Società

di Antonio Meo

Quale neutralità?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ritirate le linee guida per una comunicazione inclusiva» redatte dalla Commissione europea, dove si invitava a non utilizzare la parola “Natale”. Il loro scopo sarebbe stato quello di illustrare la diversità della cultura europea e mostrare la natura inclusiva della Commissione europea verso tutti i ceti sociali e le credenze dei cittadini europei.

La Commissaria Europea alla Parità ha affermato: «non è un documento maturo e non soddisfa tutti gli standard di qualità della Commissione». Sembra una promessa: «Non è finita. Torneremo alla carica quando i tempi saranno più maturi».

Questa storia mi suggerisce due considerazioni. Anzitutto, sconcertano questi apparati di potere che si preoccupano di educare i popoli definendo i riferimenti ideali per le relazioni umane. Non dovrebbero essere i poteri politici (nazionali, o europei, o mondiali) a definire i riferimenti per le relazioni umane. Sono i popoli i titolari delle scelte ideali su cui fondare il volto della società. I poteri politici dovrebbero solo porsi umilmente al loro servizio.

I popoli possono anche sbagliare, è vero. E i poteri forse no?

Secondo punto. La scelta di mettere in ombra le prospettive di fede nelle relazioni sociali, nel nome di una presunta, inclusiva, neutralità, non è affatto una scelta neutrale. Per regolare le cose del mondo dobbiamo pur basarci su una visione dell’uomo. Escludere i riferimenti alle prospettive di fede significa di fatto adottare un’altra prospettiva, in cui l’uomo non è più “creatura”. Scegliere di considerare l'uomo come se non fosse “;creatura”, non è una scelta neutrale, è una scelta atea, una scelta ben precisa tra le altre. Diceva Benedetto XVI: “un mondo senza Dio non è un mondo neutro, è un mondo senza Dio”;. Un popolo può benissimo scegliere i suoi valori di riferimento, nel cristianesimo, nell’islam, nel buddismo. Può anche scegliere di basarsi su una fede atea, se è davvero la cultura di quel popolo ad evolvere in tale direzione.

Ma per favore, non ci vengano a raccontare che lo fanno per neutralità.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/12/2021
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Demografia, ecco il vero terrore

Lo Stato Islamico ha rivendicato la strage che a Manchester ha causato 22 morti e 59 feriti, prevalentemente tra i giovani e i giovanissimi che erano andati a seguire il concerto della cantante Ariana Grande. Tra i morti anche una bambina di 8 anni. Nel comunicato di rivendicazione l’Isis afferma: «Uno dei soldati del Califfato ha posizionato ordigni esplosivi in mezzo a un raduno di crociati.

Leggi tutto

Politica

Fondo per gli indigenti, scontro al vertice comunitario

Il Presidente Sassoli si è schierato apertamente contro i tagli, dichiarando guerra al Consiglio ma l’Europa evidenzia, ancora una volta, il “poco” interesse per chi si trova in difficoltà!

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano: arrivato l’albero di Natale

È arrivato all’alba a Roma l’albero di Natale che dal 10 dicembre illuminerà piazza San Pietro. È un maestoso abete rosso di 113 anni, alto 28 metri per un peso di 80 quintali

Leggi tutto

Politica

Fabio Sebastianelli (PDF Marche): governo in stato confusionale

Fabio Sebastianelli responsabile PDF nelle Marche interviene sulle scelte del governo sulla crisi Ucraina

Leggi tutto

Società

Famiglia, natura o cultura?

Gianfranco Amato, Costanza Miriano, Franco Nembrini: questo il tridente dell’evento culturale che l’associazione Sunodia schiererà sul palco del Centro Convegni Cavour domani. A tema la questione fondamentale di tutto il diritto familista: se la famiglia sia o non sia una società naturale, dunque unica ed esistente da sempre. L’appuntamento è dunque a Roma nella Sala delle Carte Geografiche, in zona Termini, a partire dalle 10:30 del mattino

Leggi tutto

Società

Riyadh, al tempo del Covid in 700mila ad un rave-party

MDLBeast Soundstorm, una quattro giorni di musica elettronica prima assoluta nel regno wahhabita. Ragazzi e ragazze ballano fianco a fianco, fermandosi al momento della preghiera islamica. Critica Hrw, che ricorda abusi e violazioni ai diritti umani

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano