Chiesa

di Stefano Di Tomassi

Quanta Ostia “sugli altari della “mensa” di Dio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sempre più presente vicino al Santo Padre, il legame tra Ostia e Papa Francesco cresce. Da quel Corpus Domini del 2018 la città lidense è maggiormente attiva a preparare – come ci ricordava Papa Bergoglio – la ‘mensa del Signore’. Lo fa nella carità, ma anche nella cultura, con i giovanissimi anche intorno alla mensa della liturgia della celebrazione eucaristica.

La Chiesa evangelizza anche con la bellezza della Liturgia.

E’ bello vedere il diacono Generoso Simeone sempre molto prossimo alla cattedra di Pietro, aiutare il Papa sotto il colonnato del Bernini; ugualmente bello è seguirlo con don Giovanni Carpentieri tra i parchetti della periferia lidense a ‘caccia’ di quei ragazzi tra lontani dalle loro famiglie. E’ bello vedere presso la Chiesa di Regina Pacis, bambini e adolescenti terminare, in questi giorni, la loro preparazione come ‘ministranti’, e ricevere l’abito e anche un piccolo ‘tesserino di riconoscimento’ con una preghiera ad hoc per loro, affinché inizi il loro Servizio vicino alla mensa/altare di Dio.

Chi scrive l’articolo su questa ‘dimensione circolare della chiesa’ lo fa perché questo tesserino, caduto a scuola al suo bambino possessore, lo ha raccolto e riconsegnato. Spesso il Signore fa ‘cadere’ il suo ‘seme’.

E’ bello che questo Venerdì 26 p.v. presso la Chiesa di Santa Monica inizi una vera e propria preparazione, aperta alla cittadinanza di Ostia, che spieghi la Liturgia della Chiesa universale; è un vero e proprio ‘libro’ millenario che si apre di fronte agli occhi di chi segue e allora il rito e il rituale si comprende collegato alla Sacra Scrittura e arricchito dalla storia di una relazione tra l’uomo e il Signore Dio.

I passi di una storia millenaria hanno lasciato le loro impronte e da ognuna di esse, nel bene e nel male, Gesù ha insegnato il cammino della chiesa nella chiesa. Quelli che da fuori possono sembrare solo riti e rituali, rappresentano invece un bagaglio di memorie, di vita comunitaria densa e intensa. In questi il Signore e gli uomini si riconoscono e si compiacciono, comunicano e per questo la celebrazione della liturgia è anche un dialogo e un linguaggio.

Non avrebbe molto senso vivere nel passato, nei gesti, nei simboli e segni se non si mettesse il dito nei segni del dolore di Gesù, nelle piaghe della crocifissione, nell’aiuto verso il fragile, il povero, il solo, lo smarrito, il recluso; nello stesso tempo andare sempre fuori, senza girarsi a guardare lo splendore della storia fatta insieme con Gesù attraverso la celebrazione dei suoi passaggi, nei secoli e nei millenni, forse avrebbe poco spessore, certo si perderebbe una grande occasione di conoscenza e coscienza.

Allora guarda Signore alle mani giunte nella preghiera che si alza verso di te e fai che siano la mensa che viene edificata, una la carità l’altra la storia della nostra relazione lungo gli anni, i secoli e i millenni. Non far separare questa unione in modo che le mani giunte come gli atri del cuore permettano una pulsazione dell’Amore che di Vita Verità e Vita..

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2021
0610/2022
S. Bruno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Verso un’epoca nuova

L’intellettualismo imperante privilegia una parte dell’umanità della persona finendo per astrattizzarla e dunque distorcerla: la sua ragione. Si viviseziona così l’uomo, spegnendolo, in ragione astratta; anima, moralità, disincarnata; e resto emozionale, pratico, del soggetto.

Leggi tutto

Chiesa

Le celebrazioni del Papa a novembre

Tra gli altri appuntamenti di novembre del Papa, la Messa per la Giornata mondiale dei poveri, istituita da Francesco nel 2016 a conclusione del Giubileo della Misericordia

Leggi tutto

Chiesa

Cei: meno seminaristi

I dati di un rapporto della Conferenza episcopale italiana svelano che in soli dieci anni la flessione vocazionale ha toccato quota 28%: in cinquant’anni i seminaristi sono più che dimezzati.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco saluta la Grecia

Alle 10.58 Francesco è decollato dall’aeroporto internazionale di Atene. Dopo un breve incontro con il Ministro degli Affari Esteri greco,

Leggi tutto

Storie

Papa Francesco riceve Sergio Mattarella

Nel Palazzo Apostolico vaticano, visita di congedo del capo di Stato italiano, che a febbraio concluderà i sette anni di presidenza. Sergio #Mattarella ha incontrato il #Papa e, successivamente, il cardinale Parolin e monsignor Gallagher.

Leggi tutto

Storie

SIRIA: Il monastero di Mar Elian, devastato dai jihadisti, potrà rinascere

Il Monastero di Mar Elian, situato alla periferia della città siriana di Quaryatayn, e che nel 2016 era stato devastato e profanato dai miliziani jihadisti, potrebbe presto tornare a essere un luogo di preghiera e di pace per i cristiani siriani

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano