Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco: utilizziamo la pandemia per avvicinarci

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Papa Francesco ci dona una riflessione, quella del Papa, su alcune parole chiave legate alla salute, alla vecchiaia, alla malattia: ambiti nei quali si muove la Cooperativa OSA, Operatori Sanitari Associati da almeno 35 anni, dedicandosi all’assistenza e alla cura di pazienti, la cui vita spesso viene raccontata dal Magazine “50mila volti”. Tra le pagine c’è l’intervista a Francesco che indica nella “tenerezza”, uno dei termini per dare ancora più valore alla cura. “Il modo attraverso cui Dio si è fatto presente nella vita di ogni uomo, soprattutto attraverso Gesù”.

La tenerezza indica vicinanza non solo, però, attraverso la competenza ma soprattutto mediante la partecipazione alla vita concreta delle persone. È una vicinanza intesa come condivisione, prossimità, cura e amore. La grande prova che abbiamo vissuto nella pandemia spero che ci abbia fatto tornare la nostalgia di una vicinanza nuova tra di noi. Una tenerezza nuova.

Il Papa si sofferma poi sui bambini e gli anziani, “principali cittadini di periferie esistenziali” di una società che si concentra sulla produttività. “La loro vita - afferma - viene percepita come inutile. Io credo, invece, che l’incontro generazionale tra i bambini e i vecchi debba essere colmato da una cultura che sappia fare incontrare e integrare questo tipo di fragilità”. Si tratta, spiega, Francesco, di “una questione umana”. Solo quando torneremo a occuparci soprattutto di chi è ai margini daremo segno di un cambiamento vero. Quando lavoriamo perché non ci sia più un conflitto generazionale, ma troveremo il coraggio di rimettere insieme i piccoli e i grandi, i bambini e i vecchi, solo allora sperimenteremo una qualità nuova di vivere nella società.

Per il Papa la casa (dove la coperativa OSA assiste i bisognosi) “non è semplicemente un luogo, è soprattutto relazione” che porta una forza nuova per affrontare la prova. “Questo non significa - spiega Francesco - che le strutture sanitarie sono inutili, ma devono diventare l’extrema ratio nell’esperienza della malattia e della sofferenza”. Il Papa elogia il lavoro svolto “perché rende possibile l’esperienza del dolore e della malattia in un ambiente certamente più accogliente, più umano e più capace di umanizzare anche una parte della vita che, proprio perché è difficile, ci fa sentire più soli, più incompresi e più vulnerabili”. Alla luce della recente esperienza in ospedale, Francesco suggerisce delle regole semplici agli operatori sanitari ma che, in sostanza, riguardano coloro che vivono in maniera umana il loro servizio e il loro lavoro. “Guardare negli occhi le persone, considerarle nella loro sofferenza senza mai banalizzarle”, e poi l’ascolto perché “queste persone possano affidare la sofferenza che vivono, le difficoltà che hanno a qualcuno”. Infine la cura “che si dovrebbe tradurre attraverso un modo mai violento, mai scontato e mai meccanico di offrire un aiuto, un sostegno e una prestazione professionale”..

L’ultima domanda dell’intervista rivolta al Papa riguarda il dolore e la morte. Papa Francesco sottolinea che pur senza nominare Cristo, di lui e della sua esperienza non si può fare a meno. Ricorda che spesso “i discorsi, più che essere di aiuto o di consolazione, procurano ancora più sofferenza”, serve “non scappare, rimanere accanto” nei momenti della prova, “davanti allo scandalo del dolore innocente, allo scandalo del dolore di un bambino”. Allontanare poi la tentazione di isolarsi perché “più soffriamo, più sentiamo di avere bisogno anche noi di un Cireneo che ci aiuti a portare la nostra Croce”.

Dio trova sempre un modo di farsi presente dentro la nostra vita, anche quando lo sentiamo lontano o ci sentiamo abbandonati. È questa la nostra forza. E anche se non lo sappiamo, in quel buio sta già operando la Pasqua. Solo col tempo ci accorgiamo che è nascosta una luce anche nel buio più profondo. In attesa di accorgercene possiamo solo andare avanti aiutandoci a vicenda.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/12/2021
0510/2022
Ss. Placido e Mauro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco in Grecia

Dopo la visita a Cipro, da Atene inizia ora la seconda tappa del viaggio del Papa. Nella capitale ellenica, Francesco confermerà i cattolici nella fede e li incoraggerà in quanto membri della Chiesa cattolica universale.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco agli organizzatori e agli artisti del concerto di Natale

Prima dell’udienza generale, nell’auletta dell’Aula Paolo VI, il Papa saluta gli artisti che si esibiranno domani nel Concerto di Natale 2021.

Leggi tutto

Chiesa

San Giuseppe, il padre putativo di Gesù

Nella prima udienza generale dell’anno, il Papa prosegue il ciclo delle catechesi dedicate a San Giuseppe che pur non essendo il padre biologico di Gesù se ne prese cura con infinito amore

Leggi tutto

Chiesa

Il cardinale Koch: l’ecumenismo, “monastero invisibile”

Nel saluto rivolto al Papa dal cardinale presidente del Pontificio Consiglio per l’Unità dei Cristiani, al termine dei Vespri a San Paolo fuori le Mura, il cardinale Koch ribadisce che solo una teologia “capace di inginocchiarsi davanti al mistero” avvicinerà alla piena comunione

Leggi tutto

Politica

Papa Francesco prega la Vergine di Lourdes

Papa Francesco si rivolge con un videomessaggio ai fedeli argentini, riuniti per la festa mariana nel Santuario di Nostra Signora di Lourdes a El Challao, nella provincia argentina di Mendoza, intitolato alla Madonna apparsa a Bernadette

Leggi tutto

Politica

Papa Francesco: è tempo di fraternità

A un anno dallo storico viaggio apostolico in Iraq, il Papa incontra i rappresentanti delle diverse Chiese cristiane e li incoraggia a mantenere viva la loro presenza, esortandoli all’unità e al dialogo con le altre religioni

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano