Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Le celebrazioni del Papa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Sala stampa della Santa Sede ha comunicato il calendario delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie per il giorno dell’Immacolata e il Tempo di Natale. Si tratta di settimane centrali e intense per i credenti quelle che chiudono il 2021 e iniziano il nuovo anno nei mesi di dicembre e gennaio.

Per evitare assembramenti, e il conseguente rischio di contagio da Covid-19, invece del consueto omaggio pubblico all’Immacolata, anche il prossimo 8 dicembre Papa Francesco compirà un atto di devozione privato, pregando la Madonna perchè protegga i romani, la città in cui vivono e i malati che necessitano della Sua materna protezione ovunque nel mondo.

Il tempo del Natale è scandito da numerose celebrazioni presiedute dal Papa e seguite dal mondo intero. L’inizio del calendario natalizio. Il 24 dicembre, alle 19.30 Francesco presiede nella Basilica di San Pietro la Santa Messa della notte di Natale. Sabato 25 dicembre alle ore 12 la tradizionale Benedizione “Urbi et Orbi”. Venerdì 31, Francesco sarà nella Basilica di San Pietro, alle ore 17, per presiedere i Primi Vespri della Solennità di Maria Santissima Madre di Dio e recitare il Te Deum in ringraziamento per l’anno trascorso.

La Basilica vaticana accoglie le celebrazioni anche del 1.mo e del 6 gennaio. Il primo giorno del nuovo anno, Solennità di Maria Santissima Madre di Dio e 55.ma Giornata mondiale della Pace, il Papa presiede alle ore 10 la Santa Messa, come anche il 6 gennaio, Solennità dell’Epifania del Signore, sempre alle ore 10.

Appuntamento invece come da tradizione in Cappella Sistina, il 9 gennaio, la domenica dopo l’Epifania, Festa del Battesimo del Signore. Alle ore 9.30, Francesco presiede la Santa Messa e il Battesimo di alcuni bambini con i loro genitori.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/11/2021
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ue 2023: priorità a Ucraina, energia e pandemia. E la famiglia?

Ecco di cosa si occupa l’Unione Europea mentre famiglie ed imprese sono in gravi difficoltà. Leggete con attenzione…..

Leggi tutto

Chiesa

Bahrein - Il Papa ed i giovani

Incontrando i giovani del Bahrein, il Papa invita a diffondere una “cultura della cura” evitando di passare i giorni come “turisti della vita”

Leggi tutto

Media

Vogliono dividerci, non caschiamoci

Si apre una stagione difficilissima, vorranno approvare il matrimonio gay e far trionfare l’ideologia gender nelle scuole e ovunque. I cattolici (e le testate cattoliche) non alimentino il germe della divisione interna. Noi de La Croce dichiariamo disarmo unilaterale.

Leggi tutto

Chiesa

Non solo uomini: la “nuova” lavanda dei piedi

È stato pubblicato ieri il decreto della Congregazione per il Culto divino e la disciplina dei Sacramenti, ma la lettera con cui Papa Francesco faceva richiesta di questa modifica nei libri liturgici è stata da lui firmata il 6 gennaio. Ieri dunque il cardinal Sarah ha decretato la correzione delle rubriche che, dal 1970, permettevano ai soli uomini l’accesso alla commemorazione cultuale

Leggi tutto

Chiesa

Il vostro nemico il diavolo

Fra Benigno raccoglie un’eredità pesante, ora che padre Amorth non c’è più. Al frate siciliano, come volto e nome noto, forse il più conosciuto tra gli esorcisti italiani viventi, tocca adesso continuare a tenere desta l’attenzione sul nemico. Come è risaputo, quest’ultimo non va certo in vacanza: informare, evangelizzare, invitare alla preghiera e ad una vita sacramentale rimangono attività fondamentali per contrastarne l’azione. Fra Benigno non si stanca mai di farlo. L’ultima fatica del frate si intitola «Il vostro nemico il diavolo. Misericordiosi come Gesù verso i tormentati e coloro che credono di esserlo» (Paoline, 280 pp., 22, 00 euro). Un libro importante, per molti versi.

Leggi tutto

Chiesa

Verso il Sinodo dei giovani

A Roma si preparano gruppi di lavoro e schemi, mentre in Svizzera sono i giovani stessi che si preparano in vista del sinodo, nel quale vorranno evidentemente dire la loro. Non manca (né mancherà) chi si prepara a chiedere le solite “aperture”, mentre all’ombra del Cupolone qualcuno auspica che gli stessi argomenti di discussione siano un po’ meno “calati dall’alto”…

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano