Società

di Roberto Signori

A Boston il congedo retribuito dopo l’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Aiuti alle famiglie per i figli? Ma quando mai…. anzi, secondo un rapporto del New Boston Post, i dipendenti della City potranno richiedere fino a 12 settimane di congedo retribuito dopo un aborto. La nuova politica, approvata in una riunione del Consiglio comunale il 15 settembre, si applica sia agli uomini che alle donne.

La rappresentante degli Stati Uniti Ayanna Pressley, ex consigliere comunale di Boston, ha sollecitato disposizioni simili per i dipendenti federali a Washington e ha affermato di essere “entusiasta” di sentire che la città di Boston ha preso questa iniziativa, affermando che “la fine della gravidanza dovrebbe essere affrontata con cura, compassione, sostegno e congedo retribuito, ma troppe famiglie soffrono in silenzio a causa della mancanza di consapevolezza e dello stigma culturale”.

Dal canto suo Patricia Stewart, del gruppo “Massachusetts Citizens for Lif”e, ha commentato al New Boston Post che la mossa supporta involontariamente alcune argomentazioni pro-vita: “Ironicamente, la concessione del congedo per aborto rafforza la visione pro-life secondo cui l’aborto è una scelta medica seria che può potenzialmente alterare la vita della donna a causa delle conseguenze sulla sua salute fisica, emotiva e psicologica”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/11/2021
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

NAPPI FILOSOFA ABORTISTA, I PENDII DELLA FOLLIA DI UNA PORNOSTAR

Scatenata su Instagram, la diva partenopea dell’hard si è lanciata in roboanti dichiarazioni: «Meglio abortire che non offrire il meglio ai figli»; «Non è omicidio se non c’è un livello minimo di complessità del sistema nervoso, e vale anche ai casi estremi di microcefalia». Nichilismo in plastilina.

Leggi tutto

Politica

Elisa Rossini e la richiesta di revoca dell’adesione alla Carta d’intenti Ready

IL TESTO DELL’INTERVENTO DI ELISA ROSSINI,  IN CONSIGLIO COMUNALE, SULLA RICHIESTA DI REVOCA DELL’ADESIONE ALLA CARTA DI’INTENTI READY (RETE NAZIONALE ANTIDISCRIMINAZIONI SULLA BASE DELL’ORIENTAMENTO SESSUALE E IDENTITA’ DI GENERE)

Leggi tutto

Società

La “resilienza” del fenomeno droga in tempo di pandemia Covid-19 e le nuove tendenze italiane.

La nuova strategia dell’UE in materia di droga per il periodo 2021-25 indica chiaramente che la risposta europea deve essere basata su dati concreti e realizzata attraverso un approccio equilibrato e integrato in base al suo impatto sulla salute, la sicurezza e il benessere dei nostri cittadini. L’EMCDDA ha il compito di contribuire a fornire i dati necessari per garantire che le politiche e le azioni europee in materia di droga siano coordinate, efficaci, ben mirate e reattive a nuove minacce e sfide

Leggi tutto

Politica

Che si fa quando fanno schifo tutti?

Un tempo triste avanza e inghiotte tutto, il tempo del nichilismo mortifero, del cinismo che è ormai maschera del politico, del disincanto che è mesta condizione del cittadino-elettore. Davanti al tassista che mi ha raccolto stamattina, prima “comunista così”, poi finiano e alemanniano, nell’ultimo giro disperatamente grillino, che ora dice “basta, me fanno schifo tutti”, che risposta si può cercare di dare?

Ho chiesto al tassista di regalarmi due minuti e riflettere. C’è qualcosa nella sua vita che conta davvero e per la quale la politica ha fatto concretamente qualcosa? Il tassista risponde: “Mi piacevano i grillini perché mandavano a fare in culo tutti. Sognavo una vita senza Berlusconi, Renzi, il Pd per respirare un po’. Alla fine se so’ alleati con Renzi, con il Pd e pure con Berlusconi. Mi piaceva Salvini perché sotto casa ho i pusher, ragazzini stranieri che spingono la droga nel quartiere e se so’ avvicinati anche ai miei figli. Adesso vedo gli amici de Salvini che fanno i festini gay drogati fino a sbroccare con i ragazzini stranieri affittati come mignotte. Mio padre votava Salvini, da giovane era fascista ma dopo Fini e Alemanno non si fida della Meloni. Adesso non c’è rimasto più nulla, mica mi metto a votare Pd, quelli tutelano solo i ricchi e i dipendenti pubblici che hanno il culo al caldo, a noi che lavoriamo per campare ci odiano”.

Leggi tutto

Politica

Mancano le parole d’ordine ed il centro-destra si schianta

Dopo questi ballottaggi si palesano tutti i limiti dell’offerta politica del centrodestra italiano: non facciamoci ingannare dalla bassa affluenza elettorale, il popolo moderato se ci fossero state proposte politiche all’altezza delle aspettative si sarebbe certamente mobilitato

Leggi tutto

Politica

NON È OMOFOBIA, È DEMOCRAZIA

In tutte, tutte, tutte le trasmissioni Rai, nessuna esclusa, è obbligatoria una conduzione gay friendly e la stigmatizzazione di qualsiasi opinione dissenziente, foss’anche il voto di un Parlamento sovrano rappresentante del popolo italiano, come accaduto nel caso del ddl Zan. Non ne può più l’Italia del racconto falsato dalle lenti deformate di costoro, della linea politica obbligatoria, del divieto di dissenso, dell’oppressione così esagerata da essere diventata fastidiosa persino per molti che hanno sostenuto negli anni le lotte di chi veniva discriminato. Ma la discriminazione di allora non può trasformarsi in una violenta e prepotente soverchieria oggi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano