Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Il cardinale Sarah ed i migranti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Intervistato poche ore fa da Europe Matin, il cardinale africano Robert Sarah ha speso parole molto nette sul fenomeno seppur collocandole in un ragionamento di ampio respiro.

«La mia reazione è ribellarmi». Ha esordito così il proprio commento Robert Sarah, cardinale africano della Chiesa cattolica, prefetto emerito della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, intervistato ieri mattina da Sonia Mabrouk per Europe Matin in merito alla morte di almeno 27 migranti provenienti dall’Africa avvenuta mercoledì nella Manica, al largo della città francese di Calais.

Sarah ha quindi dato corso al proprio pensiero – di certo controcorrente e probabilmente destinato a suscitare non poche polemiche – spiegando come a suo avviso, alla base di eventi come quello appena richiamato vi sia «un triplice tradimento».

Innanzitutto, ha spiegato, i giovani africani che decidono di intraprendere quello che viene definito “il viaggio della speranza” vengono nei fatti «derubati del loro Paese, della loro intelligenza, della loro vita». E questo perché, e qui sta il secondo tradimento, «a questi giovani viene presentata l’Europa come un Eldorado, viene detto loro che avranno tutto, quando questo non è vero»: spesso, infatti, la vita che molti migranti si ritrovano poi a condurre in un Paese che non è il loro non è così rosea come viene descritta, anzi, anche alla luce dei problemi che l’Europa sta affrontando. Infine, ha chiuso il ragionamento il cardinale andando a toccare un aspetto tanto caldo quanto sovente poco preso in considerazione, «non reagiamo contro i contrabbandieri che approfittano della loro ingenuità e li fanno soccombere in mezzo al mare».

Insomma, quella della migrazione così come la vediamo attuarsi oggigiorno è una vera e propria «malattia», secondo Sarah, e in quanto tale va combattuta: per il bene dell’Africa, in primis, ma anche della stessa Europa. Vanno sempre infatti considerate entrambe le facce della medaglia, senza soffermarsi a un giudizio superficiale e spesso ideologico che vorrebbe fare dell’accoglienza un criterio indiscriminato cui sottomettersi: è giusto accogliere e aiutare l’altro, certamente, ma questo va fatto rispondendo nella modalità migliore ai suoi bisogni, senza con questo dimenticare i propri.

In tale ottica, ha proseguito Sarah, i confini non vanno annullati, anzi: «L’importante è aiutare l’Africa a svilupparsi a livello locale e garantire che questi giovani trovino lavoro e rimangano a casa», avendo così la possibilità da un lato di servire il proprio Paese e dall’altra di conservare «le proprie radici, la propria ricchezza culturale e storica, e comunicarla poi ai propri figli».

Un ragionamento, questo, che è in fondo quello che ha mosso e ancora muove tanti missionari che decidono di investire parte, o tutta, la propria vita andando a vivere in Africa o in altri Paesi bisognosi per portare le proprie competenze e conoscenze e metterle a disposizione delle popolazioni più bisognose: un aiuto che non è un mero assistenzialismo fine a se stesso e destinato a concludersi, bensì si configura più come una sorta di educazione, un passaggio di consegne che porta in sé il seme della crescita, di un progresso inteso in senso buono.

Guardando quindi all’altro lato della medaglia ma prestando di fatto fede agli stessi principi di salvaguardia dei confini e delle radici, per il cardinale, le politiche di accoglienza che l’Europa sta mettendo in campo la stanno portando verso «l’autodistruzione», perché se non cambia qualcosa «sarà invasa da una popolazione straniera».

E il rischio, anche in questo caso, è appunto la perdita delle propria eredità, e in particolare quella cristiana, che non è un semplice retaggio del passato o un orpello del quale ora è giunto il tempo di sbarazzarsi, bensì è costitutiva di una precisa identità, che è importante conservare. Perché, ha sentenziato Sarah, «se diciamo che non siamo più cristiani, siamo come un albero che galleggia […], ma un albero che galleggia senza radici non ha futuro».

Una bella lezione per chi non ha occhi per vedere…...

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/11/2021
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Società

INDIPENDENZA NON E’ AUTODETERMINAZIONE

La Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti è fondamentale per tre regioni: cita esplicitamente “Dio” e non in termini rituali, richiama con chiarezza la “Legge di Natura” ed è dunque un Carta giusnaturalista, infine indica come primo diritto quello alla Vita, cui consegue il diritto alla Libertà (e sì, come dicevamo, quello molto american-mucciniano alla “ricerca della felicità”). Queste premesse fanno sì che ancora oggi, duecentoquarantuno anni dopo quel 4 luglio 1776, le banconote dei dollari americani contengano un esplicito riferimento alla fede (“In God we trust”) e qualsiasi presidente americano, di qualsiasi colore politico, non possa concludere un suo discorso pubblico senza invocare la benedizione divina sul proprio paese: God bless America.

Leggi tutto

Media

Il manuale d’imperfezione e resistenza firmato Costanza Miriano

Spiritualità nell’era del web, comunione dei santi all’età della connessione perpetua, digiuno e preghiera. I temi dell’ennesimo libro della giornalista perugina cadono sul mercato come una doccia nel deserto, raccogliendo i lettori in quella grande famiglia che l’autrice stessa chiama “compagnia dell’Agnello”

Leggi tutto

Politica

La Costituzione USA non tutela l’aborto

In West Virginia ed Alabama le votazioni collaterali alle Midterm Elections approvano emendamenti alle costituzioni statali per disconoscere il diritto all’aborto e impedire il finanziamento dalla fiscalità pubblica. Nel Senato cresce la presenza pro-life.

Leggi tutto

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Chiesa

Il mercoledì delle Ceneri

Concluso il carnevale con festeggiamenti in modo minore causa covid, da oggi inizia il tempo di Quaresima con il mercoledì delle Ceneri. Andiamo a rivisitare la storia di questo giorno che avvia un periodo di conversione di 40 giorni sino alla grande festa della Pasqua.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano