Società

di Roberto Signori

Stati USA fanno causa a Biden contro l’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono almeno 20 gli Stati degli Usa che stanno lavorando per denunciare alla Corte Suprema e bloccare nel proprio territorio gli effetti della nuova regolamentazione approvata dall’amministrazione Biden che obbliga i contribuenti americani a sovvenzionare l’uccisione di bambini con l’aborti.

Il procuratore generale del Montana Austin Knudsen ha coordinato otto stati nel presentare una memoria di ‘amicus curiae’ a sostegno della causa di altri 12 stati contro la nuova previsione del programma del titolo X, voluta da Biden per finanziare con i soldi dei contribuenti le multinazionali dell’aborto. Questi 20 procuratori generali hanno chiesto ad una corte federale di bloccare l’amministrazione Biden dall’applicazione dei nuovi regolamenti.

Gli otto stati scrivono nella loro memoria che “un’ingiunzione preliminare impedirebbe che i dollari delle tasse federali siano usati per incoraggiare e sostenere l’aborto, proteggerebbe i diritti di coscienza dei fornitori di pianificazione familiare che rifiutano di sostenere l’aborto, preserverebbe la scelta dei fornitori e manterrebbe i servizi di pianificazione familiare accessibili per i pazienti, in particolare quelli nelle aree rurali”.

Il programma fornisce servizi di pianificazione familiare agli individui a basso reddito e la legge afferma che le sovvenzioni del Titolo X non possono essere utilizzate “quando l’aborto è un metodo di pianificazione familiare”. Prima del 2019 Planned Parenthood era uno dei maggiori beneficiari dei finanziamenti del Titolo X, ricevendo circa 60 milioni di dollari all’anno. Tuttavia, l’amministrazione Trump aveva implementato regole che richiedevano ai partecipanti dei programmi pagati con i finanziamenti pubblici di non promuovere con tali soldi pubblici le attività abortive. Per questa ragione, allora, Planned Parenthood e alcuni altri gruppi abortisti avevano scelto di lasciare il programma di finanziamenti pubblici. Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti (HHS) dell’Amministrazione Biden ha rapidamente stravolto tali le regole, così che le strutture per l’aborto non devono più separare la loro attività abortista dai loro servizi nell’ambito del programma di generica pianificazione famigliare.

L’HHS dallo scorso 4 ottobre impone che gli indennizzi pubblici del Titolo X vadano proprio alle multinazionali dell’aborto, come metodo di pianificazione familiare. Lo scorso ottobre, era stato il procuratore generale dell’Ohio, Dave Yost, a guidare 12 stati nel presentare una causa contro il nuovo regolamento dell’HHS. Poi, la scorsa settimana, Knudsen e i procuratori generali di Georgia, Idaho, Indiana, Louisiana, Mississippi, South Dakota e Texas hanno presentato la loro memoria a sostegno della stessa causa. Mesi fa, gli stessi venti stati avevano avvertito l’amministrazione Biden delle loro obiezioni verso la nuova regolamentazione che HHS aveva in animo di imporre a tutto il paese.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/12/2021
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Società

44ma edizione della March for life

È evidente nell’elezione di maggioranze pro-life al Congresso degli Stati Uniti d’America. Ma non c’è segno più evidente, in alcun modo, della storica elezione di un presidente che si batte per un’America più forte, per un’America più prospera, e un presidente che – e lo dico con orgoglio – si batte per il diritto alla vita: il presidente Donald Trump. È stato infatti proprio il presidente Trump a chiedermi di essere qui con voi oggi. Mi ha chiesto di ringraziarvi per il vostro sostegno, per la vostra difesa della vita e per la vostra compassione per le donne e i bambini d’America. Proprio una settimana fa da oggi, sui gradini del Campidoglio abbiamo visto l’inaugurazione del 45mo presidente degli Stati Uniti. Posso testimoniare di persona che il nostro presidente è un uomo dalle spalle larghe e dal cuore grande. La sua idea per il futuro, la sua energia, il suo ottimismo sono senza confini e io so che lui renderà l’America di nuovo grande. Sin dal suo primo giorno da presidente, sta mantenendo le promesse fatte al popolo americano. Mi piace dire che laggiù al 1600 di Pennsylvania Avenue, il nostro business è mantenere le promesse. Ed è per questo che lunedì il presidente Trump ha riportato in vigore la policy di Mexico City, per impedire che i fondi destinati a paesi stranieri vadano ad organizzazioni che promuovono o eseguono aborti nel mondo. È per questo che questa amministrazione lavorerà con il Congresso per porre fine al finanziamento dell’aborto e delle cliniche abortiste con i soldi dei contribuenti e destineremo queste risorse ai centri di salute per le donne in tutta l’America. Ed è per questo che la prossima settimana il presidente Donald Trump annuncerà la nomina di un giudice alla Corte Suprema che sosterrà quelle libertà donate da Dio e custodite nella nostra Costituzione, nel solco dell’eredità del grande giudice Antonin Scalia. Sapete, la vita sta vincendo in America. E questo giorno è una celebrazione del progresso che abbiamo fatto in questa causa. Sapete, da molto tempo ritengo che una società possa essere giudicata da come si prende cura dei suoi membri più vulnerabili, degli anziani, degli infermi, dei disabili e dei nascituri. Siamo giunti a un momento storico nella causa per la vita. E dobbiamo andare incontro a questo momento con rispetto e compassione per ogni americano. La vita sta vincendo per molte ragioni. La vita sta vincendo attraverso il costante progresso della scienza, che fa luce sul momento in cui inizia la vita, ogni giorno di più. La vita sta vincendo attraverso la generosità di milioni di famiglie adottive, che aprono i propri cuori e le proprie case a bambini in difficoltà.

Leggi tutto

Società

NAPPI FILOSOFA ABORTISTA, I PENDII DELLA FOLLIA DI UNA PORNOSTAR

Scatenata su Instagram, la diva partenopea dell’hard si è lanciata in roboanti dichiarazioni: «Meglio abortire che non offrire il meglio ai figli»; «Non è omicidio se non c’è un livello minimo di complessità del sistema nervoso, e vale anche ai casi estremi di microcefalia». Nichilismo in plastilina.

Leggi tutto

Chiesa

Papa ed aborto: l’obiezione di coscienza fedeltà alla propria professione

Papa Francesco, incontrando i soci di un’associazione italiana di farmacisti, di fronte a chi vuole togliere l’obiezione di coscienza, afferma che non è una infedeltà, ma al contrario fedeltà alla propria professione, “se validamente motivata”.

Leggi tutto

Società

USA: cresce numero bimbi nudi su Internet

Negli USA la percentuale di minori di età compresa tra 9 e 12 anni che condividono online immagini di nudo autogenerate è più che raddoppiata, nel 2020.

Leggi tutto

Storie

Dalai Lama: basta guerre

Il Dalai Lama ha lanciato oggi un appello alla pace in Ucraina affermando che la guerra è “obsoleta”: secondo quanto riporta la Cnn, il leader spirituale tibetano in esilio si è detto “profondamente rattristato” dal conflitto e ha esortato entrambi i Paesi alla “comprensione reciproca”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano