Chiesa

di Tommaso Ciccotti

La Chiesa avrà due nuovi santi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Chiesa avrà presto due nuovi santi e cinque beati mentre tra i sei neo venerabili spicca il nome di monsignor Antonio, “don Tonino”, Bello. Papa Francesco ricevendo il prefetto della Congregazione delle cause dei santi, il cardinale Marcello Semeraro, ha autorizzato i relativi decreti. A essere canonizzati saranno Tito Brandsma (1881-1942) e Maria di Gesù (al secolo Carolina Santocanale 1852-1923) di cui è stata riconosciuta l’intercessione per un miracolo.

Brandsma, nato a Bolsward, nei Paesi Bassi, carmelitano, filosofo, pioniere della stampa cattolica e impegnato nel dialogo ecumenico, fu un serio avversario del regime nazista, pagando questo suo atteggiamento con l’uccisione a Dachau. Andò incontro alla morte pregando per i suoi carnefici. Era beato dal 1985.

La nuova santa italiana è Maria di Gesù (al secolo Carolina Santocanale 1852-1923), .

Agli onori degli altari come beati in quanto martiri, senza cioè necessità di un miracolo, saliranno Enrico Planchart, Ladislao Radigue e 3 compagni, uccisi in odio alla fede il 26 maggio 1871 a Parigi, durante l’esperienza della Comune.

Come si diceva il Papa ha dato il via libera anche al riconoscimento delle virtù eroiche di sei nuovi venerabili, Oltre a monsignor Bello sono: Giovanni di Gesù Maria (carmelitano scalzo spagnolo, al secolo Giovanni de San Pedro y Ustarroz 1564-1615);

Giorgio Guzzetta (sacerdote oratoriano, 1682-1756) appartenente alla comunità albanese di Sicilia, ponte di dialogo con l’Oriente cristiano;

Natalina Bonardi (al secolo Maria, 1864-1945), educatrice, fondatrice delle Suore di Santa Maria di Loreto;

Maria Dositea Bottani (al secolo Maria Domenica 1896-1970). già superiora generale delle Suore Orsoline di Maria Vergine Immacolata, di Gandino;

Odette Vidal Cardoso (brasiliana, 1931-1939) la “piccola mistica”, attenta ai poveri che durante la sua breve vita avrebbe avuto dialoghi personali con Gesù.
L’immagine riassume una vita intera. «Abbandonò le comodità e si fece povera tra i poveri. Da Cristo, specialmente nell’Eucaristia, attinse la forza per la sua maternità spirituale e la sua tenerezza con i più deboli». Così papa Francesco definì Maria di Gesù Santocanale, nel richiamare la sua beatificazione avvenuta il 12 giugno 2016. Oggi con il via libera al decreto che riconosce un miracolo per sua intercessione si aprono le porte alla canonizzazione della religiosa, che sarà dunque presto santa. Nata Carolina, Maria di Gesù Santacanale vide la luce a Palermo il 2 ottobre 1852. Desiderosa sin da piccola di consacrarsi al Signore, dovette ritardare il suo progetto a causa delle condizioni di salute. Trasferitasi a Cinisi impostò il cammino di una nuova opera nel solco della spiritualità francescana e il 13 giugno 1887 ricevette il saio di Terziaria Regolare. Nel 1891 poi con le prime compagne si trasferì nella casa ereditata dai nonni iniziando il suo apostolato di servizio ai poveri e ai malati. Avendo accolto nel suo Istituto un certo numero di orfanelle, l’Opera si trasformò in Orfanotrofio cui seguì la creazione di un educandato. Il 13 giugno 1910 ottenne il via libera alla Regola che disciplinava la vita religiosa sua, e delle prime consorelle, insieme al decreto di aggregazione del nuovo Istituto all’Ordine dei Frati Minori Cappuccini. Il percorso dell’Istituto non fu tuttavia per niente facile. La Prima Guerra Mondiale ostacolò profondamente la sua crescita e l’arcivescovo di Monreale, viste la mancanze di fondi, impose alla prossima santa di chiudere il noviziato. Prove che minarono la salute di madre Maria di Gesù. Per curarsi la religiosa si trasferì a Palermo dai suoi fratelli, recuperando le forze tanto da rientrare a Cinisi dove il 24 gennaio 1923 ricevette l’autorizzazione alla riapertura del Noviziato e il decreto di conferma dell’Istituto. Morì il 27 gennaio 1923.

«Abbandonò le comodità e si fece povera tra i poveri. Da Cristo, specialmente nell’Eucaristia, attinse la forza per la sua maternità spirituale e la sua tenerezza con i più deboli». Così papa Francesco definì Maria di Gesù Santocanale, nel richiamare la sua beatificazione avvenuta il 12 giugno 2016. Nata Carolina, Maria di Gesù Santacanale vide la luce a Palermo il 2 ottobre 1852. Desiderosa sin da piccola di consacrarsi al Signore, dovette ritardare il suo progetto a causa delle condizioni di salute. Trasferitasi a Cinisi impostò il cammino di una nuova opera nel solco della spiritualità francescana e il 13 giugno 1887 ricevette il saio di Terziaria Regolare. Nel 1891 poi con le prime compagne si trasferì nella casa ereditata dai nonni iniziando il suo apostolato di servizio ai poveri e ai malati. Avendo accolto nel suo Istituto un certo numero di orfanelle, l’Opera si trasformò in Orfanotrofio cui seguì la creazione di un educandato. Il 13 giugno 1910 ottenne il via libera alla Regola che disciplinava la vita religiosa sua, e delle prime consorelle, insieme al decreto di aggregazione del nuovo Istituto all’Ordine dei Frati Minori Cappuccini. Il percorso dell’Istituto non fu tuttavia per niente facile. La Prima Guerra Mondiale ostacolò profondamente la sua crescita e l’arcivescovo di Monreale, viste la mancanze di fondi, impose alla prossima santa di chiudere il noviziato. Prove che minarono la salute di madre Maria di Gesù. Per curarsi la religiosa si trasferì a Palermo dai suoi fratelli, recuperando le forze tanto da rientrare a Cinisi dove il 24 gennaio 1923 ricevette l’autorizzazione alla riapertura del Noviziato e il decreto di conferma dell’Istituto. Morì il 27 gennaio 1923.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/11/2021
0312/2021
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Non sarà una Quaresima facile

Francesco invoca le lacrime: dalle coste libiche all’Ucraina fino al carcere italiano dove si suicida un detenuto nell’indifferenza, il male non ci lasci a ciglio asciutto

Leggi tutto

Chiesa

Ha parlato il Papa, la causa è finita: la “letizia dell’amore” spinge ad aprirsi alla Grazia

Sull’esortazione apostolica postsinodale “Amoris lætitia”, pubblicata ieri, i giornali si sono spartiti la preda dei clic, dei like e degli share, al grido di “Il Papa apre a…”. Salvo poi dover ribadire già in catenaccio (e ancora di più nei testi degli articoli) che l’auspicata agendina radical chic non è stata copiata nell’agenda della Chiesa. Francesco ha però rinnovato lo slancio a giocare appieno il potere che il Vangelo ha di incendiare i cuori e disporli alle sue esigenze

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ad Ariccia medita sull’ultima cena

Padre Giulio Michelini ha esposto al Santo Padre Francesco la terza meditazione del suo corso di esercizî quaresimali: il tema erano il pane e il vino consacrati da Cristo nell’ultima cena (e dalla Chiesa nell’Eucaristia). «Il sangue di Cristo viene versato per molti per la remissione dei peccati. Così chi legge il Vangelo scopre cosa significa il nome di Gesù – il Signore salva»

Leggi tutto

Chiesa

Io prete disabile e felice

Un parto prematuro, una paresi spastica alle gambe, un handicap evidente e per certi versi umiliante. Così comincia la vita di quello che oggi è un sacerdote cattolico felice di poter dare la gioiosa testimonianza di una vita redenta. «Sono stato un girovago tra tante amarezze e false consolazioni», dice di sé, e «il Signore ha fatto di me un uomo nuovo». Come? Un po’ come con Mosè, la cui forza veniva da un bastone in cui si ricordavano le promesse

Leggi tutto

Storie

E’ un diritto di ogni uomo essere anche donna seppur non lo sia

«C’è del metodo in questa follia», disse Polonio di Amleto: e in effetti a ben vedere non c’è troppo da stupirsi dell’assurdità di farsi dichiarare per legge appartenenti a un sesso che non è il proprio, giacché la stessa “riassegnazione sessuale” è poco più di una sofisticata mascherata. Solo che ci crediamo…

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ai giovani slovacchi: “ribellatevi alla cultura del provvisorio”

Nell’ultimo appuntamento del terzo giorno di viaggio Francesco ha esortato le nuove generazioni a non lasciarsi omologare. Intensa la catechesi sulla confessione: non dimenticate che il centro non sono i peccati ma il Padre che perdona e così diventerà “il Sacramento della gioia”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano