Chiesa

di Stefano Di Tomassi

Quanta Ostia “sugli altari della “mensa” di Dio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sempre più presente vicino al Santo Padre, il legame tra Ostia e Papa Francesco cresce. Da quel Corpus Domini del 2018 la città lidense è maggiormente attiva a preparare – come ci ricordava Papa Bergoglio – la ‘mensa del Signore’. Lo fa nella carità, ma anche nella cultura, con i giovanissimi anche intorno alla mensa della liturgia della celebrazione eucaristica.

La Chiesa evangelizza anche con la bellezza della Liturgia.

E’ bello vedere il diacono Generoso Simeone sempre molto prossimo alla cattedra di Pietro, aiutare il Papa sotto il colonnato del Bernini; ugualmente bello è seguirlo con don Giovanni Carpentieri tra i parchetti della periferia lidense a ‘caccia’ di quei ragazzi tra lontani dalle loro famiglie. E’ bello vedere presso la Chiesa di Regina Pacis, bambini e adolescenti terminare, in questi giorni, la loro preparazione come ‘ministranti’, e ricevere l’abito e anche un piccolo ‘tesserino di riconoscimento’ con una preghiera ad hoc per loro, affinché inizi il loro Servizio vicino alla mensa/altare di Dio.

Chi scrive l’articolo su questa ‘dimensione circolare della chiesa’ lo fa perché questo tesserino, caduto a scuola al suo bambino possessore, lo ha raccolto e riconsegnato. Spesso il Signore fa ‘cadere’ il suo ‘seme’.

E’ bello che questo Venerdì 26 p.v. presso la Chiesa di Santa Monica inizi una vera e propria preparazione, aperta alla cittadinanza di Ostia, che spieghi la Liturgia della Chiesa universale; è un vero e proprio ‘libro’ millenario che si apre di fronte agli occhi di chi segue e allora il rito e il rituale si comprende collegato alla Sacra Scrittura e arricchito dalla storia di una relazione tra l’uomo e il Signore Dio.

I passi di una storia millenaria hanno lasciato le loro impronte e da ognuna di esse, nel bene e nel male, Gesù ha insegnato il cammino della chiesa nella chiesa. Quelli che da fuori possono sembrare solo riti e rituali, rappresentano invece un bagaglio di memorie, di vita comunitaria densa e intensa. In questi il Signore e gli uomini si riconoscono e si compiacciono, comunicano e per questo la celebrazione della liturgia è anche un dialogo e un linguaggio.

Non avrebbe molto senso vivere nel passato, nei gesti, nei simboli e segni se non si mettesse il dito nei segni del dolore di Gesù, nelle piaghe della crocifissione, nell’aiuto verso il fragile, il povero, il solo, lo smarrito, il recluso; nello stesso tempo andare sempre fuori, senza girarsi a guardare lo splendore della storia fatta insieme con Gesù attraverso la celebrazione dei suoi passaggi, nei secoli e nei millenni, forse avrebbe poco spessore, certo si perderebbe una grande occasione di conoscenza e coscienza.

Allora guarda Signore alle mani giunte nella preghiera che si alza verso di te e fai che siano la mensa che viene edificata, una la carità l’altra la storia della nostra relazione lungo gli anni, i secoli e i millenni. Non far separare questa unione in modo che le mani giunte come gli atri del cuore permettano una pulsazione dell’Amore che di Vita Verità e Vita..

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2021
2605/2022
San Filippo Neri

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa e libri gender: l’imbroglio del Corsera

E’ vergognoso che i media più autorevoli del paese si prestino a questo gioco infame di burattinai avidi che propagandano il falso spacciandolo per vero

Leggi tutto

Società

Scuola e chiesa ora tocchiamo veramente i fondi

Gabriele Toccafondi è un fiorentino del ‘72, laureato in scienze politiche, ha fatto il consigliere all’università di Firenze, è stato membro di un sacco di commissioni e promotore di iniziative culturali e dal ‘99 ha messo i piedi in politica per poi non toglierli più. Ha militato tra le file di una lista civica, poi è passato a Forza Italia, poi è stato deputato PdL e nel 2013 ha indossato la casacca NCD, grazie alla quale ora siede sulla poltrona di Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Leggi tutto

Società

Nell’universo del sadismo non c’è amore

La degradazione dell’altro a oggetto di piacere spiega la predilezione degli antieroi sadiani per la sodomia. Scrive Lombardi Vallauri: «Il privilegiamento assoluto e sistematico della sodomia, nel rapporto sia omo- che eterosessuale, esprime nel modo più plastico la generale riduzione dell’altro a puro succube, a sub-giacente, privato del volto e dello sguardo, ossia degli organi della reciprocità, egli è passività pura, materiale per alimentare il fuoco della passione. La posizione fisica nel rapporto esprime il rifiuto dell’incontro, la sterilità del rapporto il rifiuto dell’impegno».

Leggi tutto

Chiesa

Perego il vescovo pilota

Don Alessandro Guerinoni ha ricevuto una dura reprimenda dal suo vescovo, burocraticamente mediata dal Vicario generale e dal Cancelliere episcopale e confezionata con tutti i timbri del caso.
Motivo? La sua ospitalità al Popolo della Famiglia nei saloni parrocchiali. Il successore di mons.Negri sembra voler attuare le trame di un’ostilità politica al movimento politico del Family Day.

Leggi tutto

Società

Conosciamo i nostri figli?

Le statistiche sulle dipendenze (nuove e vecchie) dei giovani e giovanissimi mostrano una morsa di fragilità che si fa sempre più impenetrabile, oltre la cortina di sostanze psicotrope e di una pornografia dilagante. L’anno del Sinodo sui Giovani può essere per la Chiesa e per la società il momento in cui si chiuda una buona volta la stagione della complicità (dis)educativa e si volti pagina

Leggi tutto

Storie

Gente che è stata muta

Meno sbarchi significa oggettivamente meno morti in mare e meno business sulla pelle dei migranti.  questo governo come Popolo della Famiglia non abbiamo mai fatto sconti, ma nel caso specifico il comportamento è quello corretto e chi protesta e fa sceneggiate è attivato dallo stesso cinismo, fa solo campagna elettorale. A noi interessa parlare di bene comune in materia di immigrazione e lo si fa solo tornando a istituire i flussi, trattandoli per quote a livello europeo, facendo arrivare i migranti integrabili per via aerea o con i corridoi umanitari, spazzando via il business dei mercanti di uomini in Africa e anche in Italia. Salvando così davvero migliaia di uomini, donne e bambini da morte certa nel Mediterraneo e ancora di più nel deserto che molti non riusciranno mai ad attraversare. E andando a prelevare dai Paesi africani migranti che siano veramente in stato di bisogno, perché quattromila euro a uno scafista li può dare solo chi appartiene al “ceto medio” africano e per questo il 90% di chi sbarcava sulle nostre coste negli anni passati era composto da maschi adulti. Troppi dei quali capaci poi di delinquere anche in forma organizzata (la mafia nigeriana è solo uno degli esempi, la fitta rete degli spacciatori tunisini, algerini e marocchini ne è un altro) in collaborazione con le forme nostrane di criminalità specie nel Sud Italia ma non solo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano