Storie

di Roberto Signori

Elisa Di Francisca ed il dramma dell’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“A 18 anni mi sono infatuata di questo ragazzo gelosissimo: controllava tutto, aveva sempre paura che lo tradissi. All’inizio non ascoltavo nessuno perché ero convinta che lui mi amasse e che sarebbe cambiato. Fino a quando è arrivato a mettermi le mani addosso. Lì ho capito che era troppo e ho deciso di lasciarlo”. Ospite a “Verissimo” Elisa Di Francisca parla della relazione tossica che ha vissuto quando era poco più che un’adolescente, di cui racconta anche nel libro “Giù la maschera “. “Non l’ho denunciato perché non volevo avere più niente a che fare con lui. Ho sbagliato, però: tornassi indietro, lo farei”, aggiunge.

Dopo questa relazione malata, la schermitrice ha scoperto anche di essere incinta. “Quello è stato il periodo più duro e brutto della mia vita, perché non sapevo cosa fare”, ricorda Di Francisca. “Sarei stata sola con questo bambino e lui sarebbe stato sempre parte della mia vita. Quindi ho preso la decisione più difficile e ho abortito. Quel giorno è morta una parte di me”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/12/2021
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La cattiva coscienza di una civiltà

Sui giornali e tra i social è virale la fotografia del bambino siriano migrante affogato in un naufragio e depositato dalla marea sulle rive turche; stupisce ancora di più il silenzio assordante sulle sconvolgenti rivelazioni provenienti dai video del Center for Medical Progress. Sintomi di una civiltà schizofrenica

Leggi tutto

Storie

Intervista con la presidente di “Jamais sans Marwa”

Non è una faccenda di scontro di civiltà, l’accostamento di questi due innocenti tanto vicini eppure lontani ce lo ricorda. Anzi, Justine, la fondatrice e presidente dell’associazione “Jamais sans Marwa”, ci tiene a ribadirlo: «Per quanto riguarda la parte religiosa, durante questa battaglia abbiamo espressamente fatto in modo di tenercela nell’intimità: noi veniamo da ogni luogo e abbiamo ogni tipo di origine; è una battaglia umana, non di ingiustizia religiosa». Appunto con lei ci siamo intrattenuti per osservare da vicino “il piccolo principe” inglese e la “principessina” francese, riservandoci di commentare più avanti gli sviluppi giuridici del caso Gard per come si stanno snodando nelle udienze di Mr. Justice Nicholas Francis.

Leggi tutto

Società

Aborto no-limits: la ricetta newyorkese fa discutere

E nella discussione Open, il giornale di Mentana, taccia di “bufalari” i colleghi che fanno informazione. Il problema principale di fronte a certi azzardi è l’assenza di cognizione alcuna sia dell’impianto giuridico del common law angloamericano in generale e statunitense in particolare, sia della realtà clinica ginecologica che il RHA va a normare. In questi goffi tentativi si parte per categorie precostituite, quelle relative alla propria comprensione della legge 194/1978 (anch’essa in realtà malintesa) mettendo in scena la più classica petizione di principio: la tesi secondo cui la legge newyorkese sarebbe sovrapponibile alla legge italiana era già contenuta nell’ipotesi comparativa iniziale e non poteva che viziarne il debole tracciato argomentativo. La realtà è che la divaricazione non potrebbe essere più pronunciata.

Leggi tutto

Società

Il libro che avrei voluto scrivere per mia figlia adolescente (e non solo)

Cosa significa educare al Bello quando si tratta di sessualità? Significa ridare alla persona il ruolo centrale, senza estrapolare i suoi genitali da un contesto complesso: Thérèse Hargot, infatti, parlando di sessualità, sta molto attenta a smontare pezzo per pezzo le ideologie tronfie della Sessuologia pornificata della nostra cultura, che tende a rendere la persona l’oggetto attraverso cui godere (rapidamente e
irresponsabilmente) attraverso ridicole pratiche erotiche piuttosto noiose. T

Leggi tutto

Politica

La Corte Suprema deciderà sul futuro dell’aborto negli Stati Uniti

Negli USA è iniziato il dibattimento che tiene il movimento femminista con il fiato sospeso e fa sperare gli Stati conservatori, che puntano a limitare per quanto possibile quel diritto.

Leggi tutto

Media

Verso la nascita di radio Tv Vaticana

Da questo cambio di rotta, che è indubbiamente una innovazione voluta da Papa Francesco, si auspica una migliore diffusione nel mondo della parola e della missione del Pontefice, a servizio della Chiesa e del Vangelo.  In epoca di comunicazione in tempo reale, dunque le antiche suddivisioni in diversi media appaiono ormai superate e si punta a una convergenza che, in fondo, fa parte del DNA dello stesso messaggio cristiano, fin dalle origini. E se questa scelta ci appare non solo logica e opportuna, essa ci apre anche lo spazio per riflettere sul ruolo, sul peso, sulle scelte e sulle stesse prospettive strategiche di chi, a vario titolo, a partire dalla propria e comune scelta di Fede, si occupi di comunicazione e di informazione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano