Società

di la redazione

Lettera aperta alla Preside del liceo Dini, a Pisa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Popolo della Famiglia Firenze ha preso nota della recente questione della c.d. identità “alias”, sollevata da una studentessa del Liceo Ulisse Dini di Pisa, la quale, a motivo di un disagio psicologico, chiede di farsi chiamare con un nome diverso da quello anagrafico, e di sesso opposto al suo. Riprendiamo Il fatto come lo riporta il quotidiano La Stampa in versione web.

Il referente del Popolo della Famiglia per Firenze, Pier Luigi Tossani, ne scrive in lettera aperta alla Preside, Adriana Piccigallo.

“Gentile Preside, siamo del parere che avallare la richiesta della sua studente andrebbe, in buona sostanza, a demolire le basi antropologiche della nostra civiltà, come la conosciamo da millenni a questa parte. Acconsentire alla procedura “alias” equivarrebbe non soltanto a destabilizzare ulteriormente la psiche della giovane, ma, se tramite l’Ospedale di Careggi, che pare coinvolto nella vicenda, si procedesse anche a trattamenti ormonali e/o chirurgici, si andrebbe a danneggiarne anche il corpo, che è ancora nella delicata fase evolutiva, e forse in modo irreversibile. In ultima analisi, si renderebbe la giovane ancora più infelice, come insegna l’amara esperienza di Keira Bell. “Non si torna indietro”, diceva la giovane britannica, che è rimasta “bloccata tra i due sessi” ad opera di altrettanto infelicissime iniziative di istituzioni e di figure adulte che si sono servite di lei per affermare la loro visione ideologica, costi quel che costi.

Riteniamo che sarebbe una responsabilità gravissima quella che, come scuola, vi andreste ad assumere. Sappiamo che quella in argomento è una posizione che gode notoriamente di sponsor e fiancheggiatori assai potenti. Ma, da parte nostra, non ci sottraiamo al dovere etico e civile di rappresentarne le insanabili criticità strutturali, anche al Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, che ci legge per conoscenza. Anzi, riteniamo che la c.d. “disforia di genere”, più che un vissuto personale, sia un disagio appositamente creato e indotto nei giovani in difficoltà psicologica, ad opera di certo mondo adulto, disposto a tutto, pur di portare avanti la propria visione prometeica dell’uomo. Quindi, nulla di nuovo sotto il sole. L’esito finale di questa manovra non può essere che quello della fine del mitologico titano, preteso amico dell’umanità e fautore del “progresso”.

Restiamo colpiti, se risponde a verità quanto riferito dai media, dall’approvazione dell’iniziativa da parte dei genitori della ragazza, nonché da parte di quella che speriamo sia solo una parte degli studenti e del corpo insegnante. Certo, il procedere nella direzione prospettata comporterebbe anche la violazione anagrafica dell’univocità dell’identità della persona, e anche la clamorosa umiliazione che verrebbe inferta a quella parte di professori e del personale scolastico dissenziente dall’operazione, la quale si vedrebbe costretta, in aperta sfida alla realtà, a rivolgersi alla giovane chiamandola non solo con un nome che non è il suo, ma perfino diverso dal suo proprio sesso biologico - mentre il sesso femminile o maschile resta un dato di fatto, e non un’opinione propria o altrui. Se vi sono dei giovani che hanno dei problemi di identità, non è certo questo il modo di aiutarli. In ultimo restiamo colpiti anche dal resoconto fatto dalla giornalista de “La Stampa”, che già si riferisce ripetutamente alla ragazza col pronome maschile, dando la transizione già come acquisita. Siamo già molto avanti in questo processo, evidentemente.

Da parte nostra, desideriamo mettere in guardia tutte le parti in causa da ambiguità nocivissime, salvaguardando l’unicità e l’univocità ontologica della persona, per il suo stesso bene.

E, poiché oggi non è più il tempo del “si fa così e basta”, ma è necessario confrontarsi con i giovani, dando le ragioni del “perché” delle cose, siamo senz’altro disponibili a un incontro pubblico con Lei, Gentile Preside, e con i Suoi studenti”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/11/2021
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Società

“Mamma, papà e gender”: gli errori di Michela Marzano sull’uomo, su Dio e su altre bazzecole

Da pochi giorni è in vendita in libreria l’ultimo pamphlet di Michela Marzano, che della c.d. “lotta per i diritti civili” ha fatto la cifra del suo impegno politico. La filosofa romana naturalizzata parigina spende (comprensibilmente) molte energie per promuovere il suo ultimo lavoro, ma a questa recensione – che dell’opuscolo in questione rileva gravi limiti – non ha riservato che una malcelata stizza. Un motivo di più per sottoporla al giudizio dei prudenti lettori, che sapranno giudicare. Resta beninteso che se lei volesse andare oltre gli insulti elusivi cui si è finora limitata, ribattendo nel merito alle nostre critiche, noi saremmo felici di ospitarla in un dibattito veramente alla pari (e senza tagli)

Leggi tutto

Società

La lobby lgbt bullizza gli studenti di Bergamo

In nome della libertà di tutti si chiude il giornalino studentesco. Gesto ridicolo e tanto più inquietante in quanto colpisce un oggetto dal raggio effettivo più che modesto. Appunto perché simbolico, la punizione che subisce dev’essere esemplare: così l’Arcigay locale tira le leve giuste perché pochi adulti ricchi e potenti possano imbavagliare pochi studenti liberi.

Leggi tutto

Storie

La confessione triste e postuma di George Michael

Una confessione totalmente inattesa giunge dalla memorie di George Michael che prima di morire, parlando della sua vita l’ha definita “ un’intera perdita di tempo”.

Leggi tutto

Politica

Perchè il PDF serve sempre di più?

Mai come in questo momento il ruolo che il Popolo della Famiglia intende svolgere è decisivo. Siamo una realtà piccola, ma in crescita, le amministrative lo hanno testimoniato. Se il 4 marzo a Roma prendevamo lo 0.6 alla Camera e lo 0.7 al Senato, il 10 giugno a Roma abbiamo preso l’1.83. Vuol dire che il movimento è in salute e lo abbiamo spiegato analiticamente con i numeri il giorno dopo il primo turno delle amministrative. Proprio i numeri hanno evidenziato che il nostro ruolo è di presidio di un’area che nella storia si chiama “cattolicesimo politico”, che ha avuto origine nel 1919 grazie all’intuizione di don Luigi Sturzo, si è rivitalizzata con il codice di Camaldoli del 1943, si è strutturata in diverse esperienze partitiche a partire dalle elezioni repubblicane del 1946 per giungere fiacca e secondo alcuni esaurita al centenario dell’appello ai Liberi e Forti, di don Sturzo appunto. Un movimento politico di ispirazione cristiana con al centro i bisogni della famiglia e la cultura della vita è quanto mai necessario oggi all’Italia. Secondo alcuni questa opzione viene svolta nell’Italia del 2018 dalla Lega di Matteo Salvini. Si tratta ovviamente di una opzione legittima, chi la ritiene valida può andare nelle sedi disseminate in tutta Italia di quel partito e iscriversi, salendo sul carro del vincitore. Lo stanno facendo in molti e Salvini grazie a parole d’ordine decisioniste su migranti e rom sta facendo il pieno di consensi anche tra i cattolici.

Leggi tutto

Chiesa

Un disperato bisogno di padri

La figura paterna è un pilastro educativo che va sempre accompagnato al suo naturale complemento – quella materna. Dalla rivoluzione industriale in qua si è verificata una inedita scollatura tra le due – da allora le madri hanno esortato i figli a essere “meglio” e “più” dei padri – nella quale le mogli “castravano” (simbolicamente) i mariti e questi si vendicavano nell’apatia e/o nella violenza. Ecco un equilibrio che deve essere ristabilito quanto prima

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano