Storie

di Giuseppe Udinov

Serena Grandi: “Sarò suora laica”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono lontani i tempi in cui Serena Grandi - diretta dal regista Tinto Brass - vestiva i panni di provocanti donne Le croci he la vita le ha riservato - dal tumore al seno agli abusi subiti per mano dei suo ex fidanzati - hanno spinto Serena Grandi a rifugiarsi nella fede e a prendere una decisione importante: diventare suora laica.

Durante un’intervista rilasciata a il Quotidiano Nazionale, Serena Grandi ha confermato di avere intrapreso il cammino per la consacrazione laicale. Poco tempo fa l’artista aveva svelato di volere compiere questa scelta per dedicarsi “agli altri, curare lo spirito e tenere le anime lontane dal consumismo. Perché io dopo averlo perso, ho ritrovato Dio”. Ma solo ora la Grandi ha svelato di avere già intrapreso il percorso nella chiesa della Parola della grazia di Riccione, che la porterà a diventare una suora laica. Un desiderio maturato nel tempo e concretizzatosi grazie all’incontro con un pastore brasiliano che l’avrebbe motivata a fare il grande passo.
Alla domanda diretta dell’intervistatore Serena Grandi ha confermato: “Ho iniziato da un paio di mesi un percorso che potrebbe portarmi a essere una suora laica”. L’attrice, 63 anni, non entrerà né in convento né in un altro istituto religioso. Le suore laiche, infatti, fanno voto di castità, povertà e obbedienza, scegliendo però di vivere la propria vita abitando nella propria abitazione, lavorando per mantenersi dignitosamente ma rimanendo consacrate a Dio. Una scelta che già un’altra attrice, Claudia Koll, ha deciso di compiere, e che Serena Grandi ha ricordato nella sua intervista con una nota ironica: “Proprio come la Koll. Sarà colpa di Tinto Brass?”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/12/2021
2405/2022
San Vincenzo di Lerino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa delle parole chiare

Il merito principale di Papa Francesco è quello di adottare un linguaggio privo di ambiguità

Leggi tutto

Politica

Cosa c’è dopo Welby, Eluana e Fabo

Tra pochi giorni il Parlamento discuterà il ddl sulle Dichiarazioni anticipate di trattamento,
ovvero sul cosiddetto “biotestamento”. Il quale non sarà che un piede di porco per introdurre subito
dopo una vera e propria legge sull’eutanasia, grazie alla quale il diritto italico regredirà di quasi
venti secoli. Dalla Chiesa ci si aspetterebbe una militanza più incisiva, ma non è detta l’ultima parola

Leggi tutto

Storie

Clochard morto in un rogo: fatalità?

Un mese fa i fatti: nella sera di santa Lucia Ahamed Fdil morì arso nell’automobile che gli serviva da unica casa. Nel trigesimo viene formulata l’ipotesi di omicidio a carico di due giovanissimi – un
tredicenne e un diciassettenne – nordafricano l’uno, slavo il secondo. La riflessione sull’ultraviolenza precoce ne invoca una più vasta, perché un barbone è la vittima ideale in quanto persona invisibile

Leggi tutto

Politica

Il Reddito di maternità è contro l’aborto

È stato pubblicato il report ufficiale Istat sull’applicazione della legge 194, rilanciato in un documento a firma del ministro Grillo. Dell’aborto è ormai politicamente impossibile parlare, ma la proposta legislativa d’iniziativa popolare del Popolo della Famiglia – l’istituzione del Reddito di maternità – potrebbe avere un effetto realmente disincentivamente rispetto al ricorso all’aborto.

Leggi tutto

Storie

HAPPY HOUR, L’EPIDEMIA DISTOPICA DI FERRUCCIO PARAZZOLI

Ci si sveglia un giorno a caso in una qualunque periferia dell’Occidente medicalizzato, l’Occidente iperconnesso del XXI secolo, e di colpo la bolla patinata d’onnipotenza transumanista è svanita: basta un ridicolo microrganismo, un miasma invisibile a seminare un panico atavico.

Leggi tutto

Chiesa

Messaggio di Papa Francesco ai partecipanti al 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale

La Madre di Gesù fa nascere il mondo della fraternità dove c’è posto per ogni scartato,Maria “è la Madre di tutti, indipendentemente dall’etnia o dalla nazionalità. Con queste parole Papa Francesco si rivolge ai partecipanti del 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale che fino all’11 settembre vedrà confrontarsi circa 300 rappresentanti delle società mariologiche e studiosi provenienti da tutto il mondo sul tema “Maria tra teologie e culture oggi. Modelli, comunicazioni, prospettive”. Organizzato dalla Pontificia Academia Mariana Internationalis e presieduto a nome del Papa dal cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della Cultura

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano