Società

di Giuseppe Udinov

Brian May contro il politicamente corretto ai Brit Awards

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un’interessante riflessione di Brian May contro il politicamente corretto è venuta fuori durante un’intervista rilasciata dal leggendario chitarrista a The Mirror. A suscitare il dissenso dell’artista è la decisione degli organizzatori dei Brit Awards di introdurre categorie gender-neutral, ovvero non suddivise in base al genere dell’artista.

Una scelta che avrà luogo a partire dall’edizione 2022 e che lo staff ha spiegato con la volontà di rendere la premiazione uno show inclusivo in cui celebrare gli artisti solo ed esclusivamente per la musica e il lavoro che fanno, e non per come scelgono di identificarsi o per come gli altri li vedono”.

L’appuntamento è per l’8 febbraio 2022, e Brian May ha detto la sua sul politicamente corretto e ha tirato in ballo Freddie Mercury, ex frontman dei suoi Queen di cui ieri si è celebrato il trentesimo anniversario della sua scomparsa. Di Freddie Mercury, del resto, si chiacchiera ancora in termini di orientamento sessuale per il suo essere diventato col tempo un’icona gay,

Il chitarrista parla di “decisione presa senza riflettere”. Addirittura Brian May è convinto che i Queen, se facessero ancora dischi, potrebbero restare esclusi da manifestazioni come i Brit Awards proprio perché nella loro formazione non ci sono persone di colore, transgender e così via: “Non rispetteremmo gli attuali criteri di diversità, conclude il chitarrista. Tra le sue dichiarazioni da segnalare alcuni interessanti spunti.

“Ci sono tante cose che funzionano e vanno lasciate così come sono. Sono stanco di chi cerca di cambiare le cose senza pensare alle conseguenze a lungo termine. Alcune idee portano a un miglioramento, altre no”.

“Con l’aria che tira, oggi la gente ha paura di dire quello che pensa. Sono convinto che in molti siano convinti che certe cose non vadano bene, ma non osano dire nulla. Prima o poi questo problema esploderà”.


Poi un pensiero per Freddie Mercury:

“Veniva da Zanzibar, non era inglese e nemmeno bianco. Ma non importava a nessuno, non ne abbiamo neanche parlato. Non ci siamo mai chiesti se fosse il caso lavorare con lui, se avesse il giusto colore della pelle o la giusta tendenza sessuale. Non è mai successo e il fatto che oggi si debba pensare a tutto questo mi spaventa“.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/11/2021
1808/2022
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco duro su gender e ddl Cirinnà

Nella sua prolusione all’assemblea della Cei il cardinale presidente stigmatizza l’azione del Parlamento su famiglia e scuola

Leggi tutto

Politica

Elisa Rossini e la richiesta di revoca dell’adesione alla Carta d’intenti Ready

IL TESTO DELL’INTERVENTO DI ELISA ROSSINI,  IN CONSIGLIO COMUNALE, SULLA RICHIESTA DI REVOCA DELL’ADESIONE ALLA CARTA DI’INTENTI READY (RETE NAZIONALE ANTIDISCRIMINAZIONI SULLA BASE DELL’ORIENTAMENTO SESSUALE E IDENTITA’ DI GENERE)

Leggi tutto

Politica

Luxuria attacca il PDF

“Non ho più peli sulle gambe, figuratevi sulla lingua. Perciò non posso stare zitta. A coloro che mi contestano, tra i quali c’è anche chi fino a ieri esaltava Putin, dico che ho titoli, competenza e dignità per parlare alle donne e di donne, perché io l’essere donna me lo sono dovuta conquistare”.

Leggi tutto

Società

Contro l’ideologia gender a scuola, 7 pratici consigli ai genitori

Sta per cominciare l’anno scolastico, piccola guida operativa e concreta per difendere i nostri figli

Leggi tutto

Società

La “civiltà” dei piagnistei e l’emergenza.

«La cultura del piagnisteo è il cadavere del liberalismo degli anni Sessanta, è il frutto dell’ossessione per i diritti civili e dell’esaltazione vittimistica delle minoranze.», così Robert Hughes in “La cultura del Piagnisteo

Leggi tutto

Politica

Monopoli, Popolo della Famiglia contrario alla panchina arcobaleno

Leggiero: servono aiuti economici alle famiglie bisognose ed a quelle numerose e non “queste carnevalate inutili, che seguono la moda avaloriale e la deriva pericolosa dell’ideologia gender”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano