Politica

di Giuseppe Udinov

Belgio, via il genere maschile o femminile dai documenti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il governo di Bruxelles ha inviato al Parlamento la proposta di eliminare l’identificazione binaria di genere dalle carte d’identità. Nel 2019 la Corte Costituzionale belga aveva condannato l’esecutivo per discriminazione nei confronti di persone non binarie e gender-fluid, proprio per la mancanza di rappresentatività nei documenti ufficiali di Stato. L’Istituto per l’uguaglianza di uomini e donne propone l’introduzione del genere “x”

L’indicazione del genere, maschile o femminile, potrebbe presto scomparire dalle carte d’identità in Belgio. Lo riporta il quotidiano De Staandard, citando documenti che il governo avrebbe inviato alla Camera dei Rappresentanti del Parlamento belga. L’obiettivo a lungo termine dell’esecutivo è quello di trovare un modo per poter registrare il genere nei documenti ufficiali in modo inclusivo. Una bozza per la nuova norma sarebbe stata preparata dal ministro della Giustizia Vincent Van Quickenborne, insieme a quello degli Interni Annelies Verlinden e al segretario di Stato per le Pari Opportunità Sarah Schlitz.

Nel 2019 la Corte Costituzionale del Paese ha condannato lo Stato per discriminazione nei confronti delle persone non binarie, che non si sentono rappresentate dai canonici generi maschili e femminili, e di quelle gender-fluid, che vivono il genere come un qualcosa di non definito e in costante mutamento. I giudici costituzionali hanno chiesto così al governo di aggiungere una “terza opzione” oppure di abolire del tutto la registrazione del genere nei documenti di Stato ufficiali.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/12/2021
2305/2022
San Giovanni Battista de' Rossi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Media

Raiuno, la rete che fu “cattolica”

Dal primissimo mattino alla tarda serata, propaganda dell’ideologia gender e sostegno al “matrimonio” gay sembrano essere il core business della rete ammiraglia del servizio pubblico

Leggi tutto

Politica

LEGGE 194: ABROGARLA NON SERVE

Quanto descritto in questo articolo non sarà di facile applicazione ma è una strada da seguire insieme al Reddito di Matenità, al Quoziente Familiare e alle altre proposte del Popolo della Famiglia. Se portata avanti con la coerenza e la fermezza che caratterizzano il PDF darà, a suo tempo, buoni frutti.

Leggi tutto

Politica

10 stati USA propongono leggi contro i bloccanti della pubertà

I legislatori hanno presentato i progetti di legge in almeno dieci stati, tra cui Alabama, Alaska, Arizona, Georgia, Indiana, Kentucky, Missouri, New Hampshire, Oklahoma e South Dakota.

Leggi tutto

Politica

La Costituzione diffusa

In occasione del trentennale delle stragi di Capaci e via D’Amelio, il Notariato ha ritenuto doveroso far sentire la propria presenza proponendo una profonda riflessione attraverso una serie di eventi destinati a pubblici diversi: dagli studenti, ai detenuti, ai tecnici del diritto fino a raggiungere l’intera cittadinanza.

Leggi tutto

Società

Sir Elton John, si chiama utero in affitto

Repubblica, Corriere della Sera, lo stesso cantante inglese che pretende il boicottaggio di Dolce e Gabbana, parlano di “fecondazione artificiale”. No, il tema è la compravendita dei bambini con l’utero in affitto

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano