Società

di Giuseppe Udinov

Scuola, per la didattica a distanza restano le regole vigenti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ci hanno ripensato rapidamente ed il regolamento scolastico inerente il covid cambia di nuovo. Dopo che con una circolare congiunta dei ministeri della Salute e dell’Istruzione, tenuto conto dell’aumento dei contagi e delle conseguenti difficoltà nel tracciamento, riteneva opportuno sospendere il programma di “sorveglianza con testing” vigente da tre settimane e considerare “la quarantena per tutti i soggetti contatto stretto di una classe/gruppo dove si è verificato anche un singolo caso tra gli studenti e/o personale scolastico”, torna alla regola precedente. Cioè la quarantena della classe scatta solo se ci sono tre positivi. “Non ci sarà alcun ritorno in Dad in caso di presenza di un solo alunno contagiato”, hanno precisato fonti di governo.

Nella circolare congiunta si prendeva atto del peggioramento del quadro dell’epidemia, registrando una incidenza settimanale in crescita e pari a 125 casi per 100mia abitanti, “valore ben lontano dal quello ottimale di 50 per 100mia, utile per un corretto tracciamento dei casi”. I due ministeri hanno quindi ritenuto “opportuno sospendere, provvisoriamente, il programma di “sorveglianza con testing” e di considerare la quarantena per tutti i soggetti contatto stretto di una classe/gruppo dove si è verificato anche un singolo caso tra gli studenti e/o personale scolastico”. Superando in tal modo il protocollo in vigore dal 3 novembre scorso, di cui i presidi avevano denunciato la difficile applicazione. “Siamo stati facili cassandre“, ha detto il presidente dell’Associazione nazionale presidi Antonello Giannelli.

Dopodiché è intervenuto Palazzo Chigi, che ha avocato a sé l’operazione dopo un approfondimento con il Comitato tecnico scientifico e con il commissario all’emergenza Francesco Figliuolo, il quale ha garantito supporto per l’attività di tracciamento. “Non ci sarà alcun ritorno in Dad in caso di presenza di un solo alunno contagiato”, hanno precisato fonti di governo, e parallelamente la struttura del commissario straordinario “intensificherà le attività di testing nelle scuole, al fine di potenziare il tracciamento”, perché priorità del governo è “garantire la partecipazione in presenza e lo svolgimento delle lezioni a scuola in assoluta sicurezza”.

Ricapitolando l’ennesima situazione caotica: La didattica a distanza scatta con un solo positivo in classe per i bambini fino a sei anni, per la scuola dell’infanzia, dunque, dove è più difficile mantenere il distanziamento e le mascherine per i bimbi non sono obbligatorie. Con due positivi per gli alunni dai 6 ai 12 anni (per i quali non è ancora prevista la vaccinazione) e anche per i più grandi se non sono vaccinati. Dai 12 in poi si andrà in Dad se i casi positivi sono almeno tre.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/12/2021
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Benedizioni, a Bologna un consiglio d’istituto “vota contro il Tribunale”

Leggi tutto

Politica

Il Reddito di maternità è contro l’aborto

È stato pubblicato il report ufficiale Istat sull’applicazione della legge 194, rilanciato in un documento a firma del ministro Grillo. Dell’aborto è ormai politicamente impossibile parlare, ma la proposta legislativa d’iniziativa popolare del Popolo della Famiglia – l’istituzione del Reddito di maternità – potrebbe avere un effetto realmente disincentivamente rispetto al ricorso all’aborto.

Leggi tutto

Società

Pennetta: «La scuola (come la conoscevamo noi) è in via di estinzione»

Il noto docente descrive un declino trentennale virtualmente inarrestabile. Tentare di resistere si deve.

Leggi tutto

Storie

Green pass, i portuali di Trieste contro l’obbligo: “Blocchiamo i porti”

In vista dell’entrata in vigore del Green pass per accedere ai luoghi di lavoro, il settore portuale è sul piede di guerra. “L’unica apertura che possono avere nei nostri confronti - ha detto Stefano Puzzer, il portavoce dei portuali di Trieste - è togliere la certificazione”. Puzzer ha anche aggiunto che “il blocco del 15 ottobre è confermato, non si fermerà solo il porto di Trieste. Quasi tutti i porti si fermeranno”.

Leggi tutto

Politica

Dl Green Pass, via libera della Camera al voto di fiducia

Con il decreto legge è stato introdotto, in particolare, l’obbligo dell’esibizione della certificazione verde per accedere ai luoghi di lavoro, pubblici e privati, dal 15 ottobre scorso e fino a fine 2021 (in coincidenza con il termine dell’attuale stato di emergenza).

Leggi tutto

Società

Certa CEI contro l’ora di religione

Uno degli aspetti più controversi della “Buona Scuola” è che l’immissione di questi mitologici professori non curriculari nell’organico degli istituti porterebbe per la natura stessa delle cose a emandare loro le materie alternative all’ora di Religione Cattolica. Morale della favola, chi si avvale dell’Irc resta di fatto penalizzato e depotenziato rispetto agli altri. I Vescovi vedono e tacciono

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano