Storie

di Nathan Algren

Jim Caviezel e compie 51 anni ricordando “The passion”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Durante le riprese de “La passione di Cristo”, Jim Caviezel (interpretando Gesù) ha perso 45 chili, è stato colpito da un fulmine, accidentalmente flagellato due volte con una frusta, lasciando una cicatrice di 14 pollici, si è slogata la spalla e ha sofferto di polmonite e ipotermia per essere appeso per lo più nudo su una croce per diverse ore fuori. Il suo corpo era così stressato ed esausto per aver interpretato il ruolo che ha dovuto subire 2 operazioni a cuore aperto dopo la produzione! La scena della crocifissione da sola ha richiesto 5 settimane del tempo delle riprese di 2 mesi.

La “Passione di Cristo” è il film con il più alto incasso negli Stati Uniti, di tutti i tempi, a 370,8 milioni di dollari! In tutto il mondo ha incassato 611 milioni di dollari. Soprattutto, ha raggiunto molte anime in tutto il mondo. Mel Gibson ha pagato 30 milioni di dollari di tasca sua per la produzione perché nessuno studio avrebbe accettato il progetto, e Jim Caviezel è stato avvertito di non assumere il ruolo di Gesù perché avrebbe rovinato la sua carriera.

Oggi è il compleanno di Jim Caviezel e compie 51 anni. Egli proclama con orgoglio la sua fede in Cristo in mezzo all’eventualità di Hollywood. Auguri!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/11/2021
0312/2021
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Harry Potter: J.K. Rowling, accusata di transfobia

La notizia del ritorno in sala del primo capitolo di Harry Potter ha riempito di entusiasmo i milioni di fan del maghetto occhialuto. Tuttavia la notizia è stata accolta anche con una ventata di odio nei confronti dell’autrice J.K. Rowling, accusata di transfobia e da tempo ormai al centro di molte proteste che puntano ora al boicottaggio del film.

Leggi tutto

Storie

Rinascere dopo il carcere il più grande sogno

Tra pochi giorni nelle sale di tutta Italia il film di Michele Vannucci con Mirko Frezza: è la storia di un sogno fragile, quello di un uomo che cerca di lasciarsi alle spalle una vita di strada. Un docufilm di fantasia, perché viene fuori dall’elaborazione collettiva del vero vissuto dell’attore principale

Leggi tutto

Storie

Gli Ultimi Jedi: quale redenzione è per sempre?

Un capitolo che è un vero e proprio esame di coscienza della serie e che, in un’epoca in cui gli esami sono fastidiosi, la coscienza un suppellettile dell’emotivo, quando non è un ostacolo, non potrà che provocare furiose ribellioni nei suoi affezionati (e già si sprecano le reazioni rabbiose online). Non possono più essere evitate le ombre del passato, nonostante l’attaccamento al sacro cavalierato del Lato Chiaro: «I Jedi devono scomparire», sentenzia il ritrovato maestro Skywalker, emerito nascosto in una versione nuragica del monastero Mater Ecclesiae (santuario ancestrale dello jedismo) e reticente a prendere come
discepola Rey (Daisy Ridley) «che viene dal nulla». Una ragazza che non ha nulla se non la scoperta di un’intima chiamata al di sopra della sua comprensione, che com’era stato per lui anni prima, si trova ora al centro delle sorti del suo tempo. Ella chiede di un maestro che tutto ha perso, dopo che tutto aveva guadagnato, perfino quel padre che sembrava perso del tutto, perché possa mostrarle donde proviene, la di lei origine «Cerco qualcuno che mi mostri dove si trova il mio posto».

Leggi tutto

Storie

Superman compie 80 splendidi anni

Il 18 aprile 1938, nel primo numero di Action Comics, Clark Kent, in arte Superman, fece il proprio esordio. In un mercato spesso difficile, come è quello dei supereroi, il supereroe in calzamaglia che si spoglia quando entra in azione non ha perso il proprio appeal: saranno gli occhi laser, saranno i pettorali, saranno gli archetipi cristologici, ma resta sempre bellissimo.

Leggi tutto

Storie

Per Brizzi ora soltanto tre righe di cronaca e nessuna riabilitazione

Per fausto Brizzi caso archiviato ma nessuna riabilitazione. La vicenda umana e professionale del regista muove a commozione, e inoltre è immagine di un miserevole stato di cose.

Leggi tutto

Società

L’IDEOLOGIA DELLA QUOTA ROSA

La frase del titolo de La Stampa è mia, la ritrovate nel testo dell’articolo in cui ho detto chiaramente che il film di Paolo Sorrentino sulla morte dei suoi genitori, che si dischiudeva in un delicato inno alla vita e al cinema stesso, meritava il Leone d’Oro a Venezia rispetto alla solita pappa abortista che l’ha vinto per ragioni ideologiche e “di genere.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano