Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Eventi per la giornata pro orantibus

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Coincidendo quest’anno il 21 novembre con la Solennità di Cristo Re, le iniziative per le religiose di vita contemplative sono state pensate per il prossimo fine settimana. Il primo appuntamento è sabato alle 9.30 per il convegno on line - a causa dell’emergenza sanitaria - “Vita contemplativa, profezia di fraternità” da Villa Nostra Signora della Meditazione, sede del Segretariato Assistenza Monache, presso il Monastero Sacro Cuore di Roma. Interverranno il cardinale João Braz de Aviz, prefetto della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, e mons José Rodríguez Carballo, segretario del dicastero e presidente del Segretariato Assistenza Monache, suor Giuseppina Fragasso, vice presidente del Segretariato, e suor Cecilia Pasquini, coordinatrice della comunità Villa Nostra Signora della Meditazione. Domenica, invece, alle 11, monsignor Carballo presiederà una Messa al Monastero dei Santi Quattro Coronati. Le due iniziative, riferisce un comunicato della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica vogliono celebrare la vita contemplativa “dono di grazia per la Chiesa”.

La giornata pro orantibus, è stata celebrata per la prima volta nel 1953. Il Segretariato Assistenza Monache, è nato il 12 gennaio dello stesso anno su impulso della Sacra Congregazione dei Religiosi allo scopo di divulgare i valori spirituali della vita contemplativa, farne conoscere gli elementi essenziali, sostenere le comunità di clausura femminili nei loro bisogni quotidiani, contribuire alle spese mediche per le religiose. Oggi ente eretto dalla Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica provvede, soprattutto, alle necessità dei monasteri in difficoltà, rispondendo a richieste che giungono da tutto il mondo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2021
0712/2021
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa delle parole chiare

Il merito principale di Papa Francesco è quello di adottare un linguaggio privo di ambiguità

Leggi tutto

Chiesa

Ecco chi c’era al “sinodo-ombra” di maggio

Esce un libro in cui i “docenti di teologia” del conciliabolo in Gregoriana vengono allo scoperto, con nomi (sconosciuti),
numeri (risibili) e tesi (le solite). E le minacciose ombre proiettate sul cinematografo di Repubblica svaniscono d’incanto

Leggi tutto

Storie

Matrimonio lesbico in una chiesa di Macerata

Non lo è dal punto di vista giuridico (per quanto i nominalismi contino sempre di meno e le parole al giorno d’oggi assumano talvolta significati quasi opposti a quelli che rintracciamo nei dizionari), e non lo è nemmeno dal punto di vista sostanziale: il matrimonio è l’unione di un uomo e di una donna che suggellano un patto senza data di scadenza né fini espliciti, se non quello di mostrare la propria disponibilità alla vita che potrà venire, accoglierla, proteggerla, educarla e fornire alla società intera il dono impagabile di una nuova generazione.

Leggi tutto

Storie

Claudio Chieffo e la sua musica per la vita

Claudio Chieffo è una di quelle “dimenticanze” a cui ci abituati il secolarismo contemporaneo. Perché se sei cristiano – e scegli di professare la tua fede attraverso l’arte o la letteratura in modo diretto – non ti viene dato quel rilievo che meriteresti. Nemmeno se ti onora della tua amicizia uno come Guccini. Nemmeno se riesci a rendere pensoso uno come Gaber, che diceva: «Nelle canzoni di Claudio c’è un’onestà, una pulizia, un amore naìf che fa pensare. Siamo profondamente diversi, non solo per le sicurezze che lui ha e che io non ho, ma soprattutto perché nelle sue canzoni lui non fa mistero delle sue certezze». Stupirsi di questa “dimenticanza” del mondo laico vorrebbe dire non aver compreso nulla del Cristianesimo. Indignarsi meno ancora. Zittire le voci che inquietano è, da sempre, provare a zittire la Voce, l’unica, che rivela l’uomo a se stesso. Si suppone (ma la speranza è sempre in modalità on per chi professa Cristo) che non ci saranno tributi televisivi di un certa rilevanza nazionale per i 10 anni dalla sua morte, il 19 Agosto prossimo. Come se non avesse mai avuto un pubblico. Ma ci sarà una Messa, celebrata da mons. Luigi Negri. E si può essere certi che a lui, dov’è ora, questo “ricordo” piacerà anche più di un tributo.

Leggi tutto

Chiesa

Il profilo del politico che vuole il Vaticano

Due interventi ravvicinati, nei giorni immediatamente successivi al varo del “Biotestamento” danno un sensibile segnale dalla Chiesa

Leggi tutto

Chiesa

Messori ci richiama al cristianesimo primario

Se ne sente davvero il bisogno in un tempo in cui, per usare la formula più che trentennale del filosofo svizzero Romano Amerio, dilaga il «cristianesimo secondario». Con questa espressione Amerio voleva indicare quel cristianesimo preoccupato più che altro di produrre opere terrene, tutto assorbito dall’impegno sociale e dall’edificazione della città dell’uomo. In buona sostanza, Amerio se la prendeva con quel cristianesimo “engagé” che sembra prefiggersi, come prima e unica preoccupazione, quella di perfezionare la natura umana lasciando da parte la trascurabile questione della salvezza eterna.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano