Società

di la redazione

Lettera aperta alla Preside del liceo Dini, a Pisa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Popolo della Famiglia Firenze ha preso nota della recente questione della c.d. identità “alias”, sollevata da una studentessa del Liceo Ulisse Dini di Pisa, la quale, a motivo di un disagio psicologico, chiede di farsi chiamare con un nome diverso da quello anagrafico, e di sesso opposto al suo. Riprendiamo Il fatto come lo riporta il quotidiano La Stampa in versione web.

Il referente del Popolo della Famiglia per Firenze, Pier Luigi Tossani, ne scrive in lettera aperta alla Preside, Adriana Piccigallo.

“Gentile Preside, siamo del parere che avallare la richiesta della sua studente andrebbe, in buona sostanza, a demolire le basi antropologiche della nostra civiltà, come la conosciamo da millenni a questa parte. Acconsentire alla procedura “alias” equivarrebbe non soltanto a destabilizzare ulteriormente la psiche della giovane, ma, se tramite l’Ospedale di Careggi, che pare coinvolto nella vicenda, si procedesse anche a trattamenti ormonali e/o chirurgici, si andrebbe a danneggiarne anche il corpo, che è ancora nella delicata fase evolutiva, e forse in modo irreversibile. In ultima analisi, si renderebbe la giovane ancora più infelice, come insegna l’amara esperienza di Keira Bell. “Non si torna indietro”, diceva la giovane britannica, che è rimasta “bloccata tra i due sessi” ad opera di altrettanto infelicissime iniziative di istituzioni e di figure adulte che si sono servite di lei per affermare la loro visione ideologica, costi quel che costi.

Riteniamo che sarebbe una responsabilità gravissima quella che, come scuola, vi andreste ad assumere. Sappiamo che quella in argomento è una posizione che gode notoriamente di sponsor e fiancheggiatori assai potenti. Ma, da parte nostra, non ci sottraiamo al dovere etico e civile di rappresentarne le insanabili criticità strutturali, anche al Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, che ci legge per conoscenza. Anzi, riteniamo che la c.d. “disforia di genere”, più che un vissuto personale, sia un disagio appositamente creato e indotto nei giovani in difficoltà psicologica, ad opera di certo mondo adulto, disposto a tutto, pur di portare avanti la propria visione prometeica dell’uomo. Quindi, nulla di nuovo sotto il sole. L’esito finale di questa manovra non può essere che quello della fine del mitologico titano, preteso amico dell’umanità e fautore del “progresso”.

Restiamo colpiti, se risponde a verità quanto riferito dai media, dall’approvazione dell’iniziativa da parte dei genitori della ragazza, nonché da parte di quella che speriamo sia solo una parte degli studenti e del corpo insegnante. Certo, il procedere nella direzione prospettata comporterebbe anche la violazione anagrafica dell’univocità dell’identità della persona, e anche la clamorosa umiliazione che verrebbe inferta a quella parte di professori e del personale scolastico dissenziente dall’operazione, la quale si vedrebbe costretta, in aperta sfida alla realtà, a rivolgersi alla giovane chiamandola non solo con un nome che non è il suo, ma perfino diverso dal suo proprio sesso biologico - mentre il sesso femminile o maschile resta un dato di fatto, e non un’opinione propria o altrui. Se vi sono dei giovani che hanno dei problemi di identità, non è certo questo il modo di aiutarli. In ultimo restiamo colpiti anche dal resoconto fatto dalla giornalista de “La Stampa”, che già si riferisce ripetutamente alla ragazza col pronome maschile, dando la transizione già come acquisita. Siamo già molto avanti in questo processo, evidentemente.

Da parte nostra, desideriamo mettere in guardia tutte le parti in causa da ambiguità nocivissime, salvaguardando l’unicità e l’univocità ontologica della persona, per il suo stesso bene.

E, poiché oggi non è più il tempo del “si fa così e basta”, ma è necessario confrontarsi con i giovani, dando le ragioni del “perché” delle cose, siamo senz’altro disponibili a un incontro pubblico con Lei, Gentile Preside, e con i Suoi studenti”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/11/2021
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Docente no Green pass, “ecco perchè non mi vaccino”

Quanto ai rischi per la salute, Pigozzi ha le idee chiare. “So quello che rischio - dice -, ma anche chi si vaccina sta rischiando”. Quanto alla sua vita quotidiana, ormai è limitata al minimo indispensabile. “L’Italia è il Paese con più restrizioni possibili - spiega -, io posso solo fare la spesa, prendere l’auto e al massimo un caffè al bar da asporto. Ma chi paga il prezzo sociale più alto - conclude - sono i giovani”

Leggi tutto

Politica

PDF Firenze, ordine dei medici e il caso Gerardo Torre

PDF Firenze - Lettera aperta al Presidente dell’Ordine dei Medici di Salerno, dopo la censura al dottor Gerardo Torre:  “Signor Presidente, chiediamo le sue dimissioni immediate”

Leggi tutto

Politica

Adinolfi: grazie Papa Francesco

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, sottolinea con entusiasmo la decisione di Papa Francesco di consacrare Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria: “Da tempo come Popolo della Famiglia abbiamo indicato la via religiosa come decisiva per la ricostruzione delle condizioni della pace tra Russia e Ucraina.

Leggi tutto

Politica

Asti: ecco il candidato del PDF

“Ad Asti porteremo una vita nuova – ha affermato il coordinatore regionale del PdF, Lucianella Presta – dopo una fase di trattative, interessanti e costruttive, per verificare la possibilità e l’opportunità che la nostra lista confluisse in una coalizione, ci siamo resi conto che eravamo pronti e nelle condizioni di concorrere da soli, per non rischiare di attenuare la portata innovativa, direi, rivoluzionaria, anzi, “controrivoluzionaria” delle nostre proposte”

Leggi tutto

Politica

Il gender imposto per sentenza

La Corte europea vuole dettarci le norme sul diritto di famiglia, ma anche Corte Suprema americana e Corte di Cassazione italiana violano la democrazia e sentenziano ideologicamente

Leggi tutto

Politica

La proposta del PDF, il reddito di maternità

Noi facciamo politica per cambiare concretamente la vita delle persone e per dare un pugno al piano inclinato che vede le normative orientarsi tutte contro i diritti della famiglia naturale. Essere militanti del Popolo della Famiglia, essere sostenitori di questo progetto, significa battersi per dare alle donne la piena libertà di scelta: il reddito di maternità è questo, una fondamentale battaglia per la libertà della donna. Si può concretamente portare a casa questo risultato se il Popolo della Famiglia, fin dalle prossime elezioni amministrative, avrà livelli di consenso tali da far capire che il traguardo dell’ingresso in Parlamento non è una chimera ma un reale obiettivo politico perseguibile che cambierà radicalmente gli equilibri dei rapporti di forza nel Paese, dando voce a quelle ragioni che attualmente voce non hanno. Se c’è un motivo per dedicarsi alla lotta politica, ora questo motivo c’è: salvare la famiglia, proteggere i nostri figli, liberare davvero le donne. Perseguilo insieme a noi, vota Popolo della Famiglia, rendi concreto il progetto del reddito di maternità.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano