Chiesa

di Raffaele Dicembrino

L’arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit, ha offerto le sue dimissioni al Papa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit, ha offerto le sue dimissioni a papa Francesco, in seguito alle rivelazioni del settimanale Le Point su una sua presunta love story con una donna nel 2012. La diocesi di Parigi riconosce che l’alto prelato ebbe all’epoca un “comportamento ambiguo” con una donna. Nella missiva al Papa, che secondo Le Figaro sarebbe giunta ieri a Roma, Aupetit propone “al Papa di rassegnare le dimissioni”. Solo il Pontefice può decidere se accettarle o meno.

Prima di entrare in Seminario in età adulta ed essere ordinato sacerdote a 44 anni, Michel Aupetit aveva esercitato per 12 anni la professione di medico generico nella banlieue parigina di Colobes nella parte a nord della Capitale. Il nuovo arcivescovo è nato a Versailles il 23 marzo 1951 e quindi ha 66 anni compiuti. Come detto si tratta di una vocazione adulta: entra in Seminario nel 1990 a 39 anni d’età. Viene ordinato sacerdote il 24 giugno 1995 e viene incardinato nell’arcidiocesi di Parigi. Nella regione della Capitale, ha poi assunto tutti i successivi ministeri pastorali: vicario della parrocchia Saint-Paul-Saint-Louis e cappellano dei Licei del quartiere del Marais (François Couperin, Charlemagne et Saint-Germain, Victor Hugo) dal 1995 al 2001; parroco di Notre-Dame de l’Arche d’Alliance dal 2001 al 2006; decano del decanato Pasteur-Vaugirard dal 2004 al 2006. Proprio nel 2006, il cardinale Jean-Marie Lustiger aveva voluto Michel Aupetit come vicario generale dell’arcidiocesi. Poi, il 2 febbraio 2013, giunge la nomina a vescovo ausiliario della Capitale con l’ordinazione episcopale il 19 aprile 2013. Il 4 aprile 2014 viene trasferito nella diocesi di Nanterre, diocesi che accoglie anche il quartiere direzionale della Défense, ovvero il cuore transalpino degli affari e della finanza.

l presule è stato anche il referente episcopale dei «Cantieri del Cardinale», organismo incaricato fra l’altro della costruzione di nuove chiese nelle otto diocesi della regione parigina. Inoltre, a livello diocesano, monsignor Aupetit ha presieduto Radio Notre-Dame, importante emittente radiofonica, e la Commissione per l’arte sacra. Fra le responsabilità passate, pure quella di cappellano per i licei del quartiere parigino del Marais.

Ma è la bioetica il principale campo di predilezione a cui il presule ha dedicato una mezza dozzina di volumi, su temi come la contraccezione, le minacce sull’embrione, il fine vita, intervenendo non di rado nel dibattito pubblico. Sono temi sui quali Michel Aupetit ha pure insegnato per un decennio fino al 2006 presso l’Ospedale universitario di Créteil, prima di essere invitato dal cardinale Vingt-Trois a coordinare l’unità di riflessione bioetica dell’arcidiocesi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/11/2021
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

SCUOLA - I DANNI DELLA DAD

Con la Dad un ritardo di tre mesi nell’apprendimento degli alunni. I dati emergono da uno studio dell’Università di Parigi

Leggi tutto

Chiesa

L’ordinario militare ci parla di Fatima

Monsignor da Silva Rodrigues Linda, prelato personale dell’ordinariato militare lusitano, oltre che presidente della commissione ecumenica della Conferenza episcopale del Portogallo, che è stato domenica in visita a Roma, ha rilasciato una intervista esclusiva per “La Croce”, in occasione delle celebrazioni del centenario della Regina del Santo Rosario

Leggi tutto

Chiesa

Giornata in memoria dei missionari martiri

Una giornata dunque per chi offre il proprio aiuto gratuitamente agli altri ed in alcuni casi viene ripagato con disprezzo e violenza tanto da arrivare a mettere a repentaglio la propria vita.

Leggi tutto

Società

ALTRO CHE DDL ZAN: LA LEZIONE DELLA ROWLING

La scrittrice ha sottolineato: “Mi sono allontanato da Twitter per alcuni mesi prima e dopo aver condiviso il mio sostegno per Maya, perché sapevo che non fosse fatto bene alla mia salute mentale. Sono ritornata da solo perché volevo condividere gratis un libro per bambini durante il l ‘’ ogni donna è coinvolta in questo dibattito in - TERF “.La sigla TERF è un termine coniato dagli attivisti Lgbt che significa femminista radicale trans-esclusivo e comprende molte diverse tipologie di persone come una madre che ha paura suo figlio voglia cambiare sesso per sfuggire al bullismo omofobico e una signora anziana che ha ammesso di non usare più fare acquisti da Marks & Spencer perché hanno permesso a un uomo che si identifica come donna di accedere ai camerini destinati alle donne, e molti altri esempi.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: chi ha la croce nel cuore non vede nemici

Alla Divina Liturgia celebrata in rito bizantino a Prešov, Papa Francesco esorta a non aspirare a un cristianesimo trionfalistico: senza croce - avverte - diventa mondano e sterile. L’invito del Papa è dunque a vedere nella croce l’opera di Dio, in Cristo crocifisso la gloria di Dio, che si offre volontariamente per ogni uomo.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco apre l’incontro dei rappresentanti delle fedi mondiali

Il Papa apre in Vaticano l’incontro dei rappresentanti delle fedi mondiali e rilancia l’appello per un Patto Educativo Globale: “Non possiamo tacere alle nuove generazioni le verità che danno senso alla vita”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano