Politica

di Roberto Signori

Biden non tutela i cristiani in Nigeria

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La fazione prima della verità! Il dipartimento di Stato americano ha aggiunto la Russia nella lista nera dei paesi che violano di più la libertà religiosa e ha espunto la Nigeria. Il paese africano, dove ogni anno muore il maggior numero di cristiani al mondo, era stato aggiunto agli Stati che destano maggiore preoccupazione (Cpc) l’anno scorso. Ma quest’anno è sparito anche dalla “Special Watch List”, che include quelli problematici. Incredibile ma vero!

La nuova classificazione, spiegata in un comunicato dal segretario di Stato Antony Blinken, fa a pugni anche con l’inserimento di Boko Haram e Iswap tra le entità che più contribuiscono alla persecuzione dei fedeli. I due gruppi terroristi islamici operano in Nigeria e sono responsabili di un enorme numero di attentati, rapimenti e omicidi a sfondo religioso.

La decisione è stata definita «sconcertante» e «inspiegabile» anche dalla Commissione Usa per la libertà religiosa internazionale (Uscirf): «L’Uscirf è contrariata soprattutto dalla rimozione della Nigeria dalla Cpc, dove era stata giustamente inserita l’anno scorso, e dalla mancata presenza nella lista di India, Siria e Vietnam. Il dipartimento di Stato deve riconsiderare le sue designazioni in base ai fatti elencati nel suo stesso rapporto».

Tra gli esempi di violenza ecco la storia di Rebecca, catturata in Nigeria vicino a Maiduguri. Per 28 giorni i combattenti che pensava avessero ucciso il marito la costrinsero a camminare incinta con i suoi due piccoli Jonathan e Zachariah di tre anni per mano, immersa fino al collo nel lago Ciad. Perse il bimbo che aveva in grembo, venne venduta e data in sposa a un combattente, per non farsi toccare «prendevo le feci dei miei figli e le strofinavo sul mio corpo». E così venne punita: picchiata, fustigata, i terroristi gettarono il suo Jonathan nel lago Ciad e lo lasciarono annegare, la buttarono in una fossa, la violentarono e misero incinta. Diede alla luce un altro piccolo e con lui e Zachariah riuscì a scappare, vagando nella boscaglia per tre settimane. «Alla fine, sono giunti a Diffa, in Niger. Le truppe dell’esercito li hanno portati a Maiduguri, dove la donna ha scoperto che suo marito era ancora vivo, ma che credendola morta si stava preparando a risposarsi. L’uomo ha annullato il matrimonio, ma era sconvolto per il bambino che Rebecca aveva avuto dal combattente di Boko Haram»

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/11/2021
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Un’indagine narrativa sulla violenza Burgess

Malgrado la crescente (e giustificatissima) celebrità di Quentin Tarantino, resta pur sempre Stanley Kubrick, con “Arancia Meccanica”, il vero teoreta cinematografico della violenza. Ricorrendo oggi l’anniversario della nascita di Anthony Burgess, che del capolavoro di Kubrick scrisse il romanzo ispiratore, dedichiamo una riflessione alla narrazione della violenza come fenomeno in sé, a metà tra romanzo e film, tra morbosità e scongiuro

Leggi tutto

Politica

Il quadriennio di Donald Trump

Doveva perdere e invece riporta una sostanziale vittoria: contro i media e contro i finanziatori di tutto il Paese, il macchiettistico inquilino della Casa Bianca rafforza la propria posizione politica nelle elezioni di midterm. Se si vuole comprendere come sia possibile tanta forza politica si deve mettere da parte l’ideologia e guardare ai dati. Gli Usa di Trump hanno un’accelerazione formidabile.

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

StorieChiesa

India-Orissa, famiglie cacciate dal villaggio perché cristiane

L’arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar mons. John Barwa: “Un trattamento discriminatorio, crudele, inumano e degradante”. “Dopo tutti gli sforzi che sono stati fatti qui per riportare la pace è doloroso e vergognoso che niente riesca a fermare l’aggressione e la minaccia contro i cristiani.

Leggi tutto

Società

Pedopornografia: niente reato se un over 14 è consenziente

Una decisione che lascia l’maro in bocca. Non si configura il reato di produzione di materiale pornografico quando un over 14 acconsente alle relative riprese, anche con un adulto, purché ad uso privato. È quanto stabilisce una “informazione provvisoria” della Cassazione.

Leggi tutto

Storie

Quella integralista religiosa di Flannery O’ Connor

Flannery O’Connor è stata una cocciuta paladina della realtà contro ogni intellettualismo, colei che più di ogni altra ha saputo portare alla luce le teofanie imprevedibili che la realtà racchiude nei suoi aspetti più banali. Molta polvere si deposita sulle cose ordinarie, facendole apparire insane. Quella polvere va tolta, preservando le cose. Molte iniquità vanno combattute in questa realtà imperfetta per non essere annoverati tra gli iniqui, ma non il reale stesso. Poiché nessun progressismo libresco, la O’Connor asserisce da ogni pagina, ha mai potuto cambiare un atomo del reale o uno iota della legge. Solo ciò che è accidentale cambia, ma l’essenza delle cose non muta. Chi non comprende o non ama questo non comprende la realtà perché, evidentemente, ha molto elucubrato e poco vissuto: “ci vuole vita per amare la Vita”, avrebbe detto un altro grande americano, l’Edgar Lee Masters dell’Antologia di Spoon River.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano