Società

di Giuseppe Udinov

Brian May contro il politicamente corretto ai Brit Awards

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un’interessante riflessione di Brian May contro il politicamente corretto è venuta fuori durante un’intervista rilasciata dal leggendario chitarrista a The Mirror. A suscitare il dissenso dell’artista è la decisione degli organizzatori dei Brit Awards di introdurre categorie gender-neutral, ovvero non suddivise in base al genere dell’artista.

Una scelta che avrà luogo a partire dall’edizione 2022 e che lo staff ha spiegato con la volontà di rendere la premiazione uno show inclusivo in cui celebrare gli artisti solo ed esclusivamente per la musica e il lavoro che fanno, e non per come scelgono di identificarsi o per come gli altri li vedono”.

L’appuntamento è per l’8 febbraio 2022, e Brian May ha detto la sua sul politicamente corretto e ha tirato in ballo Freddie Mercury, ex frontman dei suoi Queen di cui ieri si è celebrato il trentesimo anniversario della sua scomparsa. Di Freddie Mercury, del resto, si chiacchiera ancora in termini di orientamento sessuale per il suo essere diventato col tempo un’icona gay,

Il chitarrista parla di “decisione presa senza riflettere”. Addirittura Brian May è convinto che i Queen, se facessero ancora dischi, potrebbero restare esclusi da manifestazioni come i Brit Awards proprio perché nella loro formazione non ci sono persone di colore, transgender e così via: “Non rispetteremmo gli attuali criteri di diversità, conclude il chitarrista. Tra le sue dichiarazioni da segnalare alcuni interessanti spunti.

“Ci sono tante cose che funzionano e vanno lasciate così come sono. Sono stanco di chi cerca di cambiare le cose senza pensare alle conseguenze a lungo termine. Alcune idee portano a un miglioramento, altre no”.

“Con l’aria che tira, oggi la gente ha paura di dire quello che pensa. Sono convinto che in molti siano convinti che certe cose non vadano bene, ma non osano dire nulla. Prima o poi questo problema esploderà”.


Poi un pensiero per Freddie Mercury:

“Veniva da Zanzibar, non era inglese e nemmeno bianco. Ma non importava a nessuno, non ne abbiamo neanche parlato. Non ci siamo mai chiesti se fosse il caso lavorare con lui, se avesse il giusto colore della pelle o la giusta tendenza sessuale. Non è mai successo e il fatto che oggi si debba pensare a tutto questo mi spaventa“.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/11/2021
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il gender imposto per sentenza

La Corte europea vuole dettarci le norme sul diritto di famiglia, ma anche Corte Suprema americana e Corte di Cassazione italiana violano la democrazia e sentenziano ideologicamente

Leggi tutto

Società

SU HARRY POTTER, MARZANO E XFACTOR

Partito il boicottaggio lgbt contro l’atteso film di Harry Potter. Perché? Perché Jk Rowling ha detto l’ovvio: “Biologic sex is real, transgender are not women”. Guardate XFactor stasera: 31 sul palco, 28 uomini e 3 donne, i gay sono di più.

Leggi tutto

Media

Vogliono dividerci, non caschiamoci

Si apre una stagione difficilissima, vorranno approvare il matrimonio gay e far trionfare l’ideologia gender nelle scuole e ovunque. I cattolici (e le testate cattoliche) non alimentino il germe della divisione interna. Noi de La Croce dichiariamo disarmo unilaterale.

Leggi tutto

Società

“Difendiamo i nostri figli”: «Pronti a tornare in piazza»

Il primo Congresso nazionale del Comitato “Difendiamo i nostri figli” si è chiuso con l’intervento del presidente Massimo Gandolfini che ha ribadito la contrarietà del soggetto che ha mobilitato la manifestazione del 20 giugno a piazza San Giovanni a qualsiasi ipotesi di legge sulle unioni civili e sui connessi diritti di filiazione. Interventi da sessantotto comitati locali

Leggi tutto

Politica

Putin: il gender è come il coronavirus

Il presidente russo non teme nessuno e non frena il suo pensiero sull’ideologia gender definita “come il coronavirus”

Leggi tutto

Media

Quello strano silenzio dei media sulle parole del Papa

Se Francesco parla di gender e famiglia, se chiede agli intellettuali di “non disertare”, giornali e telegiornali lo zittiscono. Con qualche manovra sospetta

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano