Chiesa

di Stefano Di Tomassi

Quanta Ostia “sugli altari della “mensa” di Dio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sempre più presente vicino al Santo Padre, il legame tra Ostia e Papa Francesco cresce. Da quel Corpus Domini del 2018 la città lidense è maggiormente attiva a preparare – come ci ricordava Papa Bergoglio – la ‘mensa del Signore’. Lo fa nella carità, ma anche nella cultura, con i giovanissimi anche intorno alla mensa della liturgia della celebrazione eucaristica.

La Chiesa evangelizza anche con la bellezza della Liturgia.

E’ bello vedere il diacono Generoso Simeone sempre molto prossimo alla cattedra di Pietro, aiutare il Papa sotto il colonnato del Bernini; ugualmente bello è seguirlo con don Giovanni Carpentieri tra i parchetti della periferia lidense a ‘caccia’ di quei ragazzi tra lontani dalle loro famiglie. E’ bello vedere presso la Chiesa di Regina Pacis, bambini e adolescenti terminare, in questi giorni, la loro preparazione come ‘ministranti’, e ricevere l’abito e anche un piccolo ‘tesserino di riconoscimento’ con una preghiera ad hoc per loro, affinché inizi il loro Servizio vicino alla mensa/altare di Dio.

Chi scrive l’articolo su questa ‘dimensione circolare della chiesa’ lo fa perché questo tesserino, caduto a scuola al suo bambino possessore, lo ha raccolto e riconsegnato. Spesso il Signore fa ‘cadere’ il suo ‘seme’.

E’ bello che questo Venerdì 26 p.v. presso la Chiesa di Santa Monica inizi una vera e propria preparazione, aperta alla cittadinanza di Ostia, che spieghi la Liturgia della Chiesa universale; è un vero e proprio ‘libro’ millenario che si apre di fronte agli occhi di chi segue e allora il rito e il rituale si comprende collegato alla Sacra Scrittura e arricchito dalla storia di una relazione tra l’uomo e il Signore Dio.

I passi di una storia millenaria hanno lasciato le loro impronte e da ognuna di esse, nel bene e nel male, Gesù ha insegnato il cammino della chiesa nella chiesa. Quelli che da fuori possono sembrare solo riti e rituali, rappresentano invece un bagaglio di memorie, di vita comunitaria densa e intensa. In questi il Signore e gli uomini si riconoscono e si compiacciono, comunicano e per questo la celebrazione della liturgia è anche un dialogo e un linguaggio.

Non avrebbe molto senso vivere nel passato, nei gesti, nei simboli e segni se non si mettesse il dito nei segni del dolore di Gesù, nelle piaghe della crocifissione, nell’aiuto verso il fragile, il povero, il solo, lo smarrito, il recluso; nello stesso tempo andare sempre fuori, senza girarsi a guardare lo splendore della storia fatta insieme con Gesù attraverso la celebrazione dei suoi passaggi, nei secoli e nei millenni, forse avrebbe poco spessore, certo si perderebbe una grande occasione di conoscenza e coscienza.

Allora guarda Signore alle mani giunte nella preghiera che si alza verso di te e fai che siano la mensa che viene edificata, una la carità l’altra la storia della nostra relazione lungo gli anni, i secoli e i millenni. Non far separare questa unione in modo che le mani giunte come gli atri del cuore permettano una pulsazione dell’Amore che di Vita Verità e Vita..

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2021
0712/2021
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

51 anni di Dei Verbum

Sono passati 51 anni ma questo documento ha ancora molto da dirci. Curiosamente non è nemmeno tra i più commentati: eppure, anche per la difficoltà che costò ai Padri Conciliari, sarebbe importante riprenderlo in mano e poterlo meditare. Convincendosi, una volta per tutte, che il Concilio, quello vero, non ha responsabilità alcuna nelle crisi ecclesiali odierne, vere e presunte.

Leggi tutto

Società

Sentenze, appello ai magistrati

Nichi Vendola ha un bel definire “storica” la sentenza di Trento sui “due papà”: in spregio alle leggi italiane (che i giudici dovrebbero osservare e far osservare), i magistrati hanno dichiarato che «i figli non sono di chi li fa ma di chi se li compra». Tutto per una incredibile flessibilità delle parole “genitore” e “figlio”, sulle quali la magistratura esibisce una disinvolta distorsione: urge univocità

Leggi tutto

Chiesa

Verso il Sinodo dei giovani

A Roma si preparano gruppi di lavoro e schemi, mentre in Svizzera sono i giovani stessi che si preparano in vista del sinodo, nel quale vorranno evidentemente dire la loro. Non manca (né mancherà) chi si prepara a chiedere le solite “aperture”, mentre all’ombra del Cupolone qualcuno auspica che gli stessi argomenti di discussione siano un po’ meno “calati dall’alto”…

Leggi tutto

Chiesa

Giovani, emergono padri sinodali in gamba

Muove i primi passi, in Vaticano, il “sinodo sui giovani” (e la fede e il discernimento vocazionale), e se certe testate a caccia di click raccontano il solito episcopato proteso all’erosione delle salutari esigenze della vocazione cristiana la realtà dei fatti dice anche altro: presentiamo ai lettori italiani il vescovo di Los Angeles. Giovane, fresco, comunicativo. E felicemente sodo nei contenuti.

Leggi tutto

Politica

La terza via sulla quale deve puntare il popolarismo sturziano dopo le Europee

Impossibile pensare di indulgere – come fanno i movimenti populisti – sull’opzione di vellicare “la pancia del Paese” (cioè le sue voglie e le sue paure)

Leggi tutto

Politica

Verso un’epoca nuova

L’intellettualismo imperante privilegia una parte dell’umanità della persona finendo per astrattizzarla e dunque distorcerla: la sua ragione. Si viviseziona così l’uomo, spegnendolo, in ragione astratta; anima, moralità, disincarnata; e resto emozionale, pratico, del soggetto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano