Società

di Tommaso Ciccotti

I disabili dicono “no” al Super Green Pass:

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Movimento Genitori Lombardia, che riunisce oltre 400 nuclei familiari nella Regione con figli disabili – per la prevalenza autistici, con gravi intolleranze alimentari e malattie croniche rare, dice NO agli obblighi previsti per il personale ATA e docenti, che comprende gli insegnanti di sostegno, in quanto le restrizioni del super green pass per l’accesso alle strutture scolastiche rischierebbero di lasciare senza assistenza nel loro percorso scolastico i bambini e i giovani con grosse difficoltà di apprendimento a seguito di sospensioni e/o abbandono degli incarichi. Tutto questo nonostante la formazione di insegnanti di sostegno ed educatori sia spesso a carico delle famiglie, perlomeno nelll’ambito dei disturbi dello spettro autistico e con grosso deficit nella comunicazione, con costi altissimi, trattandosi di formazione specializzata ABA e CAA di primo livello.

“E’ un rischio che non possiamo correre – dichiara la Direzione del Movimento Genitori Lombardia, associazione senza scopo di lucro con sede a Robbiate (Lecco) e operante su tutto il territorio lombardo, – perché l’inclusione e la socializzazione dei nostri figli sono frutto di un lavoro quotidiano e faticoso che necessita di continuità, specie nel caso di disabilità intellettiva; è un impegno portato avanti senza il necessario supporto pubblico non solo da scuole e insegnanti e famiglie, ma anche da medici, sanitari e dalle stesse associazioni. Nel caso di disabilità intellettiva, per esempio in forme di autismo grave, specifichiamo che il rapporto 1:1 tra l’insegnante di sostegno e i ragazzi interessati, non si basa solo su preparazione tecnica, ma anche su un forte e coltivato rapporto di empatia e compatibilità che non si instaura facilmente e con tutte le persone, pur capaci che siano e che quindi va assolutamente protetto”.
La noncuranza che ancora una volta il Governo dimostra per le categorie socialmente più fragili è inquietante e nel segno di una disattenzione che dura da troppo tempo e contro ogni diritto costituzionale. Fino a pochi giorni fa, in Lombardia mancavano ancora 800 docenti tra posti comune e di sostegno.
“Ancora oggi le nostre associazioni – ammonisce la Direzione – sono costrette a istituire a proprie spese i corsi di formazione specifica sulle diverse disabilità per gli insegnanti di sostegno e gli educatori perché la preparazione che dà il Ministero non è adeguata e sufficiente nè a livello tecnico nè a livello di comunicazione. Senza contare che la scuola italiana soffre strutturalmente di mancanza di personale adeguato alle varie patologie, mancanza di risorse, generale precarietà. Le famiglie quindi si accollano l’impegno di colmare queste lacune pur di poter usufruire per i propri figli dei diritti previsti dalla legge, investendo tempo e finanze. Basta pensare a quanti ragazzi diversamente abili o con difficoltà di apprendimento sono senza insegnante di sostegno nelle classi cosiddette ‘pollaio’”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/11/2021
0708/2022
San Gaetano da Thiene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Peter Singer, il bioeticista che vuole uccidere i neonati

Cosa dice il docente di Princeton che teorizza l’eutanasia “non volontaria” sui disabili, soprattutto se appena nati, con l’obiettivo di “ridurre i costi sanitari”

Leggi tutto

Società

De Lieto(LI.SI.PO.): ” Compromessa la liberta’ dei cittadini”

Il sindacato di polizia interviene sulle ultime idee del Governo Draghi per arrestare il covid.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi (PDF), “Presidente Draghi, via subito il Green Pass

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia (PdF), in un video da Praga si rivolge direttamente al premier Mario Draghi: “Signor presidente del Consiglio, so bene che siamo tutti angosciati dai fatti bellici che sono in primo piano, ma sono qui a ricordarle la necessità di abolire subito l’infame green pass che sta togliendo lo stipendio a cinquecentomila italiani e è una pietra al collo della nostra economia.

Leggi tutto

Politica

NON SCHERZIAMO CON LA LEGGE SCELBA, LASCIAMO LA PAROLA AI MAGISTRATI

Dopo le dichiarazioni in aula parlamentare del Ministro Lamorgese sui fatti di sabato a Roma il clima si è ulteriormente scaldato: Giorgia Meloni, durante il question time odierno, ha subito cavalcato l’evidente debolezza manifestata dal capo del Viminale nel risponderLe per accusare il governo di essere in odore di regime. È evidente che la leader di Fratelli d’Italia stia cercando di buttare la palla in tribuna per evitare di dover rispondere nel merito di una linea politica ambigua su tanti temi e questioni: dai vaccini al rapporto con le frange più radicali della destra italiana passando per i cosiddetti temi eticamente sensibili, sbandieriate come vessillo elettorale ma in Parlamento mai difeso con la veemenza dei numeri.

Leggi tutto

Politica

De Carli, il PDF ed il governo Draghi

Ecco l’intervista a Mirko De Carli sulla situazione politica del Popolo della Famiglia sul governo Draghi e la situazione pandemica.

Leggi tutto

Storie

Cina, l’app di tracciamento Covid silenzia una protesta

I timori di un utilizzo politico e per fini di controllo sociale degli strumenti digitali di contrasto al coronavirus da tempo agitano il dibattito, frettolosamente rubricato come «narrazione complottista» da intellettuali e politici; ma in realtà green pass, sistemi di scansione di documenti e app di tracciamento stanno dimostrando, specie in Cina, tutta la loro pericolosità.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano