Storie

di Giuseppe Udinov

Serena Grandi: “Sarò suora laica”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono lontani i tempi in cui Serena Grandi - diretta dal regista Tinto Brass - vestiva i panni di provocanti donne Le croci he la vita le ha riservato - dal tumore al seno agli abusi subiti per mano dei suo ex fidanzati - hanno spinto Serena Grandi a rifugiarsi nella fede e a prendere una decisione importante: diventare suora laica.

Durante un’intervista rilasciata a il Quotidiano Nazionale, Serena Grandi ha confermato di avere intrapreso il cammino per la consacrazione laicale. Poco tempo fa l’artista aveva svelato di volere compiere questa scelta per dedicarsi “agli altri, curare lo spirito e tenere le anime lontane dal consumismo. Perché io dopo averlo perso, ho ritrovato Dio”. Ma solo ora la Grandi ha svelato di avere già intrapreso il percorso nella chiesa della Parola della grazia di Riccione, che la porterà a diventare una suora laica. Un desiderio maturato nel tempo e concretizzatosi grazie all’incontro con un pastore brasiliano che l’avrebbe motivata a fare il grande passo.
Alla domanda diretta dell’intervistatore Serena Grandi ha confermato: “Ho iniziato da un paio di mesi un percorso che potrebbe portarmi a essere una suora laica”. L’attrice, 63 anni, non entrerà né in convento né in un altro istituto religioso. Le suore laiche, infatti, fanno voto di castità, povertà e obbedienza, scegliendo però di vivere la propria vita abitando nella propria abitazione, lavorando per mantenersi dignitosamente ma rimanendo consacrate a Dio. Una scelta che già un’altra attrice, Claudia Koll, ha deciso di compiere, e che Serena Grandi ha ricordato nella sua intervista con una nota ironica: “Proprio come la Koll. Sarà colpa di Tinto Brass?”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/12/2021
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Radicare il seme del cambiamento sul territorio

Domenica 20 novembre a Bologna si è svolta la prima Festa Nazionale de La Croce Quotidiano. In un AEmilia Hotel stracolmo di persone provenienti da tutt’Italia si è celebrata una giornata di festa
e di impegno. La Croce Quotidiano, da quando è nata il 13 gennaio 2015, è diventata per tanti italiani l’unico “foglio” capace di leggere ciò che accade andando oltre il politicamente corretto e rimanendo sempre leale e fedele allo spirito delle buona battaglia a difesa della vita e della famiglia.

Leggi tutto

Storie

Quella integralista religiosa di Flannery O’ Connor

Flannery O’Connor è stata una cocciuta paladina della realtà contro ogni intellettualismo, colei che più di ogni altra ha saputo portare alla luce le teofanie imprevedibili che la realtà racchiude nei suoi aspetti più banali. Molta polvere si deposita sulle cose ordinarie, facendole apparire insane. Quella polvere va tolta, preservando le cose. Molte iniquità vanno combattute in questa realtà imperfetta per non essere annoverati tra gli iniqui, ma non il reale stesso. Poiché nessun progressismo libresco, la O’Connor asserisce da ogni pagina, ha mai potuto cambiare un atomo del reale o uno iota della legge. Solo ciò che è accidentale cambia, ma l’essenza delle cose non muta. Chi non comprende o non ama questo non comprende la realtà perché, evidentemente, ha molto elucubrato e poco vissuto: “ci vuole vita per amare la Vita”, avrebbe detto un altro grande americano, l’Edgar Lee Masters dell’Antologia di Spoon River.

Leggi tutto

Storie

Il futuro di Vincent

Nel silenzio e nell’apparente disinteresse dei media ieri appena una dozzina di persone ha partecipato all’udienza.

Leggi tutto

Società

Il Consiglio di Stato francese e la vita di Vincent Lambert

L’udienza si è svolta venerdì 29 marzo 2019 e i giudici amministrativi supremi si sono concessi tre settimane per esprimere il loro giudizio. Giudizio che può spaziare dall’accettazione della cessazione delle cure (e quindi condannare a morte di Vincent Lambert) alla raccomandazione di trasferire Vincent Lambert in un istituto specializzato che abbia l’esperienza e la competenza per prendersi cura del suo stato semi-relazionale (coscienza minima), stato nel quale vivono circa 1.700 persone in Francia.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ai giovani slovacchi: “ribellatevi alla cultura del provvisorio”

Nell’ultimo appuntamento del terzo giorno di viaggio Francesco ha esortato le nuove generazioni a non lasciarsi omologare. Intensa la catechesi sulla confessione: non dimenticate che il centro non sono i peccati ma il Padre che perdona e così diventerà “il Sacramento della gioia”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano