Società

di Giuseppe Udinov

Brian May contro il politicamente corretto ai Brit Awards

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un’interessante riflessione di Brian May contro il politicamente corretto è venuta fuori durante un’intervista rilasciata dal leggendario chitarrista a The Mirror. A suscitare il dissenso dell’artista è la decisione degli organizzatori dei Brit Awards di introdurre categorie gender-neutral, ovvero non suddivise in base al genere dell’artista.

Una scelta che avrà luogo a partire dall’edizione 2022 e che lo staff ha spiegato con la volontà di rendere la premiazione uno show inclusivo in cui celebrare gli artisti solo ed esclusivamente per la musica e il lavoro che fanno, e non per come scelgono di identificarsi o per come gli altri li vedono”.

L’appuntamento è per l’8 febbraio 2022, e Brian May ha detto la sua sul politicamente corretto e ha tirato in ballo Freddie Mercury, ex frontman dei suoi Queen di cui ieri si è celebrato il trentesimo anniversario della sua scomparsa. Di Freddie Mercury, del resto, si chiacchiera ancora in termini di orientamento sessuale per il suo essere diventato col tempo un’icona gay,

Il chitarrista parla di “decisione presa senza riflettere”. Addirittura Brian May è convinto che i Queen, se facessero ancora dischi, potrebbero restare esclusi da manifestazioni come i Brit Awards proprio perché nella loro formazione non ci sono persone di colore, transgender e così via: “Non rispetteremmo gli attuali criteri di diversità, conclude il chitarrista. Tra le sue dichiarazioni da segnalare alcuni interessanti spunti.

“Ci sono tante cose che funzionano e vanno lasciate così come sono. Sono stanco di chi cerca di cambiare le cose senza pensare alle conseguenze a lungo termine. Alcune idee portano a un miglioramento, altre no”.

“Con l’aria che tira, oggi la gente ha paura di dire quello che pensa. Sono convinto che in molti siano convinti che certe cose non vadano bene, ma non osano dire nulla. Prima o poi questo problema esploderà”.


Poi un pensiero per Freddie Mercury:

“Veniva da Zanzibar, non era inglese e nemmeno bianco. Ma non importava a nessuno, non ne abbiamo neanche parlato. Non ci siamo mai chiesti se fosse il caso lavorare con lui, se avesse il giusto colore della pelle o la giusta tendenza sessuale. Non è mai successo e il fatto che oggi si debba pensare a tutto questo mi spaventa“.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/11/2021
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le quattro leggi a cui dobbiamo opporci

Quattro disegni di legge potrebbero essere approvati dal Parlamento, dobbiamo rendere evidente una opinione pubblica che si oppone e la Chiesa si sta muovendo

Leggi tutto

Storie

Resistere al gender ed essere “bioconservatori” la strada è indicata negli scritti di Del Noce

L’ossessione dell’“omofobia” occulta l’effettiva negazione del dato antropologico fenomenico della natura sessuata. Ecco cosa ne pensava il grande filosofo.

Leggi tutto

Società

Sanremo val bene un Referendum

Giuseppe Bruno è chiaro: “Accolgo e rilancio chiedendo l’appoggio di tutti quelli che riescono a far da Megafono l’appello del Vescovo di Sanremo e propongo di lottare per non pagare più il canone ad un servizio pubblico che non rappresenta più il pubblico italiano, ma un’elite che si è costruito un pubblico su misura costringendolo pia piano, gioco forza, ad apprezzare la progressiva stupidità propostagli”.

Leggi tutto

Politica

Argentina: no al “gender neutral” nelle scuole

L’amministrazione della capitale, Buenos Aires, ha infatto deciso di vietare agli insegnanti l’utilizzo di parole gender-neutral in classe e nelle comunicazioni coi genitori. Lo racconta il New York Times.

Leggi tutto

Politica

La riforma della scuola è legge, ora un milione di sentinelle

Il gender entra in classe, la risposta deve essere dei genitori, lo strumento è quello del “consenso informato”: no alla colonizzazione ideologica, giù le mani dai nostri figli

Leggi tutto

Politica

QUANDO I DEMOCRATICI DI ZAN NON SI RASSEGNANO

“Il Ddl Zan, respinto dal Senato una settimana fa, torna attraverso tre commi infilati in modo piratesco alla Camera in articolo del decreto-legge recante ‘disposizioni urgenti in materia di investimenti e sicurezza delle infrastrutture, dei trasporti e della circolazione stradale’”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano