Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Domani l’incontro tra il Papa ed i giovani di Scholas

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Giungeranno dai cinque continenti e da vari contesti socioeconomici per condividere con il Papa le esperienze vissute fino ad oggi durante la pandemia e gli insegnamenti appresi nelle loro distinte comunità. Sono i giovani di Scholas Occurrentes, rete globale di solidarietà nata in Argentina e divenuta Fondazione pontificia, per volere dello stesso Francesco, e ora presente in 190 paesi del mondo con la missione di rispondere alla chiamata a creare la cultura dell’incontro. Saranno in 71, di età compresa tra i 16 e i 27 anni, provenienti da 41 Paesi, dalla Germania al Brasile, da Haiti all’Egitto, al Vietnam, allo Zimabwe: incontreranno Papa Francesco giovedì 25 novembre alle ore 16.00 al Pontificio Collegio Internazionale Maria Mater Ecclesiae.

Nel racconto dei ragazzi il mondo che essi immaginano e le modalità con le quali pensano di poter convertire la loro prospettiva in azioni concrete da mettere in atto al rientro nei loro Paesi. Il contesto è quello della pandemia che ha portato ad una nuova consapevolezza di sé stessi. Al Papa presenteranno il loro nuovo progetto politico ispirato all’enciclica Fratelli Tutti. Cinquanta di questi giovani inizieranno anche un anno di formazione umana e politica ispirata all’enciclica ‘Fratelli Tutti’ con l’obiettivo di creare una risposta che sia al passo con i tempi e inclusiva delle periferie geografiche e sociali.

Le loro situazioni sono diverse, per provenienza e contesto, ma anche per cultura e religione. Tra loro ci sono rifugiati, studenti di prestigiose università e giovani esclusi dal sistema educativo, si ritrovano insieme per condividere le loro esperienze vissute in questo tempo di crisi sanitaria, isolamento e restrizioni. All’incontro saranno presenti specialisti delle nuove sfide della politica digitale, della democrazia diretta, delle nuove economie, dell’impatto delle cripto valute e dell’importanza della connessione tra il mondo virtuale e quello reale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2021
0712/2021
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ecologia integrale, non ambientalismo

La solenne apertura dell’Anno Santo della Misericordia è stata oscurata da una improvvida polemica sullo spettacolo illuminotecnico “Fiat lux”, proiettato sulla facciata della basilica vaticana. Al netto dell’amarezza per l’occasione sfumata nella solita chiacchiera da salotto, alcune considerazioni vanno però fatte

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Chiesa

Congo, il dono del Papa ad un orfanotrofio

Al Foyer Nazareth, alla periferia della capitale Brazzaville, giunti tramite l’Elemosineria apostolica e la Nunziatura i medicinali offerti da Francesco per curare la drepanocitosi.

Leggi tutto

Chiesa

Papa:Santa Messa in suffragio dei Cardinali e Vescovi defunti

Ricordando nella Messa in San Pietro i 17 cardinali e i 191 arcivescovi e vescovi deceduti nel corso dell’anno, in diversi a causa del Covid, il Papa invita a guardare le avversità con occhi diversi: nell’angoscia del nonsenso, Dio si avvicina per salvare

Leggi tutto

Storie

Haiti: rilasciati due dei missionari rapiti

Il gruppo cristiano “Christian Aid Ministries” conferma la liberazione di 2 dei 17 missionari sequestrati il 16 ottobre alla periferia orientale di Port-au-Prince, per mano della banda armata “400 Mawozo”

Leggi tutto

Storie

La Svizzera e la situazione delle famiglie

La pandemia ha aumentato i carichi di lavoro preesistenti: soprattutto le persone con compiti di cura considerano che sia stato più difficile del solito conciliare attività retribuita, famiglia e lavori domestici. Indipendentemente dal tipo di economia domestica, le donne sono maggiormente colpite.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano