Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco e l’appuntamento con la Messa a Nicosia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nell’omelia pronunciata al Pancyprian Gymnastic Association Stadium di Nicosia, nel suo secondo giorno a Cipro, Francesco si sofferma sulla loro esperienza rapportandola alla realtà di oggi. Fa il suo ingresso con un pastorale in legno, semplice mentre splende il sole sul campo di calcio, dove l’altare ornato di fiori gialli è posto al centro e rivolto alla tribuna gremita da circa 10 mila persone. Da lì i fedeli possono vedere un grande Crocifisso e ai due lati i simboli del viaggio apostolico: l’apostolo Barnaba e l’isola di Cipro.

Il Pontefice fa notare anzitutto che i due protagonisti del Vangelo “sono ciechi, eppure vedono ciò che più conta: riconoscono Gesù come Messia venuto nel mondo”, si fidano di lui “e lo seguono in cerca di luce per i loro occhi”. Poi, prosegue il Papa, “non pensano ciascuno alla propria cecità, ma chiedono aiuto insieme”. Per Francesco questo è “il segno eloquente della vita cristiana”, “il tratto distintivo dello spirito ecclesiale: pensare, parlare, agire come un ‘noi’, uscendo dall’individualismo e dalla pretesa di autosufficienza che fanno ammalare il cuore”. “Non si può affrontare il buio da soli - afferma il Papa -. Se portiamo da soli le nostre cecità interiori, veniamo sopraffatti”. C’è bisogno, invece, di mettersi “l’uno accanto all’altro, di condividere le ferite, di affrontare insieme la strada”, sostiene il Papa che esorta:

Cari fratelli e sorelle, dinanzi a ogni oscurità personale e alle sfide che abbiamo davanti nella Chiesa e nella società, siamo chiamati a rinnovare la fraternità. Se restiamo divisi tra di noi, se ciascuno pensa solo a sé o al suo gruppo, se non ci stringiamo insieme, non dialoghiamo, non camminiamo uniti, non possiamo guarire pienamente dalle cecità.

E invece la guarigione arriva quando si portano insieme le ferite, spiega Francesco, quando si affrontano insieme i problemi, quando ci si ascolta e ci si parla. “È la grazia di vivere in comunità, di capire il valore di essere comunità”. Da qui l’invito del Pontefice ai fedeli ad “essere sempre uniti”, ad “andare avanti così e con gioia”.
Francesco considera che anche noi oggi “portiamo nel cuore delle cecità” e “come i due ciechi, siamo viandanti spesso immersi nelle oscurità della vita”, e allora “la prima cosa da fare è andare da Gesù”, accogliere il suo invito ad accostarsi a Lui, stanchi e oppressi, per avere ristoro. Eppure tante volte si preferisce rimanere chiusi in sé stessi, stare soli con le proprie oscurità, piangersi addosso, rimarca il Papa, accettando la cattiva compagnia della tristezza, mentre invece “Gesù è il medico”, “la luce vera che illumina ogni uomo”, che dona calore, amore e libera il cuore dal male.
I due protagonisti del Vangelo, poi, hanno tanto da insegnare, “con la condivisione delle loro sofferenze e con la loro fraterna amicizia, riflette il Papa aggiungendo che:

Ciascuno di noi è in qualche modo cieco a causa del peccato, che ci impedisce di “vedere” Dio come Padre e gli altri come fratelli. E questo fa il peccato, distorce la realtà: ci fa vedere Dio come padrone e gli altri come problemi. È l’opera del tentatore, che falsifica le cose e tende a mostrarcele sotto una luce negativa per gettarci nello sconforto e nell’amarezza.

Quindi il pontefice evidenzia l’entusiasmo dei due ciechi “per essere stati risanati” e “la gioia per quanto hanno vissuto nell’incontro” con Gesù che li spinge ad eludere la raccomandazione di non dire niente a nessuno e a diffondere la notizia della loro guarigione. Per il Papa, più che una disobbedienza, qui c’è da scorgere “un altro segno distintivo del cristiano: la gioia del Vangelo, che è incontenibile, ‘riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù’, libera dal rischio di una fede intimista, seriosa e lamentosa, e immette nel dinamismo della testimonianza”. Una gioia che Francesco ritrova anche tra i fedeli presenti allo stadio:

Carissimi, è bello vedervi e vedere che vivete con gioia l’annuncio liberante del Vangelo. Vi ringrazio per questo. Non si tratta di proselitismo, per favore, non fare mai proselitismo, non si tratta di proselitismo, ma di testimonianza; non di moralismo che giudica, no, non farlo, ma di misericordia che abbraccia; non di culto esteriore, ma di amore vissuto. Vi incoraggio ad andare avanti su questa strada: come i due ciechi del Vangelo, rinnoviamo anche noi l’incontro con Gesù e usciamo da noi stessi senza paura per testimoniarlo a quanti incontriamo!

Per il Papa “c’è bisogno di cristiani illuminati ma soprattutto luminosi, che tocchino con tenerezza le cecità dei fratelli; che con gesti e parole di consolazione accendano luci di speranza nel buio. Cristiani che seminino germogli di Vangelo nei campi aridi della quotidianità, che portino carezze nelle solitudini della sofferenza e della povertà”. Terminando l’omelia Francesco rassicura che anche per le strade di Cipro Gesù passa guarendo ferite e infermità e rinnovando la fraternità e invita i fedeli ad invocare insieme a lui, per tre volte, “Vieni, Signore Gesù”.
izzaballa e Sfeir: grati a Dio per visita del Papa. Qui a Cipro sto respirando un po’ di quell’atmosfera tipica della Terra Santa, dove l’antichità e la varietà delle tradizioni cristiane arricchiscono il pellegrino. Questo mi fa bene, e fa bene incontrare comunità di credenti che vivono il presente con speranza, aperti al futuro, e condividono questo orizzonte con i più bisognosi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/12/2021
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

L’Anno Santo della Misericordia

Siamo chiamati a dare consolazione a ogni uomo e ogni donna del nostro tempo. Mi pare un compito da far tremare le vene dei polsi, ma questo è l’invito del Papa

Leggi tutto

Chiesa

L’ordinario militare ci parla di Fatima

Monsignor da Silva Rodrigues Linda, prelato personale dell’ordinariato militare lusitano, oltre che presidente della commissione ecumenica della Conferenza episcopale del Portogallo, che è stato domenica in visita a Roma, ha rilasciato una intervista esclusiva per “La Croce”, in occasione delle celebrazioni del centenario della Regina del Santo Rosario

Leggi tutto

Chiesa

Quella di Krajewski non è stata una bravata, ecco qui perché

Il sottotesto della controversa scelta era una ridda di complicazioni burocratiche dal nodo gordiano

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

Società

UN “RISCHIO” CHIAMATO FAMIGLIA CHE SI RIBELLA ALLA CULTURA DEL PROVVISORIO.

Il trionfo del precariato è riuscito ad invadere ogni campo, arrivando persino, con arguzia encomiabile, a minare la colonna portante della società e cioè la famiglia. Tutto in un silenzio tombale, senza che nemmeno ce ne accorgessimo. Il vertiginoso calo dei matrimoni, sia civili che religiosi, è l’esempio lampante di una mentalità che ha paura delle scelte definitive e vive alla giornata, sballottata qua e là dalle armi di distrazioni di massa dei social media.  Il timore di eventuali fallimenti sta facendo gonfiare a dismisura il numero delle convivenze, anche dove in apparenza le unioni sembrerebbero molto solide e a prova di qualunque crisi.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco; percorso di alta formazione per continuare ad annunciare la Buona Novella

Lettera del Santo Padre al Gran Cancelliere della Pontificia Università Lateranense, sull’istituzione di un Ciclo di studi in “Ecologia e Ambiente. Cura della nostra Casa Comune e Tutela del Creato”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano