Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Sparizione o riapparizione di persone e comunità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sembra di andare sempre più drammaticamente verso la fine di un’epoca.

Identità e scambio tra di esse sono aspetti distinti e complementari. Quando si dà spazio ad uno solo di essi o li si mescola senza distinguere i due momenti si finisce in vario modo, talora inconsapevolmente, per spegnere, manipolare, la crescita autentica. La persona viene svuotata, omologata, isolata, massificata…

Quando invece si sviluppano a tutto campo questi due poli le persone sono tendenzialmente aiutate a cercare la vita autentica, superando ideologie, schemi, distorsioni varie. Si può venire orientati a formare comunità serene e aperte all’incontro con le altre. Rinasce dunque anche una più autentica democrazia.

Ciò si può sperimentare anche nella Chiesa. Se la fede diventa ideologia, vario mero fare, le comunità possono vivere forti tensioni. Se si cresce in una fede serena, a misura, si scopre la grazia di Dio. Gesù dice “Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri” (Gv 13, 35). Dove tale parola viene intesa come un concetto da comprendere col cervello e mettere in pratica con le proprie forze si può finire come al tempo della torre di Babele. Dove ci si lascia portare nella fede dallo Spirito sereno di Gesù è allora davvero lui che aiuta le persone ad accogliersi e ad amarsi.

Pensiamo ad una coppia che litiga sull’educazione dei figli. Come è diverso, pur con tutti i limiti, se le diversità vengono vissute nella fede in Dio. Pensiamo anche all’arte. Non emerge talora plasticamente il vuoto tecnicismo di certe chiese create nella giustapposizione di tecniche specialistiche, liturgia, architettura, ingegneria? E invece certe chiese romaniche o gotiche non trasmettono la fede viva di quella storia?

Lo svuotamento dell’ideologia, del mero fare, del tecnicismo, ha toccato un’apice in un recente documento interno della Commissione Europea. È tutta la vita che può rinascere se, nei modi e nei tempi adeguati, si cerca di favorire l’autentica maturazione delle persone.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/12/2021
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Media

La tentazione di dividerci

Noi de La Croce dichiariamo un disarmo unilaterale: sono tutti liberi di sparare contro di noi, noi non risponderemo. Subiremo anche il fuoco amico senza reagire

Leggi tutto

Politica

Per non finire dalla padella piddina nella brace grillina

Renzi perde contro tutti, ma ha comunque accumulato un credito personale enormemente più grande di quello di qualunque oppositore singolo. Resta la fluttuante variabile dei cattolici italiani

Leggi tutto

Chiesa

Giacomo Morandi, nuovo segretario della CDF

Con il saluto al cardinal Müller, monsignor Ladaria è volato in vetta alla “Congregazione regina” della Curia Romana. Lasciando il vescovo spagnolo il suo posto di Segretario, il Sottosegretario è a sua volta asceso a coprire l’ufficio lasciato vacante dal nuovo Prefetto. Il prete modenese specializzato in teologia biblica e missiologia è l’espressione dell’indirizzo di Bergoglio per la CDF

Leggi tutto

Media

La riforma e le riforme nella Chiesa. Una risposta

PRESENTAZIONE LIBRO SE MONS. MARCHETTO: “LA RIFORMA E LE RIFORME NELLA CHIESA. UNA RISPOSTA”
Roma, Campidoglio 25 ottobre 2017. Pensieri conclusivi

Leggi tutto

Chiesa

Dialogo oltre i populismi

Il discorso di Papa Francesco è andato a toccare motivi di forte contrasto politico tra le nazioni:  le parole del Pontefice hanno messo l’accento soprattutto sull’importanza della collaborazione fra le nazioni e della diplomazia multilaterale, che appare sempre più indebolita dal riemergere di tendenze nazionalistiche.

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano