Politica

di Nathan Algren

Modena: no alla giornata per la vita nascente

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La creazione di un fondo per finanziare progetti che aiutino le donne a non interrompere una gravidanza a causa di difficoltà economiche e il sostegno ai percorsi parlamentari in atto per approvare una legge che istituisca la “Giornata della vita nascente” sono i temi dei due ordini del giorno discussi e non approvati dal Consiglio comunale di Modena.

La mozione per creare un fondo in aiuto alle donne è stata presentata da Alberto Bosi per Lega Modena e sottoscritta anche da Forza Italia: richiamando un ordine del giorno sullo stesso tema già approvato dall’assemblea consiliare nel corso del 2020, “che non ha ancora trovato attuazione”, il documento invitava l’Amministrazione a realizzare un progetto unico per sostenere le donne che vorrebbero proseguire la gravidanza, “affinché non abortiscano solo per la paura di non essere in grado di mantenere economicamente il proprio figlio”. Il fondo dovrebbe avere come base “quello che il Comune spende già per aiutare le donne che si trovano in queste difficoltà”. L’ordine del giorno ha ottenuto il voto a favore dei proponenti, di Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia, del Movimento 5 stelle. Contrari Pd (Fabio Poggi non ha partecipato al voto), Sinistra per Modena, Europa verde-Verdi; astenuta Modena civica.

Proposto da Elisa Rossini (Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia, sottoscritto anche da Lega Modena e Forza Italia, l’ordine del giorno a sostegno dell’istituzione della “Giornata della vita nascente” per il 25 marzo, faceva riferimento ai disegni di legge depositati che prevedono che lo Stato e gli enti locali, insieme alle associazioni, organizzino per l’occasione iniziative per far emergere la positività dell’esperienza genitoriale con momenti dedicati anche nelle scuole. Il documento, che invitava anche l’amministrazione ad “affrontare senza ulteriori ritardi il tema della denatalità”, ha ottenuto il voto a favore dei proponenti; contrari Pd (tranne i consiglieri Fabio Poggi e Vittorio Reggiani, astenuti), Sinistra per Modena e Modena sociale. Astenuti anche Movimento 5 stelle, Modena civica ed Europa verde-Verdi.

Nei dibattiti che hanno portato al voto, i gruppi che hanno proposto e sostenuto i due ordini del giorno (intervenuti con i consiglieri Bosi, Moretti, Bertoldi di Lega Modena e Rossini di Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia) hanno messo in evidenza il contesto di grave crisi demografica nel quale sono nate le proposte, sottolineando che le mozioni invitano a realizzare azioni che intervengono sia sul piano dell’aiuto economico che su quello valoriale e culturale, affermando, inoltre, che anche attraverso le politiche locali si può fare di più a favore della famiglia.

I gruppi Pd (con i consiglieri Reggiani, Di Padova, Bignardi, Carpentieri, Bergonzoni), Sinistra per Modena (con i consiglieri Scarpa e Trianni) ed Europa verde-Verdi (con la consigliera Aime) hanno messo in evidenza che possono essere diverse, e non solo economiche, le ragioni in base alle quali una donna decide di abortire e che le azioni già attivate dal Comune a sostegno delle donne in gravidanza sono molte, dirette e indirette, pensate per offrire un aiuto nell’intraprendere un percorso di uscita dal disagio.

Per il Movimento 5 stelle sono intervenuti i consiglieri Silingardi e Manenti, motivando il voto a favore alla mozione sulla creazione del fondo, sia per una questione di metodo (“accade troppo spesso che le richieste e le proposte provenienti da questo Consiglio non vengano poi messe in atto”) sia nel merito: il fondo economico può essere una risposta utile alle difficoltà.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/12/2021
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

L’aborto e le donne infelici

Le donne soffrono perché le nostre viscere più profonde e ancestrali fremono quando uccidono la vita che pulsa dentro di loro, e che chiede di essere accolta

Leggi tutto

Politica

I risultati del Popolo della Famiglia

Tutti i numeri del Pdf alle amministrative del 5 giugno

Leggi tutto

Politica

Scuola, Appendino ideologica e autoritaria

L’assessore alla Scuola Federica Patti, per cercare di limitare il clamore suscitato dalla decisione della giunta – quella di spezzare le reni agli istituti paritari – ha rilasciato un’intervista a Paola Pintus che appare la classica toppa peggiore dello strappo. Patti si esibisce allora in una serie di omissioni e di manipolazioni della legge Berlinguer 62/2000 che solo alla disonestà o all’impreparazione può attribuirsi

Leggi tutto

Storie

La storia di Joan bimbo da tutelare

Era stato brandito come la “mascotte” dell’Umbria Pride, il bambino a cui Chiara e Laura hanno deliberatamente negato la possibilità di avere una vita normale a contatto con l’uomo da cui discende, e in più gli hanno scientemente parcellizzato la figura materna, poiché una ha dato l’utero, l’altra l’ovulo con cui il bambino è stato fabbricato. Ora la trascrizione dell’atto di nascita.

Leggi tutto

Società

Partendo da un fumetto di Zerocalcare

Abbandonare l’inconsistenza. Ecco l’obiettivo che dovremmo porci, noi tutti, ogni giorno. E dopo averlo posto, sforzarci di vederlo proposto agli altri, in particolare ai giovani che altrimenti vivranno sempre in condizione sradicata, da canne esposte ad ogni vento.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia è la sola alternativa

Il Popolo della famiglia, oggi sta continuando a seminare. Oggi mette sempre al centro la buona politica: il fare per l’altro. Oggi continua sempre di più il suo operato. Ci siamo e stiamo continuando a radicarci in tutto il territorio italiano e nelle politiche del 4 Marzo, nonostante tutto e tutti ci siamo presentati in autonomia, 220mila persone hanno sbarrato il nostro simbolo. 220 mila per molti una sconfitta ma per noi, per me rappresentano un INIZIO. Alle amministrative abbiamo superato in molti comuni l’1% e non è scontato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano