Società

di Giuseppe Udinov

I drammatici effetti del Covid sui bambini

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Prevenire un decennio perduto: Azioni urgenti per invertire l’impatto devastante del Covid-19 su bambini e giovani” è il rapporto pubblicato dall’Unicef nel quale si lancia l’allarme per la crisi pandemica, la peggiore da 75 anni ovvero dalla nascita del Fondo Onu per l’infanzia, che sta investendo soprattutto i più piccoli compromettendo fortemente il loro futuro.

Secondo l’analisi, si stima che 100 milioni di bambini in più ora vivono in povertà a causa della pandemia, un aumento del 10% dal 2019. Questo corrisponde a circa 1,8 bambini ogni secondo da metà marzo 2020. Inoltre, il rapporto sottolinea che il percorso per riguadagnare il terreno perduto è lungo, anche nel migliore dei casi, ci vorranno sette-otto anni per recuperare e tornare ai livelli di povertà dei bambini pre-Covid.

L’indagine rivela che circa 60 milioni di bambini in più si trovano ora in famiglie a livello economico rispetto a prima della pandemia. Inoltre, nel 2020, oltre 23 milioni di bambini hanno saltato i vaccini essenziali, un aumento di quasi 4 milioni dal 2019, e il numero più alto in 11 anni. Se prima della pandemia, circa 1 miliardo di bambini in tutto il mondo soffriva di almeno una privazione grave, senza accesso all’istruzione, alla salute, all’alloggio, alla nutrizione, ai servizi igienici o all’acqua, il numero è in aumento e questo provoca un incremento inevitabile delle diseguaglianze.

Diversi gli ambiti che preoccupano l’Unicef, ad esempio quello della salute mentale che colpisce più del 13% degli adolescenti tra i 10 e i 19 anni. Ad ottobre 2020 i servizi si sono interrotti nel 93% dei Paesi in tutto il mondo. C’è poi l’allarme per i matrimoni precoci che, prima della fine del decennio, potrebbero toccare quota 10 milioni. Il numero di bambini nel lavoro minorile è salito a 160 milioni in tutto il mondo - un aumento di 8,4 milioni di bambini negli ultimi quattro anni. Altri 9 milioni di bambini rischiano di essere spinti nel lavoro minorile entro la fine del 2022 a causa dell’aumento della povertà innescato dalla pandemia.

Interrotti, a causa dell’emergenza sanitaria, i servizi di prevenzione e risposta alla violenza per 1,8 miliardi di bambini che vivono in 104 Paesi. Si teme un aumento di 9 milioni di bambini entro il 2022 che soffrono di malnutrizione acuta, oggi a quota 50 milioni. Durante il lockdown, più di 1,6 miliardi di studenti non sono andati a scuola a causa delle chiusure nazionali. Le scuole sono state chiuse in tutto il mondo per quasi l’80% delle lezioni in presenza nel primo anno della crisi. Oltre alla pandemia, il rapporto mette in guardia da altre minacce in particolare per i loro diritti. A livello globale, 426 milioni di bambini - quasi 1 su 5 - vivono in zone in cui il conflitto sta diventando sempre più intenso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/12/2021
1808/2022
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Siamo alla terza guerra mondiale

Solo Papa Francesco con una sottovalutata profezia il 18 agosto 2014 aveva spiegato tutto. Il re giordano muove l’esercito e tutto precipita

Leggi tutto

Politica

Green pass per tutti a lavoro

.L’obiettivo è dare alla campagna vaccinale la spinta necessaria a raggiungere entro la metà di ottobre l’80% della popolazione. Ai lavoratori, ma anche ai sindaci, ai governatori, ai vertici istituzionali, viene dato un mese per adeguarsi, con la prima dose di vaccino. Poi dalla metà di ottobre per accedere ai luoghi di lavoro se non vaccinati o guariti dal Covid dovranno fare un tampone ogni 48 ore (72 ore se molecolare), altrimenti incorreranno nella sospensione dal lavoro o dallo stipendio e in multe fino a 1500 euro.

Leggi tutto

Politica

Green pass: lo stato di emergenza scade il 31 dicembre: in arrivo la proroga

Lo stato d’emergenza e il Green pass scadono il 31 dicembre 2021, ma, vista la situazione dei contagi in risalita, non è escluso che il governo scelga di prorogarli fino al 2022.

Leggi tutto

Chiesa

La CEI e la pandemia

Il Consiglio Permanente della Conferenza episcopale italiana ha analizzato la realtà attuale, ha espresso particolare preoccupazione per la situazione in Ucraina e per la proposta referendaria italiana sull’eutanasia. Sui vaccini contro il Covid-19 ha ribadito che il principio di libertà e di autodeterminazione

Leggi tutto

Società

Vaccini: gli italiani non fanno la terza dose

Il quadro vaccinale che si ricava dal report del governo (aggiornato al 18 febbraio) evidenzia come ci sia un grande numero di persone che, dopo il completamento del ciclo primario, sono in attesa della terza dose: 11,346 milioni. Il gruppo più consistente è quello di ragazzi e ragazze tra i 12 e 19 anni (2,104 milioni), anche se in questo caso va ricordato che si tratta di una platea ammessa alla vaccinazione in un secondo tempo.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi: “Per l’Ucraina servirebbe un Aldo Moro”

“Mai come in questi giorni noi del Popolo della Famiglia non dimentichiamo. Beati gli operatori di pace, oggi serve un Aldo Moro e le gravi carenze dell’attuale classe dirigente italiana che non è cresciuta nel suo solco si ripercuotono sulla triste fase che il Paese e l’Europa stanno vivendo. Si torni presto alla lezione di Moro, che mai avrebbe armato una parte belligerante nel corso di una guerra ma si sarebbe frapposto per farla cessare, garantendo così un ruolo decisivo all’Italia nello scacchiere internazionale”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano