Società

di la redazione

Lettera aperta alla Preside del liceo Dini, a Pisa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Popolo della Famiglia Firenze ha preso nota della recente questione della c.d. identità “alias”, sollevata da una studentessa del Liceo Ulisse Dini di Pisa, la quale, a motivo di un disagio psicologico, chiede di farsi chiamare con un nome diverso da quello anagrafico, e di sesso opposto al suo. Riprendiamo Il fatto come lo riporta il quotidiano La Stampa in versione web.

Il referente del Popolo della Famiglia per Firenze, Pier Luigi Tossani, ne scrive in lettera aperta alla Preside, Adriana Piccigallo.

“Gentile Preside, siamo del parere che avallare la richiesta della sua studente andrebbe, in buona sostanza, a demolire le basi antropologiche della nostra civiltà, come la conosciamo da millenni a questa parte. Acconsentire alla procedura “alias” equivarrebbe non soltanto a destabilizzare ulteriormente la psiche della giovane, ma, se tramite l’Ospedale di Careggi, che pare coinvolto nella vicenda, si procedesse anche a trattamenti ormonali e/o chirurgici, si andrebbe a danneggiarne anche il corpo, che è ancora nella delicata fase evolutiva, e forse in modo irreversibile. In ultima analisi, si renderebbe la giovane ancora più infelice, come insegna l’amara esperienza di Keira Bell. “Non si torna indietro”, diceva la giovane britannica, che è rimasta “bloccata tra i due sessi” ad opera di altrettanto infelicissime iniziative di istituzioni e di figure adulte che si sono servite di lei per affermare la loro visione ideologica, costi quel che costi.

Riteniamo che sarebbe una responsabilità gravissima quella che, come scuola, vi andreste ad assumere. Sappiamo che quella in argomento è una posizione che gode notoriamente di sponsor e fiancheggiatori assai potenti. Ma, da parte nostra, non ci sottraiamo al dovere etico e civile di rappresentarne le insanabili criticità strutturali, anche al Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, che ci legge per conoscenza. Anzi, riteniamo che la c.d. “disforia di genere”, più che un vissuto personale, sia un disagio appositamente creato e indotto nei giovani in difficoltà psicologica, ad opera di certo mondo adulto, disposto a tutto, pur di portare avanti la propria visione prometeica dell’uomo. Quindi, nulla di nuovo sotto il sole. L’esito finale di questa manovra non può essere che quello della fine del mitologico titano, preteso amico dell’umanità e fautore del “progresso”.

Restiamo colpiti, se risponde a verità quanto riferito dai media, dall’approvazione dell’iniziativa da parte dei genitori della ragazza, nonché da parte di quella che speriamo sia solo una parte degli studenti e del corpo insegnante. Certo, il procedere nella direzione prospettata comporterebbe anche la violazione anagrafica dell’univocità dell’identità della persona, e anche la clamorosa umiliazione che verrebbe inferta a quella parte di professori e del personale scolastico dissenziente dall’operazione, la quale si vedrebbe costretta, in aperta sfida alla realtà, a rivolgersi alla giovane chiamandola non solo con un nome che non è il suo, ma perfino diverso dal suo proprio sesso biologico - mentre il sesso femminile o maschile resta un dato di fatto, e non un’opinione propria o altrui. Se vi sono dei giovani che hanno dei problemi di identità, non è certo questo il modo di aiutarli. In ultimo restiamo colpiti anche dal resoconto fatto dalla giornalista de “La Stampa”, che già si riferisce ripetutamente alla ragazza col pronome maschile, dando la transizione già come acquisita. Siamo già molto avanti in questo processo, evidentemente.

Da parte nostra, desideriamo mettere in guardia tutte le parti in causa da ambiguità nocivissime, salvaguardando l’unicità e l’univocità ontologica della persona, per il suo stesso bene.

E, poiché oggi non è più il tempo del “si fa così e basta”, ma è necessario confrontarsi con i giovani, dando le ragioni del “perché” delle cose, siamo senz’altro disponibili a un incontro pubblico con Lei, Gentile Preside, e con i Suoi studenti”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/11/2021
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Gender, la risposta è un popolo in piazza

Con una conferenza stampa è stata ufficialmente convocata la manifestazione del 20 giugno in piazza San Giovanni a Roma dal comitato “Difendiamo i nostri figli”

Leggi tutto

Politica

Perchè entrare nel PDF è come aiutarne la diffusione

L’idea di incentrare la battaglia a partire dalla difesa della famiglia, prima struttura organizzativa e società naturale, è rivoluzionaria ma, al tempo stesso, è sempre stata considerata importantissima dalla dottrina cattolica, basti ricordare San Giovanni Paolo II per il quale la famiglia rappresenta il prisma da cui interpretare e articolare tutti gli interventi nella società umana.

Leggi tutto

Società

Spiegare a Vauro ciò che non gli è chiaro

Il guaio grosso è che i genitori sostengono che l’ospedale menta sulle reali condizioni del bambino, quindi dalle cartelle cliniche non c’è da aspettarsi grandi novità: non ci vuole molto a ritoccare la misura della circonferenza cranica, ad esempio, per dimostrare che Charlie non è cresciuto negli ultimi mesi. *Marwa** *Bouchenafa tre mesi fa si è trovata in una situazione del tutto analoga a quella di Charlie: i dottori francesi volevano sospenderle la ventilazione e i genitori invece volevano mantenerla e, per il momento, è ancora viva grazie ad una decisione (sempre in bilico) dei giudici francesi. La sua famiglia, quando ha visto che aria tirava in ospedale, ha cominciato a presidiare la stanza e a filmare ogni giorno la piccola, a misurarla per conto proprio, cioè a radunare evidenze scientifiche sul suo stato di salute indipendenti dall’ospedale. E grazie a questo lavoro meticoloso sono riusciti a strappare ai giudici la sentenza favorevole.

Leggi tutto

Politica

Il programma del PdF per te

Il 4 Marzo si avvicina e con esso anche la possibilità di cambiare l’Italia. Il Popolo della Famiglia è pronto a prendersi questo impegno ed in questo programma impregnato di sostanza e Fede trovate le risposte a come è possibile farlo!

Leggi tutto

Politica

A ROMA IL POPOLO DELLA FAMIGLIA PER LA VI ASSEMBLEA NAZIONALE

“Veniamo da esperienze diverse con un vissuto differente eppure è un’occasione incredibile di fare emergere dei talenti delle potenzialità inaspettate per il bene comune. Il Popolo della Famiglia è una straordinaria esperienza di democrazia, nel senso più compiuto e pieno” ha dichiarato in più occasioni Chiara Sanmori, perché abbiamo una grande responsabilità ma soprattutto dobbiamo continuare ad essere fieri del lavoro fatto.

Leggi tutto

Chiesa

Beatificata oggi a Granada Madre María Emilia Riquelme y Zayas

María Emilia venne alla luce il 5 agosto 1847, da don Joaquín Riquelme y Gómez, tenente colonnello dell’Esercito spagnolo, e doña María Emilia Zayas Fernández de Córdoba y de la Vega, che vantava tra i suoi antenati Gonzalo Fernández de Córdoba, detto il Gran Capitano. Fu battezzata dopo due giorni dalla nascita, con i nomi di María Emilia, Joaquina, Rosario, Josefa, Nieves de la Santísima Trinidad: un elenco così lungo era per non scontentare nessun parente, come si usava tra le famiglie nobili del tempo. Suo padre aveva sperato che il primogenito fosse un maschio, ma l’erede venne dopo di lei.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano