Politica

di Giuseppe Udinov

In Finlandia una proposta di legge pro transgender

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I deputati finlandesi hanno presentato, alla Commissione parlamentare per gli affari sociali e la salute, una legge di iniziativa popolare in cui si chiede una riforma della legislazione sui transgender.

L’iniziativa, intitolata “Il diritto di essere”, ha ricevuto le 50.000 firme necessarie per procedere in Parlamento all’inizio di quest’anno. Secondo l’attuale legislazione finlandese, un individuo trans deve fornire la prova di essere stato sterilizzato prima di poter acquisire il riconoscimento legale del genere. Il governo finlandese ha affrontato una crescente pressione per riformare la legge, in particolare da parte delle lobby LGBTI e dall’UE, che hanno dichiarato che le norme in vigore violerebbero la Convenzione europea dei diritti umani.

Un gruppo di lavoro intergovernativo ha già iniziato il processo di elaborazione di modifiche alla legislazione transgender esistente e pare che il governo socialista in carica presenterà la sua proposta al Parlamento la prossima primavera. Ci sono differenze chiave tra le due proposte. Il contenuto della nuova proposta di legge del governo non è ancora stato reso pubblico, ma le anticipazioni indicano che gli emendamenti si applicheranno solo agli adulti, cioè a coloro che hanno più di 18 anni. “Sappiamo che il disegno di legge del governo escluderà le persone sotto i 18 anni ed è questa una ragione fondamentale per approvare invece il testo di legge dell’iniziativa “Il diritto di essere”, ha detto Kasper Kivistö, presidente del consiglio di amministrazione di Trasek, un’associazione che promuove i diritti dei transgender e degli intersessuali.

L’iniziativa popolare, infatti, vorrebbe permettere il riconoscimento legale del genere in base al principio dell’autodeterminazione, per cui sia gli adulti che i minori possono definire il proprio genere. Già in passato, nel 2017, una proposta di legge simile, per emendare la legge finlandese sulle persone trans, non aveva ricevuto abbastanza sostegno dal Parlamento ed era naufragata.

Poi, guarda caso, in Scandinavia escono “strani” spot su Babbo Natale che chiariscono ancor più come nulla sia lasciato al caso nel tentativo di minare la salute mentale dei bambini sin dall’infanzia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/11/2021
2909/2022
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Con Papa Francesco contro le follie gender

Si fa fatica ad accettare il limite. Così sul Corsera si trova la propaganda a cliniche olandesi che bombardano di ormoni i dodicenni per il cambio di sesso

Leggi tutto

Società

La solita lobby all’attacco dei libri di religione

Leggi tutto

Società

No al trans al Festival di San Remo

Pro-Vita e de Bertoldi, dunque, chiedono che ‘‘l’esibizione di “Drusilla Foer” si mantenga nei limiti della performance artistica e non si trasformi in un ‘Cavallo di Troia’ Gender e LGBT per influenzare milioni di famiglie e i loro figli’‘.

Leggi tutto

Società

Nuoto, trans in lutto: “Stop a maschi biologici nelle categorie femminili”

Da ora in poi, quindi, a nuotatori come Lia Thomas non sarà più permesso di competere ad armi clamorosamente impari contro le atlete biologicamente femmine.

Leggi tutto

Media

Quello strano silenzio dei media sulle parole del Papa

Se Francesco parla di gender e famiglia, se chiede agli intellettuali di “non disertare”, giornali e telegiornali lo zittiscono. Con qualche manovra sospetta

Leggi tutto

Società

La lobby lgbt bullizza gli studenti di Bergamo

In nome della libertà di tutti si chiude il giornalino studentesco. Gesto ridicolo e tanto più inquietante in quanto colpisce un oggetto dal raggio effettivo più che modesto. Appunto perché simbolico, la punizione che subisce dev’essere esemplare: così l’Arcigay locale tira le leve giuste perché pochi adulti ricchi e potenti possano imbavagliare pochi studenti liberi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano