Politica

di la redazione

Il PDF sull’intervento del Consiglio pastorale sulla rete Re.a.dy

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo la pubblicazione dell’intervento del Consiglio pastorale diocesano e del Consiglio diocesano delle aggregazioni laicali, stanno arrivando diversi interventi sull’adesione del Comune alla rete Re.a.dy e la presa di posizione degli organismi diocesani.

Importante quello del Circolo di Cesena del Popolo della famiglia. Ecco il testo.

Il Popolo della Famiglia di Cesena condivide pienamente le preoccupazioni contenute nella nota del Consiglio Pastorale Diocesano e del Consiglio delle aggregazioni laicali in merito all’adesione del Comune di Cesena alla Rete Re.a.dy. A chiunque non si limiti alla semplice lettura delle dichiarazioni di principio della rete, infatti, è evidente che lo scopo precipuo, neanche tanto nascosto, è quello della promozione della cultura Lgbt, così come correttamente evidenziato nella nota. Il Popolo della Famiglia è da sempre impegnato nell’affermare la verità antropologica sull’uomo e la centralità della famiglia composta da uomo e donna, dunque si trova perfettamente in linea con il forte richiamo a “fare chiarezza su chi sia l’uomo” che la Diocesi ha voluto rivolgere ai politici che si dicono cattolici. Non possiamo però non sottolineare con amarezza che troppe volte il mondo cattolico si è presentato diviso nella difesa dei valori antropologici fondamentali, incapace di considerare i prevedibili sviluppi di un’eccessiva apertura di credito alla sinistra, che ha ormai sostituito i diritti sociali con i nuovi diritti arcobaleno.

Il vero grande disagio dovrebbe essere quello di chi siede in consiglio comunale intestandosi la rappresentanza del mondo cattolico, ma contribuendo con il suo voto a questa biasimevole delibera. Né valgono le giustificazioni di Italia Viva, che anzi aggiungono solo imbarazzo quando negano l’esistenza di un collegamento tra la rete Re.a.dy e il ddl Zan apertamente dichiarato, invece, nei comunicati stampa dello scorso mese di agosto da Articolo 1 Mdp.

Ricordiamo che la nota della Diocesi cita anche l’eutanasia come tema nevralgico di interesse per il mondo cattolico. Anche su questo fronte il Popolo della Famiglia è pronto e auspica finalmente una vera unione di intenti e di forze non più procrastinabile.

Circolo Popolo della Famiglia Cesena

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/12/2021
0708/2022
San Gaetano da Thiene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le quattro leggi a cui dobbiamo opporci

Quattro disegni di legge potrebbero essere approvati dal Parlamento, dobbiamo rendere evidente una opinione pubblica che si oppone e la Chiesa si sta muovendo

Leggi tutto

Politica

Un giudizio sulla legislatura

UN GIUDIZIO SULLA LEGISLATURA

Leggi tutto

Politica

I traguardi e gli obiettivi

Conclusa questa fase e la necessaria pausa estiva, a settembre una nuova assemblea nazionale di tutti gli iscritti al Popolo della Famiglia determinerà le decisioni che riguarderanno il traguardo elettorale del marzo 2018, quando superando lo sbarramento del 3% grazie al fatto che si potrà votare Pdf non in 35 comuni ma in tutti gli oltre ottomila comuni d’Italia, i “quattro gatti” (come sprezzantemente alcuni ci definivano) già trasformatisi in centomila gatti nei citati 35 comuni, diventeranno almeno un milione di gatti in tutta Italia. Chi ha paura del fatto che il Popolo della Famiglia raggiunga il suo obiettivo e possa con decine di parlamentari bloccare davvero ogni ulteriore legge contro la vita e contro la famiglia naturale, proponendo invece la straordinaria rivoluzione del reddito di maternità, del quoziente familiare, del diritto universale a nascere e ad essere curati, contrapposto al terribile nichilismo mortifero dei falsi diritti all’aborto e all’eutanasia? Perché considerare un male il Pdf, battersi con tutte le forze contro di esso, se si dice di condividerne le stesse ragioni ideali? Mistero misterioso. O forse neanche tanto, le miserie umane di chi si era promesso a questo o a quel partito con addosso la maglietta del Family Day appartengono all’inevitabile. Rafforzano la nostra determinazione, sappiamo di dover combattere censure e danni procurati di ogni tipo, così chi si mette in battaglia al nostro fianco arriva preparato e ben presto si corazza. E rivolge ai cecchini del fuoco amico la domanda fatidica: ci sparate addosso per conto di chi, l’alternativa al Popolo della Famiglia qual è, una legislatura come quella appena passata? La proposta unitaria rimane per noi sul tavolo: ritroviamoci tutti nel Popolo della Famiglia, che ha porte aperte e finestre spalancate, ha memoria utilmente corta se serve e non serba rancore. Uniti potremmo davvero strappare l’Italia alla cultura di morte che la ghermisce. Tutti iscritti al Pdf, facciamo la storia, come è scritto sulla nostra tessera 2017. Facciamola insieme, si può sul serio.
Noi comunque proseguiamo per la nostra strada, pregando e agendo. Che lo sguardo benevolo di Maria Vergine protegga tutti noi, che Dio benedica l’Italia, che Dio benedica il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

Politica

Gli sfregi di Laura Boldrini alla Conferenza sulla famiglia

A metà tra la spaesatezza e la provocazione, il surreale intervento della “Presidenta”

Leggi tutto

Società

Ciascuno deve scegliere per se

In realtà l’#alleanza terapeutica esiste già, in Italia, e funziona. Ecco perché il biotestamento non ha altro scopo che quello di alleggerire i parenti e lo Stato.

Leggi tutto

Politica

La Francia dopo gli Stati Generali della bioetica

Si è conclusa col mese di aprile una lunga fase di aggiornamento sui progressi delle tecniche mediche e di dibattito (oltre 280 eventi in tutto) sui possibili ritocchi all’ordinamento giuridico.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano