Storie

di Roberto Signori

Gli antidepressivi contro il covid?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In attesa degli antivirali orali di Merk e Pfizer la ricerca di terapie efficaci contro Covid 19 non si ferma. E uno studio dell’Università della California di San Francisco indica un candidato estremamente promettente: una classe di medicinali conosciuti come inibitori selettivi del reuptake della serotonina (o Ssri), farmaci utilizzati da decenni come antidepressivi, di cui fa parte la fluoxetina, meglio nota con il nome commerciale di prozac. Proprio quest’ultimo, scrivono i ricercatori americani sulle pagine di Jama Network Open, ha dimostrato il potenziale maggiore per i pazienti Covid, riducendo del 28% il rischio di decesso in caso di malattia.

I dati arrivano dall’analisi delle cartelle cliniche di oltre 83mila pazienti che hanno ricevuto una diagnosi di Covid 19 negli Usa durante il 2020, di cui 3.400 erano già in trattamento con Ssri per disturbi come ansia e depressione. Grazie all’ampio set di dati, i ricercatori hanno potuto verificare l’effetto dei farmaci sulla prognosi dei pazienti che li assumevano, comparando il loro percorso di malattia con quello di un gruppo paragonabile per età, caratteristiche demografiche e socioeconomiche, ed eventuali fattori di rischio come obesità, diabete o problemi cardiovascolari, ma non in terapia con antidepressivi Ssri.

I risultati dell’analisi hanno dimostrato che tutti gli antidepressivi studiati sono associati con un minore rischio di decesso in caso di Covid. Gli effetti più evidenti sono emersi per i pazienti in trattamento con fluoxetina, con una riduzione della mortalità del 28%, e per quelli in terapia o con fluoxetina o con fluovaxamina, per i quali il rischio di decesso è risultato minore del 26% rispetto ai pazienti che non assumevano antidepressivi. Guardando all’intera classe di farmaci, essere in trattamento con un qualunque Ssri è risultato associato a una meno marcata, ma comunque statisticamente rilevante, riduzione del rischio di decesso per Covid dell’8%.

La ricerca è un cosiddetto studio retrospettivo, pensato unicamente per individuare correlazioni statistiche: può quindi stabilire che tra i pazienti analizzati chi assumeva i farmaci è morto di meno, ma non può dirci con certezza se questo sia dovuto all’azione dei medicinali, o ad altre caratteristiche dei pazienti in questione. Non di meno, i suoi autori ritengono che con risultati simili è auspicabile indagare più a fondo l’efficacia anti Covid degli inibitori selettivi del reuptake della serotonina, con studi clinici che possano confermare definitivamente l’effetto protettivo contro la malattia, e aprire le porte al loro utilizzo clinico.
Si tratterebbe infatti di un’importante arma in più, nonostante sia ormai imminente l’arrivo dei nuovi antivirali orali di Merk e Pfizer, più efficaci, ma che verosimilmente saranno riservati ai pazienti più gravi, per via di un costo elevato che supera i 700 euro a trattamento.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/11/2021
0312/2021
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

CEI: al via il Consiglio permanente

Bassetti sottolina come una “grave inquietudine la prospettiva di un referendum per depenalizzare l’omicidio del consenziente. Autorevoli giuristi hanno messo in evidenza serie problematiche di compatibilità costituzionale nel quesito per il quale sono state raccolte le firme e nelle conseguenze che un’eventuale abrogazione determinerebbe nell’ordinamento”. “E’ necessario ribadire che non vi è espressione di compassione nell’aiutare a morire, ma il prevalere di una concezione antropologica e nichilista in cui non trovano più spazio né la speranza né le relazioni interpersonali. C’è una contraddizione stridente tra la mobilitazione solidale, che ha visto un Paese intero attivarsi contro un virus portatore di morte, e un’iniziativa che, a prescindere dalle intenzioni dei singoli firmatari della richiesta referendaria, propone una soluzione che rappresenta una sconfitta dell’umano”, confida il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Leggi tutto

Società

La terza dose di vaccini anti Covid non convince gli italiani

Guendalina Graffigna, psicologa dell’Università Cattolica di Cremona ha parlato della sfiducia degli italiani verso la terza dose di vaccino, ritenuta ora necessaria dagli esperti: “Troppe volte siamo stati disillusi”

Leggi tutto

Storie

La storia di Francesca testimone del bello e del bene del mondo

Oggi, sono un’insegnante da 26 anni e mai neanche un giorno ho pensato che avrei potuto scegliere un’altra strada. Perché insegnare è la mia vita, non è il mio lavoro. Lo dico a tutte le persone che, in assenza d’altro o come ripiego, cercano di entrare nel mondo della scuola, magari attratti scioccamente dalle vacanze estive. Insegnare non è un lavoro, è una vocazione, è una missione. Lo devi desiderare fin dal profondo delle tue viscere. Devi sentire che ti scorre nel sangue. Devi imparare ad attingere forza ed energie da un sorriso, da un abbraccio o da un disegno di te che occupa tutto il foglio per dirti quanto sei importante. Da un 《ti voglio bene maestra… 》. Devi imparare a ricaricarti nelle piccole cose perché per il resto del tempo è un darti, darti, darti e ancora darti. E allora quei mesi di vacanza sono come la prescrizione medica dei giorni che necessiti per ritornare a darti.

Leggi tutto

Politica

Vaccini COVID-19: il Parlamento europeo chiede politiche più trasparenti

In una risoluzione adottata con 458 voti favorevoli, 149 contrari e 86 astensioni, il Parlamento europeo ha chiesto una legislazione per rendere più trasparente il processo di ricerca, acquisto e distribuzione dei vaccini contro il COVID-19. Ciò consentirebbe ai deputati di verificare in maniera più efficace le politiche UE sui vaccini. Allo stesso tempo, la Commissione dovrebbe discutere di queste politiche più apertamente con i cittadini.

Leggi tutto

Media

“La tragedia della Talidomide: aspetti medici, scientifici e giuridici”

Il 25 settembre prossimo verrà presentato un libro inerente gli Atti del Convegno che si è svolto a Montecatini Terme il 22 Febbraio del 2020; il libro sarà intitolato: “La tragedia della Talidomide: aspetti medici, scientifici e giuridici”» e sarà edito dalla Casa editrice Art Florence. Il tragico farmaco, somministrato negli anni “50\60” alle donne in gravidanza (per alleviare nausee e vomito), ha provocato migliaia e migliaia di aborti insieme ad un gran numero di bambini focomelici.

Leggi tutto

Politica

Il Portogallo tra eutanasia e maternità surrogata

Il Portogallo procede a passo di gambero facendo passi indietro sulla legge riguardante l’eutanasia ma procedendo in avanti sulla maternità surrogata.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano