Politica

di Giuseppe Udinov

Belgio, via il genere maschile o femminile dai documenti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il governo di Bruxelles ha inviato al Parlamento la proposta di eliminare l’identificazione binaria di genere dalle carte d’identità. Nel 2019 la Corte Costituzionale belga aveva condannato l’esecutivo per discriminazione nei confronti di persone non binarie e gender-fluid, proprio per la mancanza di rappresentatività nei documenti ufficiali di Stato. L’Istituto per l’uguaglianza di uomini e donne propone l’introduzione del genere “x”

L’indicazione del genere, maschile o femminile, potrebbe presto scomparire dalle carte d’identità in Belgio. Lo riporta il quotidiano De Staandard, citando documenti che il governo avrebbe inviato alla Camera dei Rappresentanti del Parlamento belga. L’obiettivo a lungo termine dell’esecutivo è quello di trovare un modo per poter registrare il genere nei documenti ufficiali in modo inclusivo. Una bozza per la nuova norma sarebbe stata preparata dal ministro della Giustizia Vincent Van Quickenborne, insieme a quello degli Interni Annelies Verlinden e al segretario di Stato per le Pari Opportunità Sarah Schlitz.

Nel 2019 la Corte Costituzionale del Paese ha condannato lo Stato per discriminazione nei confronti delle persone non binarie, che non si sentono rappresentate dai canonici generi maschili e femminili, e di quelle gender-fluid, che vivono il genere come un qualcosa di non definito e in costante mutamento. I giudici costituzionali hanno chiesto così al governo di aggiungere una “terza opzione” oppure di abolire del tutto la registrazione del genere nei documenti di Stato ufficiali.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/12/2021
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Trans, bisturi, persone interrotte

Storie e dati attorno alla transessualità. Reali, non secondo la propaganda del pensiero unico

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa Ucraina tuona contro il gender

Sono scesi in campo con una dura presa di posizione (mediante enciclica) contro la teoria gender i vescovi greco-cattolici ucraini. Prima c’era il regime sovietico, che imponeva una visione “ateistica” del mondo, presentata come “l’unica scientifica” e che privava gli uomini del diritto di professare liberamente la loro fede religiosa”. Oggi, le sfide sono simili, “modi ideologici di distruggere la fede cattolica” mettendo in discussione in maniera subdola “la fede e la moralità cristiana”, e tra queste sfide ci sono in particolare le teorie del gender.

Leggi tutto

Politica

La discriminazione del ddl Zan è realtà

L’ira di cattolici e associazioni Pro vita: “La scure della censura sui nostri valori”. A pochi giorni dal voto al Senato che ha affossato il ddl Zan, passa in Aula al Senato una norma che contiene l’espressione «identità di genere».

Leggi tutto

Politica

Nicola Di Matteo risponde ai nostri lettori

Consuelo Nespoli intervista il coordinatore nazionale del PDF Nicola Di Matteo

Leggi tutto

Storie

Figli di vip e gender

Il figlio di Musk cambia genere e nome

Leggi tutto

Storie

Doveva essere per forza “trans”

L’incredibile storia di Sage

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano