Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Karnataka: pronta la legge anti-conversioni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il governo dello Stato indiano del Karnataka ha annunciato che la legge anti-conversioni è pronta per essere discussa dalla prossima sessione dell’Assemblea legislativa, che inizierà il 13 dicembre. La notizia ha suscitato la reazione preoccupata delle comunità cristiane locali che sabato 4 dicembre, su iniziativa dell’All Karnataka United Christian Forum for Human Rights, hanno promosso una protesta silenziosa davanti alla cattedrale di San Francesco Saverio.

La proposta di legge - ha dichiarato l’arcivescovo di Bangalore, mons. Peter Machado, che è anche presidente della Conferenza episcopale del Karnataka – “è un oltraggio ai principi laici promossi dalla Costituzione Indiana”. L’arcivescovo ha chiesto a tutte le componenti della società civile di alzare la voca contro questa legge pericolosa. “È meglio prevenire la violenza settaria prima che avvenga”, ha aggiunto invitando il governo a non presentare il disegno di legge. “L’intera comunità Cristiana del Karnataka si chiede che bisogno vi sia di questo provvedimento quando vi sono già leggi e direttive dei tribunal in grado di monitorare ogni violazione delle norme esistenti”.

Facendo riferimento poi alle dichiarazioni di alcuni parlamentari del Bjp, il partito nazionalista indù del premier Narendra Modi, secondo cui in alcuni distretti del Karnataka vi sarebbero state tra le 15mila e le 20mila conversioni, l’arcivescovo ha parlato di numeri esagerati. “Se le cose stessero così - ha commentato - vi sarebbe stata una crescita dei cristiani. Invece i dati del censimento parlano parlano di una riduzione: erano l’1,91% della popolazione nel 2001, erano scesi al 1,87% nel 2011. Chi si è convertito lo ha fatto di sua spontanea volontà, esercitando un diritto garantito dalla Costituzione indiana. Le leggi anti-conversione sono solo una minaccia nei confronti delle minoranze”.

Approvate per la prima volta in Orissa nel 1967, le leggi anti-conversione sono oggi in vigore anche in altri 6 Stati indiani. Mons. Machado contesta anche il carattere d’urgenza che il governo locale del Karnataka vuole dare alla discussione. “Il testo del provvedimento deve ancora essere depositato e la discussione è prevista nella prossima sessione parlamentare. Dove sono i tempi e i luoghi per una discussione pubblica?”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/12/2021
2405/2022
San Vincenzo di Lerino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

La tentazione di dividerci

Noi de La Croce dichiariamo un disarmo unilaterale: sono tutti liberi di sparare contro di noi, noi non risponderemo. Subiremo anche il fuoco amico senza reagire

Leggi tutto

Società

Scuola e chiesa ora tocchiamo veramente i fondi

Gabriele Toccafondi è un fiorentino del ‘72, laureato in scienze politiche, ha fatto il consigliere all’università di Firenze, è stato membro di un sacco di commissioni e promotore di iniziative culturali e dal ‘99 ha messo i piedi in politica per poi non toglierli più. Ha militato tra le file di una lista civica, poi è passato a Forza Italia, poi è stato deputato PdL e nel 2013 ha indossato la casacca NCD, grazie alla quale ora siede sulla poltrona di Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Leggi tutto

Società

INDIPENDENZA NON E’ AUTODETERMINAZIONE

La Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti è fondamentale per tre regioni: cita esplicitamente “Dio” e non in termini rituali, richiama con chiarezza la “Legge di Natura” ed è dunque un Carta giusnaturalista, infine indica come primo diritto quello alla Vita, cui consegue il diritto alla Libertà (e sì, come dicevamo, quello molto american-mucciniano alla “ricerca della felicità”). Queste premesse fanno sì che ancora oggi, duecentoquarantuno anni dopo quel 4 luglio 1776, le banconote dei dollari americani contengano un esplicito riferimento alla fede (“In God we trust”) e qualsiasi presidente americano, di qualsiasi colore politico, non possa concludere un suo discorso pubblico senza invocare la benedizione divina sul proprio paese: God bless America.

Leggi tutto

Storie

San Paolo ed il gender

Durante un convegno di Gianfranco Amato e Silvana De Mari a Bagheria il professor Luciano Sesta, docente cattolico di antropologia filosofica e
bioetica all’Università di Palermo, ha voluto prendere la parola, dichiarando a sorpresa che a suo avviso il primo manifesto “gender” si troverebbe
nella lettera ai Galati di san Paolo. Si trattò di una provocazione, che però merita di essere sviscerata adeguatamente e in modo esaustivo

Leggi tutto

Chiesa

Giovani, emergono padri sinodali in gamba

Muove i primi passi, in Vaticano, il “sinodo sui giovani” (e la fede e il discernimento vocazionale), e se certe testate a caccia di click raccontano il solito episcopato proteso all’erosione delle salutari esigenze della vocazione cristiana la realtà dei fatti dice anche altro: presentiamo ai lettori italiani il vescovo di Los Angeles. Giovane, fresco, comunicativo. E felicemente sodo nei contenuti.

Leggi tutto

Politica

RAGIONARE SU UNA QUESTIONE DI METODO

Intervento del Direttore del nostro giornale in merito alla polemica sorta a seguito della pubblicazione di un articolo che ha scatenato polemiche a non finire..

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano