Società

di Roberto Signori

Usa boom di uso della Ru486

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La notizia giunge dagli Stati Uniti e pubblicata su una rivista scientifica peer-reviewed, in quanto si tratta di uno studio: ” A Longitudinal Cohort Study of Emergency Room Utilization Following Mifepristone Chemical and Surgical Abortions, 1999-2015 “, che è stato recentemente pubblicato sulla rivista internazionale Health Services Research and Managerial Epidemiology.

Gli autori sono membri del Charlotte Lozier Institute: James Studnicki, Dr. Donna Harrison, Tessa Longbons, Dr. Ingrid Skop, Dr. David Reardon, Dr. John W. Fisher, Dr. Maka Tsulukidze e Christopher Craver. Essi hanno utilizzato i datii sui sinistri denunciati all’assicurazione sanitaria, Medicaid, su 423.000 aborti confermati e 121.283 visite successive confermate al pronto soccorso entro 30 giorni dall’aborto da parte di donne di età superiore a 13 anni, con almeno una gravidanza identificabile tra il 1999 e il 2015. La popolazione dello studio risiede in 17 stati federati le cui politiche ufficiali hanno utilizzato i fondi dei contribuenti statali per pagare gli aborti.

Secondo questi dati le corse al pronto soccorso a seguito di un aborto chimico sono aumentate del 507 % dal 2002 al 2015. Inoltre, la maggior parte di queste visite al pronto soccorso, oltre il 60%, siano state erroneamente codificate come aborti spontanei. Vale la pena sottolineare che lo studio ha anche rilevato che il tasso di visite al pronto soccorso dopo un aborto chirurgico è aumentato del 315% nello stesso periodo di tempo 2002-2015. Cioè: anche l’aborto chirurgico fa male alle donne. Ma di questi tempi assistiamo a una furia particolare degli abortisti a voler promuovere l’uso della RU 486.

Negli USA, l’amministrazione Biden sta meditando di abolire definitivamente la strategia di valutazione e mitigazione del rischio (REMS) da RU 486 che prevede obbligatoriamente una visita di persona dal medico e lo screening delle condizioni della donna, per valutare l’età gestazionale del bambino ed eventuali altre possibili complicazioni (per esempio una gravidanza extrauterina) che potrebbero rivelarsi mortali per la madre.

Ecco i rischi della RU 486:

- Fino al 10% delle donne con le pillole abortisce in modo incompleto: può morire di infezione se i resti del bambino o i tessuti annessi non vengono rimossi correttamente.

- L’aborto chimico provoca quattro volte le complicazioni degli aborti chirurgici. Gli effetti collaterali che ci sono sempre sono dolore addominale, nausea, vomito, diarrea, debolezza, febbre/brividi e mal di testa. L’emorragia post aborto può durare per settimane.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/12/2021
2901/2023
San Valerio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Chi ha paura del medico obiettore?

Scandalizza solo chi osa il proibito: ricordare che sin dal concepimento si è in presenza di un essere umano, unico e irripetibile, e che ucciderlo significa fare il male

Leggi tutto

Società

Essere madre oggi

Essere madre non è né un desiderio (o almeno non solo) e – tantomeno - un dovere: è un dono che sta inscritto nel dna della natura della donna. L’uomo per sua natura non può avere una gravidanza nemmeno se lo desiderasse come la cosa più importante al mondo. Prova ne è che nell’atto sessuale l’apporto dell’uomo è tecnicamente genetico: niente di più. E io tra l’apporto genetico e quello relazionale do più importanza al secondo. Del resto, in un certo senso il maschio è sempre escluso dalla nascita di un figlio. Se è il marito, gli viene automaticamente attribuita la paternità, ma a meno che non ricorra all’esame del Dna, non può averne alcuna certezza. Le coppie di maschi omosessuali potrebbero adottare uno o più bambini, oppure crescere il figlio o i figli che uno dei partner potrebbe aver avuto da un precedente legame con una donna. E questo è naturale? Questo tiene conto di tutti i fattori in gioco, del bene di tutti i fattori in gioco (a partire dal bambino, cioè da colui che non può pretendere perché senza voce)? È una falsa parità quella che si vuole stabilire tra uomini e donne quando si affronta la nascita di un figlio. Così come è un alibi e una menzogna quello di sostenere che “l’egoismo vero non è tanto interrompere una gravidanza ma mettere al mondo dei bambini senza avere la possibilità di poterlo fare per questioni economiche”.

Leggi tutto

Politica

Verona, Roma, Vaticano: le tre giornate sull’aborto

Chiunque si permette di mettere in discussione “conquiste” consolidate viene linciato

Leggi tutto

Media

“La tragedia della Talidomide: aspetti medici, scientifici e giuridici”

Il 25 settembre prossimo verrà presentato un libro inerente gli Atti del Convegno che si è svolto a Montecatini Terme il 22 Febbraio del 2020; il libro sarà intitolato: “La tragedia della Talidomide: aspetti medici, scientifici e giuridici”» e sarà edito dalla Casa editrice Art Florence. Il tragico farmaco, somministrato negli anni “50\60” alle donne in gravidanza (per alleviare nausee e vomito), ha provocato migliaia e migliaia di aborti insieme ad un gran numero di bambini focomelici.

Leggi tutto

Politica

Donald Trump e la Casa Bianca bis

Donald Trump cercherà di ritornare alla casa Bianca?

Leggi tutto

Società

L’Ecuador si divide sull’aborto

Manifestanti a favore e contro l’aborto si sono riuniti fuori dal parlamento in Ecuador.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano