Storie

di Roberto Signori

In parrocchia salta l’evento con «l’ex gay»

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Luca Di Tolve, da gay a etero grazie alla conversione in Gesù Cristo ma guai a sostenerlo o volerlo raccontare. Così l’evento in programma il 27 novembre prossimo nella parrocchia dell’Immacolata di Modugno, insieme all’associazione Europa benedettina, è stato cancellato. Non prima, però, di una sollevazione di massa sui social, ma non solo: il Pd locale, il sindaco, il direttore generale della fondazione santi Medici di Bitonto hanno voluto dire la loro. Tutti hanno chiesto l’intervento autorevole dell’arcivescovo di Bari-Bitonto, monsignor Giuseppe Satriano che, nella sua prima omelia di insediamento, nell’ottobre dell’anno scorso, aveva sottolineato «non lasceremo indietro nessuno».

Presentato come un «momento di preghiera» per accogliere la «testimonianza di conversione» di Luca Di Tolve, autore del libro «Ero gay», l’evento è stato definito una «vergogna». Non certo per la vicenda umana e personale dell’autore in questione, ma per l’accostamento alla fede e alla conversione. La locandina dell’evento aveva fatto sobbalzare il direttore generale della Fondazione Santi Medici di Bitonto, Giovanni Vacca che sulla sua pagina Facebook aveva sollevato la questione: «Questa mattina (sabato scorso, ndr) sta girando questa locandina con la quale si invita a vivere un momento di preghiera per chiedere la conversione dall’omosessualità: un concentrato di violenza nascosto da fede e buonismo. Nella mia Diocesi. Quella del dialogo interreligioso ed ecumenico. Sono questi i momenti in cui mi vergogno di essere cattolico – scrive Vacca - Non c’è limite alla vergogna. Spero che qualcuno intervenga per bloccare questa vergogna. Praticamente il messaggio è che oltre ad essere una malattia è anche un peccato da convertire».

Anche il sindaco di Modugno, Nicola Bonasia, aveva avuto parole di sconcerto. «Mi dispiace pensare che ancora oggi, nel 2021 – sottolinea - si possano associare fede e identità come se la sessualità dipendesse da un cammino di redenzione: è un messaggio desolante che rischia di diventare fortemente discriminatorio. Da parte nostra il massimo impegno per rendere Modugno una comunità inclusiva il più possibile, convinti che solo le diversità possano farci crescere e diventare una grande città». Anche il Pd locale aveva preso una forte presa di posizione, riprendendo alcune farsi della locandina che annunciava l’evento. Espressioni come «dallo smarrimento della propria identità alla redenzione», «rinascita a una nuova vita», «certo mondo omosessuale», per il Pd, «non hanno nulla a che fare con il messaggio cristiano e sicuramente con una Comunità parrocchiale, quale quella dell’Immacolata».

Ma Di Tolve non ci sta. Sul suo profilo Facebook parla di «macchina del fango» e rivolgendosi al sindaco Bonasia sbotta: «Indignato dovrei essere io, perché il sindaco deve rappresentare tutti i cittadini. E nessuno – prosegue di Tolve – deve discriminarmi. Prima di lanciarmi le pietre – conclude di Tolve – venga ad ascoltarmi e poi mi giudichi».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2021
0712/2021
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Viale Mazzini: i vertici Rai sotto pressione

I baci gay, Luxuria “maestra” e Bertolucci senza censure in prima serata sono solo antipasti: il nuovo corso a guida gialloverde prepara per La Grande Storia documentari celebrativi dell’anniversario del primo Gay Pride. La presenza dei cattolici è così rarefatta da risultare ormai tecnicamente irrilevante (e non rilevabile). Non saranno le petizioni online a far cambiare le cose.

Leggi tutto

Politica

Il muso unto

Le piccole storie ignobili della politica italiana continuano. Quelli di “onestà, onestà” si avviano alla fine della legislatura in cui dovevano aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno con il muso unto di chi si è accorto quanto buono è il tonno.

Leggi tutto

Politica

AGNESE E LO STERMINIO

Al Copenhagen Post non farà piacere sapere però che nella corsa nazista allo sterminio la Danimarca è stata surclassata dall’Islanda, dove l’aborto per i bambini con diagnosi prenatale che fa emergere la Trisomia 21 riguarda il 100% dei casi e “da cinque anni non nascono i Down”. Evviva. Inutile ricordare che la Danimarca è il primo paese europeo ad aver legalizzato le unioni civili gay (1989) e come in Islanda vengono consentite formazioni familiari derivanti da utero in affitto: il bambino, insomma, è per quegli ordinamenti giuridici una “cosa” acquistabile appartenente agli acquirenti. In una visione antropologica e giuridica di questo tipo ovviamente la “cosa” fallata va eliminata.

Leggi tutto

Politica

EPPURE IL VENTO SOFFIA ANCORA

Il Popolo della Famiglia e i suoi militanti si sentono “un po’ frastornati dopo una sconfitta”, ma se è lecito e doveroso porre interrogativi sul metodo e sul merito dell’impegno politico fin qui condotto, permangono le spie di una situazione di emergenza. Come fa un movimento a crescere senza soldi, senza media, con l’astio militante di chi intanto è saltato sul carro dei vincitori, senza potere da gestire?

Leggi tutto

Storie

Brescia - Via le tombe dei bimbi mai nati: bufera sul sindaco Pd

Vergogna nel bresciano; 2500 tombe di bimbi mai nati sparite nel nulla, con i resti riesumati dal Comune di Brescia e depositati nell’ossario comune senza avvisare le famiglie coinvolte

Leggi tutto

Politica

Renzi copia il programma del PdF

La parola definitiva sulla televendita del redivivo dittatore democratico, di ritorno dall’Isola d’Elba, l’ha detta Makkox su Gazebo. Vogliamo però soffermarci su un “dettaglio”: mentre mette in sordina Scalfarotto e Concia, Renzi inserisce “mamma” tra le “tre parole” del suo nuovo Pd. Una rincorsa in cui il Popolo della Famiglia riconosce la difficoltà di Renzi che vuole recuperare consenso.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano