà, del concreto pluralismo e diffonderlo dappertutto. Un rumore di fondo. “Libertà di educazione” è la chiave per uscire dal vuoto e distorcente tecnicismo del pensiero unico inculcato fin dalla scuola, sradicando ogni libera ricerca umana e di conseguenza ogni autentico scambio. Il rapidamente progressivo spogliamento di tutto, il malessere generalizzato, l’isolamento, ad opera del sistema del pensiero unico possono comunque gradualmente unire molti su questo tema decisivo. Libertà di educazione può divenire il rumore di fondo, l’hashtag ricorrente per ogni dove.

Leggi tutto

Politica

Mancano le parole d’ordine ed il centro-destra si schianta

Dopo questi ballottaggi si palesano tutti i limiti dell’offerta politica del centrodestra italiano: non facciamoci ingannare dalla bassa affluenza elettorale, il popolo moderato se ci fossero state proposte politiche all’altezza delle aspettative si sarebbe certamente mobilitato

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano