Politica

di Nathan Algren

Etiopia: ondata di arresti di religiosi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Siamo in costante contatto con suor Abrehhet Cahasai, superiora delle nostre comunità in Etiopia per avere notizie della consorella arrestata, assieme ad altre cinque religiose e ad alcuni diaconi. C’è tantissima preoccupazione per la loro sorte. Non abbiamo più notizie e non riusciamo a capire il motivo di simile atto». Ne parla da Roma, raggiunta dall’Agenzia «Fides», madre Raffaella Pedrini, superiora generale delle Orsoline di Gandino (Bergamo) confermando che la polizia etiope ha fatto un’incursione contro le religiose e i religiosi cattolici, prelevando la 48enne Abrehet Teserma, insegnante della scuola materna di Shola (Addis Abeba), una delle due case delle Orsoline nella capitale etiope. Le cinque suore delle Figlie della carità San Vincenzo de Paoli e l’orsolina sono tutte di origine tigrina, e questo spiega la pulizia etnica che ha raggiunto le dinamiche e le dimensioni del vero e proprio genocidio. L’arresto è stato firmato da Temesgen Tiruneh, capo della National intelligence and security service e rientra nell’operazione di pulizia etnica contro i cittadini tigrini sviluppata con estrema violenza, non solo nella capitale Addis Abeba. Sulle sei suore – Letemareyam Sibhat, Tiblets Teum, Abeba Tesfay, Zaid Moss, Abeba Hagos, Abeba Fitiwi e Teserma Orsolina, di età molto avanzata – pende l’accusa di attività a favore dei terroristi Tigrini e Oromo. Anche i diaconi Tsehaye Yohanne e Amanuel Hagos, di origine tigrina, sono stati arrestati con identiche accuse.

L’ondata di arresti si è abbattuta, dall’inizio di novembre anche sui Salesiani: 28 religiosi sono stati arrestati durante una brutale e illegale irruzione alla sede nazionale delle Opere di don ad Addis Abeba. Tra gli arrestati anche un ottantenne.

Tanto per buttare fumo negli occhi della comunità internazionale, l’ondata di arresti avviene in contemporanea con l’annuncio che il regime fascista Amhara ha istituito una speciale forza governativa per indagare sulle violazioni dei diritti umani in Tigray e punire i colpevoli.
La decisione segue un rapporto della Commissione etiope per i diritti umani e dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani: entrambe le parti in guerra hanno commesso atrocità, violenze sessuali, omicidi, sfollamenti, mezzi di sussistenza danneggiati e impedimento alla distribuzione degli aiuti umanitari. In realtà la commissione mista non si è mai recata in Tigray, né ha ascoltato le vittime perché il governo lo ha sempre impedito ed è responsabile di varie atrocità, di migliaia di arresti di Tigrini e Oromo, di lager nazisti dove sono giacciono 30 mila tigrini e si teme che molti siano stati uccisi.

Monsignor Tesfalassie Medhin, vescovo dell’eparchia cattolica di Adigrat, attraverso l’agenzia «Fides», parla di genocidio e denuncia la persecuzione contro la Chiesa cattolica del Tigray. L’arresto delle sei suore e due diaconi non è altro che un violento atto di rivalsa del regime contro mons. Medhin. Pagano il fatto che il vescovo di Adigrat abbia avuto il coraggio di dire la verità sul genocidio.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/12/2021
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Il dramma di uno showbiz divenuto amorale cronico

A forza di non fare moralismo siamo diventati amorali, indifferenti, forse persino incapaci di distinguere il bene dal male. La vicenda di Fausto Brizzi, che appare la vittima sacrificale designata a fare da capro espiatoio al traballante armadio del cinemino italiota, pieno di scheletri, faccia riflettere.

Leggi tutto

Politica

I fatti, solo i fatti

I fatti ci dicono che l’80% della popolazione italiana adulta è vaccinata. I fatti ci dicono che le piazze che hanno provato a “fascistizzare” sono in realtà piazze di popolo. I fatti ci dicono che portuali e autotrasportatori sono pronti a bloccare il rifornimento di merci, con l’effetto di un immediato tracollo economico. I fatti ci dicono che bloccare un porto come Trieste significa far saltare immediatamente gli investimenti di British American Tobacco, dei turchi, degli ungheresi, dei tedeschi di Amburgo, del Pnrr: valgono più di un miliardo di euro e migliaia di posti di lavoro. Draghi lo sa, è uomo che sa far di conto: subito ha proposto ai portuali di Trieste (settimo porto d’Europa) quel che noi da mesi proponiamo per tutti i lavoratori, cioè i tamponi gratuiti. Allora si sa come si fa a disinnescare la tensione sociale, ad abbattere il green pass come totem ideologico. I portuali di Trieste, che guadagnano 3.500 euro al mese e sono una categoria forte non ricattabile, hanno con grande dignità detto che non vogliono un provvedimento ragionevole solo per loro, ma lo vogliono per tutti. E poiché a fine mese salta pure il blocco dei licenziamenti, poiché in Italia stanno abbattendosi milioni di cartelle esattoriali, poiché è già decaduto il blocco degli sfratti, poiché gli aumenti del pieno di benzina e delle bollette sono colossali, il mio consiglio a Draghi è di non far soffiare sul fuoco gli apprendisti stregoni che ha nel governo. Draghi sa far di conto.
Con 4 italiani vaccinati su 5 il green pass, come in Danimarca, non serve più.

Leggi tutto

Politica

Cappato non risparmia neppure la Madonna

L’esponente pro-aborto, pro-eutanasia lancia un tweet offendendo la Vergine Maria e il mondo cattolico, che viene irriso senza alcun rispetto da chi si innalza a paladino dei diritti umani.

Leggi tutto

Storie

Attacchi in Nigeria: oltre 200 vittime

Gli episodi sono avvenuti nello Stato di Zamfara, forse in risposta a un’azione governativa dei giorni scorsi. Liberati intanto a sud 30 studenti rapiti dai terroristi

Leggi tutto

Chiesa

Appello dei Vescovi: Il Perù necessita di stabilità

Il 6 giugno 2021 Pedro Castillo, leader di estrema sinistra, ha vinto il ballottaggio per la Presidenza della Repubblica superando di pochi voti la sua avversaria Keiko Fujimori, candidata della destra tradizionale, figlia dell’ex Presidente e dittatore del Perù. La spaccatura ha portato all’instabilità e all’ingovernabilità del paese, con accuse di incapacità al Presidente Castillo, che ha cambiato quattro volte i membri del suo gabinetto. In questo periodo i Vescovi hanno più volte sottolineato la necessità di superare la situazione di crisi che investe il paese in diversi campi, invitando a unirsi per il bene comune

Leggi tutto

Politica

La morte sospetta di Yalam Sankar

Secondo i cristiani locali Sankar era stato minacciato dai gruppi dell’hindutva che gli avevano intimato di smettere di predicare la sua religione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano