Società

di Roberto Signori

Transgender nello sport, il Cio cambia le regole

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nelle nuove linee guida del Comitato Olimpico Internazionale si legge che «ogni individuo ha diritto a praticare sport senza subire discriminazioni, in rispetto della salute, della sicurezza e della dignità personale». Il nuovo decalogo, che al momento non è vincolante per le federazioni ma dovrebbe diventarlo dopo le Olimpiadi invernali in programma a Pechino nel 2022, si apre con una regola subito denominata «dell’inclusività».

«Chiunque a prescindere dall’identità di genere, dal sesso e dalle sue possibili variazioni, ha diritto a partecipare alle competizioni sportive». Il testo, inoltre, specifica che «gli atleti potranno scegliere di gareggiare nella categoria che meglio rappresenta il loro genere d’elezione».
«Verrà comunque verificato», è scritto nel secondo passaggio, «che non vi sia un eccessivo svantaggio/vantaggio competitivo tra gli atleti che partecipano nella stessa categoria. Solo nel caso di evidenze scientifiche che attestano la superiorità fisica rispetto alla categoria di riferimento potranno essere applicate delle restrizioni alla partecipazione».

Proprio l’introduzione di questo nuovo principio porta il Cio a prendere una decisione che cambia il corso della storia sportiva «Nessun atleta, che sia uomo, donna o in condizione di transizione tra l’uno e l’altro sesso, potrà essere sottoposto a test medici che verificano il genere di appartenenza».

Questo significa che sarà vietata l’analisi dei livelli di testosterone per determinare se una persona deve gareggiare nelle competizioni maschili o in quelle femminili.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2021
0712/2021
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La fede fa bene dice la scienza

Avere fede fa stare bene

Leggi tutto

Società

La “civiltà” dei piagnistei e l’emergenza.

«La cultura del piagnisteo è il cadavere del liberalismo degli anni Sessanta, è il frutto dell’ossessione per i diritti civili e dell’esaltazione vittimistica delle minoranze.», così Robert Hughes in “La cultura del Piagnisteo

Leggi tutto

Storie

USA: vogliono clonare un mammut!

Sono stati raccolti 15 milioni di dollari per clonare un mammut. Il team coordinato dal genetista George Church vuole creare un embrione ibrido incrociando il pachiderma estinto con l’elefante asiatico

Leggi tutto

Storie

Il Tempo e le verità sul covid

Sui decessi dovuti strettamente al virus (2,9% del totale), il direttore Franco Bechis: “È stato l’Istituto superiore di sanità per bocca del suo stesso presidente a ripetere in ogni conferenza stampa fin dall’inizio della pandemia che quelle cartelle cliniche erano sì un campione parziale, ma rappresentativo di tutta la realtà dell’infezione. Quindi se sbagliata è quella comparazione fra il campione è la realtà, l’errore è dell’Iss, non del Tempo. Se è fake news, va attribuita ai vertici della sanità italiana, non a chi la riporta”

Leggi tutto

Chiesa

Tre giorni di Fede e sport in Vaticano

Si è aperta ieri la conferenza globale su fede e sport che vedrà, in Vaticano, per tre giorni (dal 5 al 7 Ottobre) riunirsi atleti e rappresentati di fede per parlare e testimoniare i principi su cui dovrebbe basarsi lo sport e su cui, in un modo profondo, può innestarsi l’esperienza di fede di ogni singolo sportivo, qualsiasi essa sia.

Leggi tutto

Società

Passi avanti nella comprensione delle malattie del neurosviluppo

Uno studio, svolto da Humanitas University in collaborazione con l’Istituto di neuroscienze del Cnr, Università di Montreal e Politecnico Federale di Zurigo, ha evidenziato un collegamento tra disturbi del neurosviluppo e infezioni in gravidanza. La ricerca è stata pubblicata su Immunity, Cell Press

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano