Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco: utilizziamo la pandemia per avvicinarci

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Papa Francesco ci dona una riflessione, quella del Papa, su alcune parole chiave legate alla salute, alla vecchiaia, alla malattia: ambiti nei quali si muove la Cooperativa OSA, Operatori Sanitari Associati da almeno 35 anni, dedicandosi all’assistenza e alla cura di pazienti, la cui vita spesso viene raccontata dal Magazine “50mila volti”. Tra le pagine c’è l’intervista a Francesco che indica nella “tenerezza”, uno dei termini per dare ancora più valore alla cura. “Il modo attraverso cui Dio si è fatto presente nella vita di ogni uomo, soprattutto attraverso Gesù”.

La tenerezza indica vicinanza non solo, però, attraverso la competenza ma soprattutto mediante la partecipazione alla vita concreta delle persone. È una vicinanza intesa come condivisione, prossimità, cura e amore. La grande prova che abbiamo vissuto nella pandemia spero che ci abbia fatto tornare la nostalgia di una vicinanza nuova tra di noi. Una tenerezza nuova.

Il Papa si sofferma poi sui bambini e gli anziani, “principali cittadini di periferie esistenziali” di una società che si concentra sulla produttività. “La loro vita - afferma - viene percepita come inutile. Io credo, invece, che l’incontro generazionale tra i bambini e i vecchi debba essere colmato da una cultura che sappia fare incontrare e integrare questo tipo di fragilità”. Si tratta, spiega, Francesco, di “una questione umana”. Solo quando torneremo a occuparci soprattutto di chi è ai margini daremo segno di un cambiamento vero. Quando lavoriamo perché non ci sia più un conflitto generazionale, ma troveremo il coraggio di rimettere insieme i piccoli e i grandi, i bambini e i vecchi, solo allora sperimenteremo una qualità nuova di vivere nella società.

Per il Papa la casa (dove la coperativa OSA assiste i bisognosi) “non è semplicemente un luogo, è soprattutto relazione” che porta una forza nuova per affrontare la prova. “Questo non significa - spiega Francesco - che le strutture sanitarie sono inutili, ma devono diventare l’extrema ratio nell’esperienza della malattia e della sofferenza”. Il Papa elogia il lavoro svolto “perché rende possibile l’esperienza del dolore e della malattia in un ambiente certamente più accogliente, più umano e più capace di umanizzare anche una parte della vita che, proprio perché è difficile, ci fa sentire più soli, più incompresi e più vulnerabili”. Alla luce della recente esperienza in ospedale, Francesco suggerisce delle regole semplici agli operatori sanitari ma che, in sostanza, riguardano coloro che vivono in maniera umana il loro servizio e il loro lavoro. “Guardare negli occhi le persone, considerarle nella loro sofferenza senza mai banalizzarle”, e poi l’ascolto perché “queste persone possano affidare la sofferenza che vivono, le difficoltà che hanno a qualcuno”. Infine la cura “che si dovrebbe tradurre attraverso un modo mai violento, mai scontato e mai meccanico di offrire un aiuto, un sostegno e una prestazione professionale”..

L’ultima domanda dell’intervista rivolta al Papa riguarda il dolore e la morte. Papa Francesco sottolinea che pur senza nominare Cristo, di lui e della sua esperienza non si può fare a meno. Ricorda che spesso “i discorsi, più che essere di aiuto o di consolazione, procurano ancora più sofferenza”, serve “non scappare, rimanere accanto” nei momenti della prova, “davanti allo scandalo del dolore innocente, allo scandalo del dolore di un bambino”. Allontanare poi la tentazione di isolarsi perché “più soffriamo, più sentiamo di avere bisogno anche noi di un Cireneo che ci aiuti a portare la nostra Croce”.

Dio trova sempre un modo di farsi presente dentro la nostra vita, anche quando lo sentiamo lontano o ci sentiamo abbandonati. È questa la nostra forza. E anche se non lo sappiamo, in quel buio sta già operando la Pasqua. Solo col tempo ci accorgiamo che è nascosta una luce anche nel buio più profondo. In attesa di accorgercene possiamo solo andare avanti aiutandoci a vicenda.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/12/2021
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Società

Impiccherano Charlie con una corda d’oro

Abbiamo promesso a Charlie ogni giorno che lo avremmo portato a casa. Sembra veramente sconvolgente, dopo tutto quello che abbiamo passato, vederci negato anche questo». Così Connie Yates ha implorato dal mondo il soccorso che possa frapporsi tra loro e l’ultimo sfregio dello spietato nosocomio cui va imputata la morte del bambino. Francis ha stabilito data e ora di morte di Charlie

Leggi tutto

Società

Il popolarismo e la secolarizzazione

In un articolo sul La Nuova Bussola Quotidiana, Stefano Fontana arruola una celebre “profezia” del 1919 di Gramsci sul “suicidio” dei Popolari che avrebbero “modernizzato” le masse popolari aprendo così la strada all’ateismo e al comunismo. L’unica “modernizzazione” dei Popolari fu lottare contro il latifondo, riscoprendo così un retaggio biblico che era stato piuttosto trascurato.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Paolo Giulietti e la Fede ai tempi del Coronavirus

La tutela della salute, infatti, è senza dubbio un bene primario, per il quale è giusto fare delle rinunce. Mi domando però se una società possa considerare irrilevante o marginale ciò che alimenta il “capitale morale” della nazione (e i riti religiosi sono certamente un elemento importante da questo punto di vista). Il senso del dovere e del sacrificio non sono innati, ma sono il frutto di esperienze educative e spirituali alle quali debbono continuare ad alimentarsi, pena il dilagare di quegli atteggiamenti di irresponsabilità ed egoismo che hanno sicuramente aggravato la crisi.

Leggi tutto

Storie

Papa Francesco: da Gesù arriva la chiamata a cercare l’unità

All’udienza generale in Aula Paolo VI il Papa richiama i cristiani all’unità, a non creare separazioni e differenze sociali. Catechesi sulla Lettera ai Galati - 8. Siamo figli di Dio

Leggi tutto

Chiesa

Vescovo invita Papa,lui scherza:nel 2025 verrà Giovanni XXIV

“Ho invitato il Papa a visitare la città di Ragusa in occasione del settantacinquesimo anniversario della fondazione della Diocesi nel 2025. Il Santo Padre ha fatto un sorriso e un cenno di assenso e con una battuta mi ha risposto dicendo che nel 2025 sarà Giovanni XXIV a fare quella visita”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano