Politica

di Roberto Signori

Jhenaidah: prima transgender alla guida di un governo locale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Per la prima volta in Bangladesh una persona trasgender guiderà un governo locale (Union Parishad, amministrazioni locali che includono diversi villaggi). Il 28 novembre la candidata indipendente Nazrul Islam Ritu ha vinto la presidenza del Consiglio sindacale di Trilochonpur con 9.557 voti. Nazrul Islam Sana, il candidato sostenuto dalla Lega Awami, ha invece ottenuto 4.529 voti.

“La gente della mia zona mi ha eletta come leader con amore e fiducia, sono loro grata”, ha dichiarato Ritu dopo la vittoria. “Ho vinto le elezioni come persona transgender, ora mi sacrificherò per il bene della mia comunità”.

Terza di sette fratelli, Ritu è stata cresciuta dalla comunità transgender di Dhaka, anche se racconta di aver mantenuto ottimi rapporti con la famiglia. Ora 43enne, da circa 15 anni è tornata alla comunità di origine. “Ho affrontato molti ostacoli a causa dei miei avversari - ha spiegato la neo amministratrice - Ma per il resto della mia vita voglio lavorare per la mia Union Parishad”. “Voglio che Trilochonpur diventi un modello - ha proseguito Ritu -. Soffro quando sento che qualcuno non viene curato o non può organizzare il matrimonio della figlia per mancanza di soldi. Voglio aiutare le persone senza speranze”.

Ritu è diventata popolare per le sue attività filantropiche. Si è spesa per la costruzione di moschee e ha fatto donazioni ai templi indù. “Abbiamo notato la sua dedizione e il suo desiderio di lavorare per la gente”, hanno detto i suoi sostenitori.

La Commissione elettorale ha incluso il genere transgender nella lista degli elettori nel 2019. In Bangladesh un milione e mezzo di persone sono transgender. Nelle scuole e nelle università non sono ammesse.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/12/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le polemiche inutili

Chi ha spacciato dati diversi non ha calcolato i voti ottenuti da tutte le 19 liste, ha compiuto errori banali come conteggiare le percentuali sui votanti e non sui voti validi, ha voluto deliberatamente chiudere gli occhi su dati che hanno del miracoloso, preferendo sviluppare le odiose polemiche inutili di soggetti che possono sfogarsi solo su Facebook o sui blog. Chi ha osato criticare il fatto che calcolassimo la percentuale solo considerando i comuni in cui ci siamo presentati, poi, ha toccato vette in cui la polemica inutile sconfina nel delirio da rabbia incipiente.
E veniamo alla questione politica. Perché siamo noi il quarto polo? Semplice: perché noi ci siamo. Sa dirmi l’augusto collega dell’Espresso quanti voti in una città chiave come Verona ha preso Alternativa Popolare di Alfano e Lupi o Energie per l’Italia di Stefano Parisi? Mi dice ad Avola o a Conegliano quanti consensi ha raccolto Idea di Quagliariello e Roccella? Siamo il quarto polo per assenza di competitori. Siamo tanti, prendiamo molti voti e pazientemente sopportiamo le polemiche inutili. Meno riusciamo a sopportare la fabbrica di veleni di cui è sempre capace l’Espresso, che quando il Circo Massimo lo riempiamo noi scrive che la capienza è trentamila, quando lo riempie Sergio Cofferati sono tre milioni.

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Storie

Filippine - Il cardinale Advincula laverà i piedi ai nuovi elettori

Nel Giovedì Santo gesto simbolico dell’arcivescovo di Manila alla vigilia del delicatissimo voto del 9 maggio che designerà il successore di Duterte alla presidenza. Tra i dodici prescelti anche un giornalista per ricordare l’importanza di un’informazione corretta per una vera democrazia.

Leggi tutto

Storie

Bangladesh “per educare la mente e il cuore”

La St. Xavier’s International School a Kuchilabari, nel distretto di Gazipur, nei pressi di Dhaka, prima scuola dei Gesuiti in Bangladesh, ha appena aperto i battenti e avviato l’attività didattica del nuovo anno scolastico con 34 ragazzi, ma potrà ospitarne fino a 600.

Leggi tutto

Politica

Trump: la partita è stata tra le città e le aree rurali

Come un mattone buttato dalle finestre delle élites. Trump non è altro che il prodotto delle contraddizioni americane. Che scandalizza i benpensanti, quelli che non hanno problemi ad arrivare alla fine del mese. “Ma questa è davvero una elezione democratica, una elezione civile? Non sono forse i sostenitori Trump solo un mucchio di razzisti?” – continua Wong come parlando ad un ipotetico americano di città.

Leggi tutto

Politica

La grande occasione di crescita

Lo scenario del governo M5S-Lega – l’unico scenario possibile a partire dai risultati del 4 marzo scorso – apre ora una decisa stagione di possibile sviluppo per il Popolo della Famiglia, a patto che si
sappia cogliere quest’occasione di crescita. L’isolamento dei pochi cattolici superstiti in Parlamento dice che è ora di restituire loro una casa comune della politica cristianamente ispirata.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano