Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Il Cardinale Erdő: “Fondamentale il collegamento tra il diritto e la vita”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il diritto non è astratto, la storia giuridica non è slegata dalla vita. Anzi, ogni riflessione sul diritto nasce da un caso concreto, risponde ad una necessità, contribuisce a creare una comunità giusta. In un momento storico in cui il diritto canonico sembra essere in crisi, il Cardinale Péter Erdő, arcivescovo di Esztergom-Budapest ribadisce invece l’importanza di una società fondata sul diritto.

L’occasione è la presentazione, in Pontificia Università Lateranense, del suo volume “Il Diritto Canonico tra Salvezza e Realtà Sociale”, curato da padre Bruno Esposito. Diviso in quattro parti, il volume rappresenta una ampia panoramica non solo della produzione accademica del cardinale, ma anche della storia giuridica. E già nel titolo dei saggi si può vedere la stretta connessione con la realtà attuale. Si parla dei principi fondamentali del magistero del Concilio Vaticano II su Chiesa e beni temporali, di Leggi ingiuste e libertà religiosa, dei criteri di discernimento e non solo… Infatti si trovano argomenti inerenti la reciprocità delle Chiese cattoliche sui iuris, del primato Romano, delle basi teologiche delle conferenze episcopali e di questioni interrituali, e del consenso del vescovo richiesto per la costruzione delle Chiese. Fino ad arrivare al ema del diritto processuale, che affronta anche temi come la certezza morale nella pronuncia del giudice.

Sono saggi che sono stati scritti in epoche diverse, ma che rappresentano, in fondo, uno spaccato dei problemi di oggi. Specialmente in un momento in cui il diritto canonico, che dovrebbe essere prima fonte normativa anche all’interno dello Stato di Città del Vaticano, sembra essere messo da parte anche in occasione di processi penali dello Stato.

Questo collegamento tra diritto e fatti concreti è stato sottolineato con forza dal Cardinale Erdő. Il quale è entrato proprio nella concretezza di alcuni dei temi affrontati. “Mi ero dovuto occupare del consenso della costruzione delle chiesa – ha raccontato – perché un architetto fantasioso voleva costruirne una in un posto appariscente di Budapest, e non aveva nemmeno chiesto il permesso. Poi mi aveva attaccato sulla stampa dicendo che non lo permettevo”.

Inoltre ha sottolineato l’arcivescovo di Budapest – “nella Chiesa, la lingua non è solo un mezzo di comunicazione, ma anche uno strumento per arrivare al cuore di una persona e questo lo avevano già scoperto gli autori del Rinascimento e del XVI secolo”. Per questo “non è superfluo rispettare questo aspetto”.

Insomma, ogni studio è collegato alla vita. “Spero di aver mostrato che il collegamento tra la storia giuridica e la nostra vita è tutt’oggi fondamentale”. E ha ricordato che, nella Chiesa, tutto è volto prima di tutto “all’incontro con Gesù come esperienza personale e spirituale, che abbiamo anche potuto sperimentare durante l’ultimo Congresso Eucaristico”.

.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/11/2021
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il viso espressivo di monsignor Castellucci

Mons. Castellucci non è nuovo per la mobilitazione pubblica e personale in favore della vita umana nascente. Nello scorso aprile ha partecipato ad esempio alla grande mobilitazione prolife organizzata nel centro di Modena con un corteo e un momento di preghiera che ha coinvolto oltre 350. Quando la proposta gli è giunta alle orecchie, subito il vescovo, non se l’è lasciata sfuggire, tanto più in occasione del Giubileo della Misericordia. «Può essere un segno - ha spiegato l’arcivescovo - e un modo per dire che la vita vale sempre. La Misericordia si manifesta fin dall’inizio. Ci sono tre elementi deboli nella vita umana: l’origine, l’esposizione e la fine. Non sempre si dà attenzione al livello normativo e culturale». Se la vita vale in quanto tale, i cristiani sono chiamati a un compito. «Dobbiamo avere uno sguardo più profondo», sostiene quindi mons. Castellucci, che si ottiene «guardando ai più piccoli, come fatto da Gesù Cristo: per essere grandi siate come i bambini».

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ringrazia per don Milani

Il vero motivo del viaggio a Barbiana, dalle parole stesse del Pontefice, è quello di dare finalmente una risposta alla richiesta di don Milani al suo vescovo, cui chiedeva «un qualsiasi atto solenne», perché altrimenti il suo apostolato sarebbe «apparso come un fatto privato». Sì, concede il Papa, dal Cardinale Silvano Piovanelli in poi, gli arcivescovi di Firenze hanno dato riconoscimento a don Lorenzo ma, ieri, lui lo ha fatto come vescovo di Roma e, questo, «non cancella le amarezze che hanno accompagnato la vita di don Milani – non si tratta di cancellare la storia o di negarla, bensì di comprenderne circostanze e umanità in gioco –, ma dice che la Chiesa riconosce in quella vita un modo esemplare di servire il Vangelo, i poveri e la Chiesa stessa».

Leggi tutto

Chiesa

Il convegno di Siracusa raccontato da chi c’è stato

Oltre i soliti zelanti allarmismi di certo mondo reazionario si erge la parrhesía di Antonio Staglianò

Leggi tutto

Media

IMMORTALE ODIUM, IL LATO OSCURO DEL RISORGIMENTO

Nuova edizione del romanzo storico di Rino Cammilleri dedicato all’impresa nefasta dei massoni ottocenteschi di buttare nel Tevere la salma di Pio IX. Il libro torna in questi giorni nelle librerie con una nuova edizione e con un sottotitolo che è tutto un programma: “Una catena di delitti una setta misteriosa un complotto infernale”

Leggi tutto

Politica

Che fare ora che i fatti sono chiari

I risultati di Gela – dove il PdF ha raccolto un 5,64 alle amministrative e un 8,75 alle europee – mostrano che se è radicato nel territorio in sinergia con l’associazionismo e gli enti ecclesiastici un movimento politico di ispirazione cristiana ha un suo spazio politico, nel nostro contesto, stimabile attorno all’8/10%. Quel che resta da fare è operare concretamente per fare ciò che va fatto.

Leggi tutto

Storie

Sandokan era un vescovo italo-spagnolo

Sandokan il pirata creato da Emilio Salgari era un vescovo!  Infatti le memorie di Carlos Cuarteroni, di Cadice, ispirarono a Emilio Salgari le avventure del pirata. Secondo quanto ricostruito Emilio Salgari, era un attento topo di biblioteca, nelle cui mani capitò un incredibile rapporto presentato a Papa Pio IX nel 1849. Quando lo lesse, credette sicuramente che gli fosse caduto un dono dal cielo tra le mani. Il contenuto di quel rapporto erano le memorie di un marinaio spagnolo che dopo mille incredibili avventure era diventato frate trinitario e Prefetto Apostolico, e si dedicava a lottare contro il traffico di schiavi nel Borneo, a Sumatra e in Malesia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano