Politica

di Giuseppe Udinov

Il Portogallo tra eutanasia e maternità surrogata

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nella stessa notte in cui ha rimandato alle Camere la legge sull’eutanasia, il presidente portoghese, Marcelo Rebelo de Sousa, ha promulgato la legge sulla maternità surrogata, approvata la scorsa settimana dal Parlamento con diverse modifiche alla precedente versione per superare i veti sollevati dalla Corte costituzionale.

La decisione di Rebelo de Sousa è emersa mediante una nota pubblicata sul sito ufficiale della Presidenza, a soli tre giorni dall’approvazione del regolamento in Parlamento con i voti a favore di sinistra – ad eccezione dei comunisti – e Iniziativa liberale.
La norma consente l’accesso alle cosiddette “pance surrogate” alle donne senza utero o con una lesione o una situazione clinica che “assolutamente e definitivamente” impedisce loro di rimanere incinta.

In Portogallo, una legge di questo tipo era entrata in vigore nell’agosto 2017, ma era stata successivamente posta al veto dalla Corte Costituzionale, ritenendo che violasse principi e diritti, compreso il ripensamento da parte della donna incinta. Nel luglio 2019 è stato nuovamente approvato un disegno di legge sulla maternità surrogata, ma non c’è stato consenso tra i deputati per includere il periodo di ripensamento, quindi la Corte costituzionale ha nuovamente posto il veto.
Con la nuova legislatura, con una diversa composizione parlamentare, la Camera ha approvato venerdì un’altra versione della legge, che prevede che la donna incinta abbia tempo fino a 20 giorni dopo il parto – fino alla registrazione del bambino – per ripensarci e decidere di non dare via il bambino.

Alla legge è stato inoltre aggiunto che la gestante è una donna che “preferibilmente” è già stata madre e che prima di iniziare il trattamento è richiesto un parere del Collegio degli Psicologi, oltre a quello del Collegio dei Medici, che era già incluso nelle versioni precedenti.

Contemporaneamente Rebelo de Sousa, ha posto il veto alla legge che depenalizza l’eutanasia e ha chiesto al Parlamento di chiarire i motivi per cui si può accedere alla morte medicalmente assistita. Quindi la questione dovrà essere ripresa nella prossima legislatura, poiché la Camera sarà sciolta alla fine questa settimana.

Il presidente aveva già bloccato una precedente versione della legge inviandola alla Corte costituzionale per il riesame e i giudici avevano finito per porvi il veto, ritenendo che alcuni concetti fossero “imprecisi”.

Il presidente fa notare che in una parte del testo si richiede che ci sia una “malattia mortale”, come già previsto nella prima versione della legge, ma in altre aggiunge, in questa nuova versione, che può anche essere applicato nei casi di “malattia incurabile”, anche non mortale, e di “malattia grave”.

“Il presidente chiede all’Assemblea della Repubblica di chiarire se è necessaria una ‘malattia mortale’, se solo ‘incurabile’ o solo ‘grave’”, si legge nel comunicato.

La nuova legge sull’eutanasia era stata approvata con i voti favorevoli di gran parte dei deputati del Partito Socialista (7 contrari), del Bloco de Esquerda, del PAN animalista, di Los Verdes (Pev) e dell’Iniziativa Liberale, nonché oltre a 13 parlamentari del Psd (centrodestra) e due deputati del gruppo misto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/12/2021
2505/2022
San Gregorio VII

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Il tour di Gianna fa scuola in Italia

Mentre le polemiche sull’obiezione di coscienza dei medici antiabortisti infiammano il Paese (in fondo sono buone per ogni stagione), Gianna Jessen, nota a moltissimi per la sua storia narrata in
“October Baby”, gira lo stivale. Libero dà voce all’“unico medico abortista” del Molise come a un eroe, mentre il Paese reale corre ad ascoltare la testimonianza della Jessen: il futuro passa da lì, lo sa bene

Leggi tutto

Società

La morte di Charlie punto di non ritorno

Ci siamo mancano poche ore Quondo accadrà cio’ che sembrava impossibile. Un bimbo indifeso verrà ucciso senza pietà in un ospedale inglese. I suoi genitori si oppongono fortemente ma e’ lo stato padrone che decide. Poche le voci di protesta innanzi ad un atto vile ed ingiustificabile. Stiamo toccando il fondo ma la gente continua a guardare!

Leggi tutto

Politica

La nuova #roadmap per il Popolo della Famiglia

La percentuale dello 0.7% ha creato in alcuni – devo dire in realtà pochi – una certa delusione. Ora, è ovvio che sarebbe stato meglio ottenere un risultato maggiore, ma la domanda che dobbiamo porci è un’altra: «Noi abbiamo fatto davvero tutto il possibile?». Io credo di sì. Io credo che nelle circostanze date, abbiamo fatto davvero tutto quello che era nel novero delle nostre possibilità. Ora occorre cambiare le condizioni, cominciando proprio dall’allargamento della percentuale di italiani che conoscono il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Società

Parla Hadjadj: «La società del comfort totale è suicidaria»

Il problema sta nel clima spirituale della nostra epoca, intessuto di un superbo efficientismo.

Leggi tutto

Storie

TURCHI, CURDI E LA BONINO PRIMA DELL’APERICENA

Abbiamo una insopprimibile necessità di iscriverci a una curva, perché sui social così possiamo distillare perle di saggezza che ovviamente sono solo maldestre copiature dei riassunti del mainstream, ingaggiando feroci quanto inutili flames con gli appartenenti alla fazione opposta. Ne muore, così, la reale e profonda comprensione dei fenomeni che sono sempre complessi persino se parliamo di Temptations Island, figuriamoci se ci azzardiamo a discettare di una guerra.
Allora, proviamo a spiegarla questa guerra. Così ci risparmieremo scene oscene tipo il massacro sui social di Under e Demiral, due ragazzi turchi che giocano nella Roma e nella Juve che come tantissimi ragazzi turchi sono cresciuti considerando quella curda come una grave minaccia e ora si schierano con la loro patria salutando i loro coetanei connazionali in guerra.

Leggi tutto

Politica

UN LAVORO CHE CONTINUA

Cinque anni fa, nel giugno 2016, quando il Popolo della Famiglia esordì alle amministrative, non eleggemmo nessuno. Immediatamente ci diedero per “morti nella culla” e si alzarono voci esterne ma anche interne che tra il cattivo e il derisorio chiedevano la chiusura immediata dell’esperimento politico di un soggetto politico autonomo cristianamente ispirato che intendeva dare battaglia in particolare sui “principi non negoziabili” indicati da Papa Benedetto XVI al raduno del Partito popolare europeo del 30 marzo 2006

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano