Storie

di Roberto Signori

Gran Bretagna. Le ostetriche cancellano i termini mamma e donna

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Persona post Natale, invece che “madre”. La tentazione di stravolgere il linguaggio, avvicinandolo alla comunicazione neutra dell’ideologia “gender”, ha colpito anche il Royal College of Midwives, la più antica delle organizzazioni britanniche votate alla maternità: quella che rappresenta le ostetriche.

Qualche ora fa l’ordine ha diffuso le nuove linee guida sul sonno dei neonati ma nel documento, pubblicato online, non è mai stata usata una parola che evocasse l’idea della vita generata da una donna. Il testo ha scatenato un vortice di proteste a cui sono seguite le scuse (non scontate) dell’organizzazione. Nella versione originaria del documento, la raccomandazione all’uso della culla affiancata al letto dell’ospedale, dopo il parto, e del campanello da suonare in caso di necessità è stata rivolta a «persone» incaricate della cura «post-natale».

Chi, è stata l’osservazione che ha fomentato la rivolta, è autorizzato a dormire accanto ai neonati in una struttura sanitaria? La risposta è ovvia: le mamme. . Non è la prima volta che succede. Il mese scorso il vocabolo è scomparso anche dai documenti sulle politiche per la maternità del governo scozzese.

Presieduta da Gill Walton, membro del programma Stonewall per l’integrazione Lgbt nelle aziende, l’associazione delle ostetriche si è spinta oltre cancellando l’idea del parto per sostituirla con quella di cura post-natale. L’accusa mossa dalle donne (e dagli uomini) che si sono ribellate è che l’associazione ha cercato di destrutturare il concetto di femminilità e maternità in un ambito specifico, come quello in cui operano le ostetriche, che non può prescindere dall’idea del parto.

Nel giro di qualche ora dalla pubblicazione, la direzione dell’ordine ha chiesto scusa. «È’ stato un grave errore – è stato precisato – soprattutto alla luce dell’impegno con cui garantiamo che le donne non vengano cancellate dalla narrativa sulla maternità e sulla nascita». Il mea culpa è stato accompagnato dalla promessa di nuove linee guida. Tra le voci più significative della protesta c’è stata quella di Milli Hill, una giornalista schierata, insieme alla scrittrice JK Rowling, dalla parte di chi ritiene che l’essere donna non sia una qualifica arbitraria ma biologica (oltre che identitaria). In nome dell’inclusività, leitmotif delle campagne Lgbt, ha sottolineato, il collegio «ha escluso le madri, il pubblico principale a cui le linee guida erano dirette». Il fatto che il tiro sia stato corretto è stato tuttavia considerato come un buon segno di resistenza all’ideologia “gender”. Non il primo, considerato che il progetto Stonewall sta perdendo adesioni. Persino la piu grande rete per l’aborto, il British Pregnancy Advice Service, si è rifiutato di adottare un linguaggio «trans-friendly»: «Il parto come l’accesso alla contraccezione d’emergenza – ha precisato – sono questioni che riguardano le donne».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/12/2021
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Aborto e psicologia perinatale

Leggi tutto

Storie

UK. Pedofilo seriale transgender sarà rinchiuso in un carcere femminile

In Inghilterra e negli altri paesi che hanno ormai pienamente accettato i principi dell’ideologia Gender, tra cui soprattutto quello dell’auto-identificazione di genere, le decisioni che finiscono per discriminare le donne sono ormai sempre più frequenti.

Leggi tutto

Politica

PdF Marche: un Reddito di Maternità di 300 euro al mese

La nota del PDF Marche riguardante la richiesta di sostegno per famiglia e genitorialità presentata in Regione Marche.

Leggi tutto

Politica

Gran Bretagna - Johnson si è dimesso da leader Tory

Johnson ha escluso la prospettiva di elezioni politiche anticipate: “Non credo che nessuno le voglia in questo momento” di crisi globale

Leggi tutto

Media

Cardinale Comastri: non cancellate mamma e papà

Dieci comandamenti per dieci cardinali è il titolo del libro del vaticanista Fabio Marchese Ragona. Anticipiamo un breve stralcio tratto dalla riflessione dell’ arciprete emerito della Basilica di San Pietro, su “Onora il padre e la madre”

Leggi tutto

Media

Sinistra: due pesi, due misure, da Goldrake a Peppa Pig

La solita storia, la sinistra e la democrazia ad orologeria…...

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano