Politica

di Mirko De Carli

Il problema è che non sanno quello che fanno

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A Pisa i ragazzi dell’Istituto Ulisse Dini si mobilitano da giorni per consentire a una loro compagna di scuola di potersi far chiamare Geremia anziché Giulia: il motivo è semplice e riguarda la scelta della ragazza di vestirsi da uomo sentendo adeguata per sé la scelta di vita transessuale. Per questo è in corso una vera e propria occupazione affinché il dirigente scolastico consenta l’utilizzo del così detto nome d’elezione anziché quello ufficialmente registrato all’anagrafe comunale. Ricordate la vicenda dell’abbonamento dell’autobus dedicato alle persone lgbtq? Stessa vicenda riproposta in contesti diversi: dopo il naufragio parlamentare del #ddlZan si tenta di introdurre il concetto di identità di genere nei vari ambiti della vita della pubblica amministrazione attraverso azioni di sensibilizzazione subdole dell’opinione pubblica.

Le ragioni che più creano disorientamento riguardano la definitiva scomparsa del buon senso e di una vera e sana giustizia sociale: come posso consentire a una qualsiasi ragazza di cambiare nome a piacimento, adducendo a motivazione una presenta discriminazione (le cui ragioni facciamo davvero fatica a rintracciare), mentre tutti gli altri ragazzi (i veri discriminati) sono chiamati a rispettare la legge che prevede l’utilizzo del nome con cui siamo riconosciuti nel documenti d’identità? Non è forse una discriminazione al contrario? Quello che poi più ci sconcerta sono le motivazioni di fondo che stanno portando i ragazzi a mobilitarsi (occupando l’istituto) e il dirigente scolastico ad avviarsi ad adottare un provvedimento per adeguare le procedure scolastiche alle richieste di Giulia (che vuole essere chiamata Geremia): “vogliamo che possa sentirsi a suo agio con la scelta fatta” dichiarano gli alunni, “abbiamo in programma di studiare la carriera alias attraverso il nostro referente del progetto sugli stereotipi di genere” afferma il dirigente scolastico.

Il vero problema non è solamente l’irrazionalità di quello che stanno mettendo in atto, alunni e dirigenza scolastica, ma che non sanno realmente quello che stanno facendo: sarei curioso davvero di affrontare la questione in punta di legge e ascoltare attentamente le risposte fornite. Perché si tratta di una questione di giustizia sociale e non di principio: quale discriminazione si realizza nel chiamare una persona col proprio nome? Oggi, in Italia, il sesso (maschile e femminile) è collegato al registro dell’anagrafe comunale e al documento d’identità rilasciato dal Comune di residenza: questa è la legge, non un parere politico di parte. Questa impostazione normativa fa riferimento al riconoscimento di un principio di diritto naturale (che viene prima del così detto diritto positivo) che riconosce due sessi legati al dato sessuale “di nascita della persona”: per cambiare questo dato occorre seguire una procedura legislativa chiara e puntuale di cambio di sesso (reale e non immaginifico) regolamentata dallo Stato italiano. Il resto sono chiacchiere ideologiche pericolose e dannose. Un suggerimento a chi vuole fomentare l’opinione pubblica per cambiare le legge attraverso sentenze o atti amministrativi: troverete sempre un’argine popolare che, nel Paese e in Parlamento, vi boccerà ogni iniziativa legata all’introduzione dell’identità di genere nel nostro paese.

Un consiglio a Giulia: non farti usare dalla campagna arcobaleno, vivi la tua vita, fai le tue scelte consapevolmente e chiedi rispetto vero per la tua vicenda senza avanzare rivendicazioni ideologiche che non ti danno niente di più rispetto a quello che cerchi nel cammino della tua gioventù.

Un appello al dirigente scolastico: rispetti la legge, non adotti atti procedurali illeggitimi e sospenda l’occupazione dei suoi studenti.

Un messaggio agli studenti in occupazione: anche io ho protestato per i dritti da studente negati ma mobilitarsi per introdurre l’identità di genere significa che vi fate mettere l’anello al naso dai potenti abbandonando la possibilità di andare controcorrente veramente chiedendo rispetto per Giulia e per tutti voi attraverso l’applicazione della legge e non la liquefazione definitiva dello stato di diritto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/11/2021
1808/2023
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Società

Nell’universo del sadismo non c’è amore

La degradazione dell’altro a oggetto di piacere spiega la predilezione degli antieroi sadiani per la sodomia. Scrive Lombardi Vallauri: «Il privilegiamento assoluto e sistematico della sodomia, nel rapporto sia omo- che eterosessuale, esprime nel modo più plastico la generale riduzione dell’altro a puro succube, a sub-giacente, privato del volto e dello sguardo, ossia degli organi della reciprocità, egli è passività pura, materiale per alimentare il fuoco della passione. La posizione fisica nel rapporto esprime il rifiuto dell’incontro, la sterilità del rapporto il rifiuto dell’impegno».

Leggi tutto

Politica

Cattolici: quantità e qualità

I due studi più recenti (Ipsos e Eurispes) concordano su un dato: si definiscono “cattolici” oltre il 70% degli italiani, per Ipsos sono il 74.4%, per Eurispes il 71.1%. Stiamo parlando di circa 45 milioni di persone, una enormità. E infatti se andiamo a cercare i dati sulla pratica religiosa, i cattolici praticanti, quelli che vanno alla messa domenicale sono molti di meno: circa un quarto degli italiani. Ipsos fa una interessante distinzione: l’11.2% lo definisce “cattolico impegnato”, cioè va a messa ed è attivo in parrocchia o nell’associazionismo; poi c’è un 15.8% di “assidui scarsamente impegnati” che dunque vanno a messa una o due volte al mese o anche tutte le settimane ma comunque non avvertono un coinvolgimento né nella dimensione ecclesiale né nell’associazionismo. Il rapporto Ipsos è del novembre 2017, dunque i dati sono recentissimi e sembrano fotografare una condizione di realtà. Volendo fare riferimento ai soli cattolici impegnati, stiamo parlando comunque di un popolo di poco inferiore ai sette milioni di italiani.

Leggi tutto

Politica

EPPURE IL VENTO SOFFIA ANCORA

Il Popolo della Famiglia e i suoi militanti si sentono “un po’ frastornati dopo una sconfitta”, ma se è lecito e doveroso porre interrogativi sul metodo e sul merito dell’impegno politico fin qui condotto, permangono le spie di una situazione di emergenza. Come fa un movimento a crescere senza soldi, senza media, con l’astio militante di chi intanto è saltato sul carro dei vincitori, senza potere da gestire?

Leggi tutto

Politica

Ministro Bonetti: 30 milioni per i campi estivi

Non si coglie come sia possibile immaginare l’apertura di centri estivi – e chi dovrebbe educare i bambini ai giusti comportamenti all’interno dei medesimi? – se non si riconoscono le condizioni adeguate per riaprire le scuole. Si tratterebbe comunque di luoghi di “assembramento sociale”, in che spazi? Gestiti da chi? Insomma, le risposte del ministro contengono sempre una parte di giudizio interessante, a tratti anche condivisibile («i nostri figli hanno diritto di giocare», «la priorità è sostenere le famiglie e investire nel valore sociale che continuano a mettere in campo»), purtroppo innestate – quasi innaturalmente – in una concezione talmente ideologica e statalista per cui gli “aiuti” vanno promessi – si spera prima o poi anche erogati – al fine di un «cambio di paradigma» della società, che deve diventare come il ministro desidera.

Leggi tutto

Società

La terza dose del vaccino Covid e la dose di vaccino antinfluenzale verranno somministrate insieme

Le due dosi di vaccini verranno somministrate nello stesso giorno. E’ l’ipotesi avanzata dal ministero della salute.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano