Società

di Roberto Signori

Il Belgio “suicida” i bambini

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un rapporto pubblicato in Belgio con il titolo Archives of Disease in Childhood. Fetal and Neonatal Edition (Archivi delle Malattie nell’Infanzia – Edizione Fetale e Neonatale) registra che 24 bambini sono stati uccisi con l’eutanasia nel Paese. Il rapporto evita di usare il termine “eutanasia”, ma descrive l’applicazione intenzionale di un’iniezione letale a bambini con problemi medici con l’obiettivo di provocarne la morte. È quindi eutanasia, che si voglia o meno usare questa parola.

Il rapporto ha esaminato tutti i casi dei bambini, da neonati a un anno di età, morti nella regione amministrativa belga delle Fiandre tra il settembre 2016 e il dicembre 2017. I ricercatori hanno cercato di sapere quali fossero le cure finali dedicate a ogni bambini, e hanno constatato che purtroppo nel 10% dei casi i medici avevano “l’intenzione esplicita di abbreviare la vita” dei piccoli pazienti.

Allarmanti quanto le morti in sé dei 24 bambini sono le motivazioni addotte per “giustificare” i decessi. Una delle più citate, secondo lo studio, è stata la “valutazione medica” per cui “non c’era speranza di un futuro sopportabile” per le vittime, ovvero l’assassinio di 24 bambini è derivato da valutazioni soggettive basate sull’opinione personale di alcuni medici circa quella che è a loro avviso la “qualità di vita ideale”: se il paziente non si adattava ai criteri di “qualità di vita” secondo l’opinione soggettiva dei medici Tizio e Caio, allora era “meglio” uccidere il paziente.

Lo studio denuncia anche che la pratica dell’eutanasia infantile, anche se illegale, è comune. Michael Cook, del portale di studi e notizie sulla bioeticaBioEdge, ricorda che la legge belga permette l’eutanasia solo di minori coscienti e con capacità di discernimento, ma denuncia che nella pratica “l’eleggibilità all’eutanasia in Belgio è elastica”.

Nel 2014, il Paese è diventato il primo al mondo a legalizzare il cosiddetto “suicidio assistito” per i minori, misura enfaticamente criticata da milioni di individui e centinaia di organizzazioni volte a promuovere il benessere integrale dei giovani vulnerabili. La legge belga richiede che il minore venga considerato malato terminale e sia pienamente consapevole di cosa significhi la decisione del suicidio assistito.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/11/2021
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Come funziona la propaganda all’eutanasia

Tutte le tecniche dei teorici della “dolce morte”, tra manipolazione dei dati e ricorso sistematico al cavallo di troia del caso limite

Leggi tutto

Società

Alfie: se questo (non) è un bimbo

«Alfie non era più e forse non era mai stato un bambino»: tra le tante perle d’insulto mortale sciorinate sui media nelle ultime settimane questa di Laura Zambelli Del Rocino raggiunge una qualche posizione apicale. L’articolista parla della vicenda sanitaria del proprio padre senza vedere che proprio in quella sta la chiave – l’unica – per una sanità che non sia disumana.

Leggi tutto

Media

Sierra Leone; il riscatto degli ex bambini soldato

Formare e seguire i giovani in Sierra Leone a quasi dieci anni dalla conclusione del conflitto civile: è l’obiettivo oggi dei salesiani, presenti da 20 anni nel piccolo Paese dell’Africa occidentale

Leggi tutto

Politica

Giù le mani da Babbo Natale

Inquietante e fazioso spot che vede protagonista Babbo Natale spacciato come gay da una campagna pubblicitaria scandinava. Non hanno rispetto neppure per i bambini

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa tedesca per l’Africa

Campagna 2022 dei Cantori della Stella: “La salute dei bambini è costantemente minacciata”

Leggi tutto

Politica

Cosa c’è dopo Welby, Eluana e Fabo

Tra pochi giorni il Parlamento discuterà il ddl sulle Dichiarazioni anticipate di trattamento,
ovvero sul cosiddetto “biotestamento”. Il quale non sarà che un piede di porco per introdurre subito
dopo una vera e propria legge sull’eutanasia, grazie alla quale il diritto italico regredirà di quasi
venti secoli. Dalla Chiesa ci si aspetterebbe una militanza più incisiva, ma non è detta l’ultima parola

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano