Politica

di Giuseppe Udinov

Nuova Zelanda: i vescovi e le restrizioni covid

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Paese che vai, usanze che trovi! Si chiama “sistema a semaforo” quello che la Nuova Zelanda farà entrare in vigore dalle 23.59 del 2 dicembre. Per arginare la diffusione del Covid-19 e in particolare della variante Delta, che ha già provocato nel Paese oltre 10mila contagi, si adotteranno tre colori: con il verde, non ci saranno limitazioni specifiche; con l’arancione sarà necessaria la mascherina in determinati luoghi pubblici, mentre con il rosso le attività potranno essere aperte solo ai vaccinati e nel rispetto del distanziamento sociale. In tale contesto la Conferenza episcopale nazionale ha diffuso una Lettera pastorale intitolata “Vivere, prendersi cura e celebrare il culto in un mondo da Covid-19”, nella quale in primo luogo i fedeli vengono rassicurati: tutti, vaccinati e non vaccinati, potranno partecipare in sicurezza alla Santa Messa.

Ad ogni parrocchia verrà chiesto di tenere celebrazioni liturgiche sia per i vaccinati, forniti di un apposito pass, che per i non vaccinati; per questi ultimi, in particolare, si terranno Messe separate, con restrizioni numeriche in linea con le normative del governo. Inoltre, tutti i laici che aiutano nello svolgimento delle celebrazioni e degli altri ministeri rivolti al pubblico dovranno essere vaccinati. Lo stesso vale per i sacerdoti, pena la limitazione del loro ministero. Con i colori verde e arancione, gli accessi in chiesa non vedranno restrizioni per i vaccinati, mentre per i non vaccinati si potrà arrivare a 50 persone in caso di arancione o a 100 in caso di verde. Se si passa al colore rosso, invece, alla Messa potranno prendere partecipare solo 100 vaccinati muniti di pass e soltanto 10 non vaccinati.

“Abbiamo cercato il modo migliore per riunirci in chiesa – spiegano i presuli – senza che le persone, vaccinate o non vaccinate, si sentano alienate”. “Le chiese – aggiungono – devono essere luoghi sicuri per tutti, sia fisicamente che emotivamente e spiritualmente”; per questo, “nello spirito del Vangelo, vogliamo anche che esse siano siano luoghi di ospitalità e inclusione, aperte e accoglienti per tutti, senza pregiudizi o discriminazioni”. Quindi, i vescovi incoraggiano i sacerdoti a vaccinarsi, pur riconoscendo di non poterlo imporre per legge, ed avvisano: “I sacerdoti che non sono completamente vaccinati, secondo gli attuali ordini di salute pubblica, saranno significativamente limitati nel loro ministero; non potranno esercitare la cura pastorale in strutture residenziali per anziani o negli ospedali e nelle scuole e non potranno partecipare e presiedere a eventi ecclesiali per soli vaccinati”.

La Lettera pastorale, inoltre, esorta la società a “non accettare mai acriticamente” l’imposizione di restrizioni da parte dei leader politici. Tuttavia, considerata la situazione attuale, i presuli giustificano l’entrata in vigore della normativa vigente ma, allo stesso tempo, affermano: “Le restrizioni che possiamo considerare giustificate ora potrebbero non esserlo in futuro; per questo, chiediamo che le normative siano continuamente riviste”, perché “il nostro sostegno ad esse è condizionato e giustificato solo dalla situazione di emergenza che sussiste ora”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/11/2021
2609/2022
Ss. Cosma e Damiano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano: Parolin e Peña Parra positivi al Covid

Il Segretario di Stato ha sintomi lievi, assenti invece per quanto riguarda il Sostituto.

Leggi tutto

Politica

Lettera aperta al presidente Musumeci

Lo stato di emergenza dichiarato dal Governo nel gennaio 2020 ed ancora in vigore ha avuto un forte impatto sulle libertà individuali ed economiche per le politiche di contrasto alla diffusione del virus basate principalmente su chiusure e limitazioni anche di diritti costituzionali.

Leggi tutto

Società

Nigeria: no dei vescovi ai mercenari

- Le confessioni cristiane di Kaduna: “No all’ipotesi di assoldare mercenari stranieri per combattere i terroristi”

Leggi tutto

Storie

ECUADOR - Stato di emergenza in sei province

Il governo dell’Ecuador, guidato dal Presidente della repubblica Guillermo Lasso, ha esteso a sei province lo stato di emergenza, che prima riguardava solo tre, attribuendo maggiori poteri alle forze dell’ordine e limitando la libertà di circolazione. La decisione è stata presa in seguito alle proteste violente e allo sciopero che stanno dilagando in diverse zone del paese, compresa la capitale Quito.

Leggi tutto

Società

CUBA - Nuovo Codice di Famiglia al voto

Domenica 25 settembre si terrà a Cuba il referendum sul nuovo “Codice di Famiglia”, al termine di un lungo cammino di elaborazione. “Il matrimonio tra un uomo e una donna, che è la base naturale della famiglia, non può essere sostituito o deformato per cedere il posto ad altre forme costruite legalmente” ribadiscono i Vescovi, che citano il piano originario del Creatore descritto nel libro della Genesi: “Questa verità rivelata sostiene la fede di tutti i cristiani”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano