Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Sparizione o riapparizione di persone e comunità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sembra di andare sempre più drammaticamente verso la fine di un’epoca.

Identità e scambio tra di esse sono aspetti distinti e complementari. Quando si dà spazio ad uno solo di essi o li si mescola senza distinguere i due momenti si finisce in vario modo, talora inconsapevolmente, per spegnere, manipolare, la crescita autentica. La persona viene svuotata, omologata, isolata, massificata…

Quando invece si sviluppano a tutto campo questi due poli le persone sono tendenzialmente aiutate a cercare la vita autentica, superando ideologie, schemi, distorsioni varie. Si può venire orientati a formare comunità serene e aperte all’incontro con le altre. Rinasce dunque anche una più autentica democrazia.

Ciò si può sperimentare anche nella Chiesa. Se la fede diventa ideologia, vario mero fare, le comunità possono vivere forti tensioni. Se si cresce in una fede serena, a misura, si scopre la grazia di Dio. Gesù dice “Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri” (Gv 13, 35). Dove tale parola viene intesa come un concetto da comprendere col cervello e mettere in pratica con le proprie forze si può finire come al tempo della torre di Babele. Dove ci si lascia portare nella fede dallo Spirito sereno di Gesù è allora davvero lui che aiuta le persone ad accogliersi e ad amarsi.

Pensiamo ad una coppia che litiga sull’educazione dei figli. Come è diverso, pur con tutti i limiti, se le diversità vengono vissute nella fede in Dio. Pensiamo anche all’arte. Non emerge talora plasticamente il vuoto tecnicismo di certe chiese create nella giustapposizione di tecniche specialistiche, liturgia, architettura, ingegneria? E invece certe chiese romaniche o gotiche non trasmettono la fede viva di quella storia?

Lo svuotamento dell’ideologia, del mero fare, del tecnicismo, ha toccato un’apice in un recente documento interno della Commissione Europea. È tutta la vita che può rinascere se, nei modi e nei tempi adeguati, si cerca di favorire l’autentica maturazione delle persone.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/12/2021
1808/2022
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Preoccupazioni prive di azioni

Le conclusioni dell’assemblea generale della Cei indicano una serie di problemi, osservano l’avanzata di un’offensiva legislativa contro la famiglia, ma non offrono risposte operative

Leggi tutto

Storie

Le donne africane non hanno bisogno di aborto

Una giovane nigeriana crea un’organizzazione prolife per opporsi alla “Bill & Melinda Gates Foundation” nei suoi intenti “filantropici” (ossia di controllo delle nascite – dei poveri del mondo). Lo scopo di Culture of Life Africa è dissuadere i “filantropi” dai loro propositi. La lettera di Obianuju a Melinda Gates è un testo di magistero della vita e di resistenza al pensiero unico.

Leggi tutto

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Media

Cambridge Analytica & Facebook: pasticcio enorme

In Europa a maggio entrerà definitivamente in vigore il GDPR, cioè il nuovo regolamento sulla protezione dei dati. Esso ha come finalità quella di tutelare i dati personali delle persone fisiche, chiarendo la catena delle responsabilità nel passaggio di informazioni e ribadendo alcuni concetti chiave non da poco, come il principio della trasparenza e del rispetto delle finalità esplicite per le quali sono stati acquisiti i dati.
Certo che se continueremo a mettere spunte disinteressate su informative approssimative, senza nemmeno leggerle, e se compileremo tutti i più assurdi questionari su internet, non potremo poi versare lacrime di coccodrillo.

Leggi tutto

Chiesa

Frate Emiliano Antenucci parla di silenzio con Papa Francesco

Dopo i suoi tanti scritti sull’argomento, dopo aver incontrato Papa Francesco, dopo aver raccomandato la devozione alla Madonna del Silenzio, aggiunge queste parole: «In una società malata di rumori, parole, apparenza e alle volte di persone che hanno pubbliche virtù e vizi privati, la cura e il cammino da fare con urgenza è il silenzio, scoperta di una Presenza».

Leggi tutto

Società

La bioetica per tutti, parla Giorgia Brambilla

Moglie, mamma, madre di bimbi piccoli e prima ancora ostetrica. Poi la passione per la bioetica che diventa ricerca e insegnamento, e infine il manuale con Rubbettino

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano