Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco ci invita ad un “Natale vero”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Arriva “dalla fine del mondo”, e precisamente dal villaggio andino di Chopcca, nel dipartimento di Huancavelica, in Perù, il presepe che quest’anno troneggia in piazza San Pietro, dove potrà essere ammirato per tutte le Festività natalizie. Accanto a lui svetta l’immenso abete rosso, dono dei boschi trentini di Andalo; ma quest’anno c’è anche un altro presepe, collocato in Aula Paolo VI, realizzato dai giovani della parrocchia di San Bartolomeo a Gallio, in provincia di Vicenza ma nella diocesi di Padova, a ricordarci la venuta di Gesù nel mondo. Papa Francesco ha ricevuto le rispettive delegazioni, ringraziandole per questi doni così importanti e simbolici.

È per la delegazione peruviana il primo grazie espresso da Papa Francesco, che ha voluto citare il vescovo monsignor Carlos Salcedo Ojeda, il ministro degli Esteri peruviano e tutte le autorità civili ed ecclesiali che hanno collaborato alla realizzazione di questo grande presepe e che abbellisce piazza San Pietro. Il Santo Padre si sofferma in particolare sugli abiti e i materiali con cui è realizzato, tipici di quei territori, che simboleggiano l’universalità della chiamata alla salvezza. Gesù, infatti, è venuto in terra nella concretezza di un popolo per salvare ogni uomo e ogni donna, di tutte le culture e le nazionalità. Si è fatto piccolo perché possiamo accoglierlo e ricevere il dono della tenerezza di Dio.

Oltre al presepe, in piazza c’è anche un maestoso abete rosso proveniente dal Trentino, e più precisamente da Andalo, la cui delegazione è guidata dall’arcivescovo monsignor Lauro Tisi. A loro Francesco ha ricordato come l’abete sia segno di Cristo, l’albero della vita a cui l’uomo non poteva accedere a causa del peccato, ma con il Natale la vita divina si è finalmente ricongiunta a quella umana.L’albero di Natale allora evoca la rinascita, il dono di Dio che si unisce all’uomo per sempre, che ci regala la sua vita. Le luci dell’abete richiamano quella di Gesù, la luce dell’amore che continua a risplendere nelle notti del mondo.

Papa Francesco torna a lanciare il suo appello a non lasciarsi andare al consumismo e all’indifferenza che inquinano la festa del Natale, così sentita e importante non solo nei suoi simboli, ma nell’intera atmosfera che trasmette. Lasciamoci avvolgere, allora, da questa atmosfera tradizionale che riempie il cuore di gioia per la nascita di Cristo, che venendo al mondo e abitando con noi diventa una persona di famiglia e illumina con la sua presenza la nostra vita di tenerezza, condivisione e intimità. Non viviamo un Natale finto, per favore, un Natale commerciale! Lasciamoci avvolgere dalla vicinanza di Dio, questa vicinanza che è compassionevole, che è tenera; lasciamoci avvolgere dall’atmosfera natalizia che l’arte, le musiche, i canti e le tradizioni fanno scendere nel cuore.

Ma il Natale è anche la festa della fiducia e della speranza, come Francesco ricorda alla delegazione del Veneto guidata da monsignor Claudio Cipolla, che ha donato il presepe per l’Aula Paolo VI: la ragione di questa speranza è proprio Dio che nasce tra noi, si fida di noi e non si stanca mai di noi, non si stanca mai di perdonarci. Siamo noi, come ricorda Papa Francesco, che ci stanchiamo di chiedere perdono. Significativo anche che per venire nel mondo Dio si “abbassi”, piccolo e povero, compagno di strada; venga non per dominare ma per servire: questa, dunque, è la via per mettersi alla Sua sequela e per vivere davvero il Natale. Perché sia davvero Natale non dimentichiamo questo: Dio viene a stare con noi e chiede di prendersi cura dei fratelli e delle sorelle, specialmente dei più poveri, dei più deboli, dei più fragili, che la pandemia rischia di emarginare ancora di più. Così è venuto Gesù, e il presepe ce lo ricorda. La Madonna e San Giuseppe ci aiutino a vivere il Natale così.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/12/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

L’ordinario militare ci parla di Fatima

Monsignor da Silva Rodrigues Linda, prelato personale dell’ordinariato militare lusitano, oltre che presidente della commissione ecumenica della Conferenza episcopale del Portogallo, che è stato domenica in visita a Roma, ha rilasciato una intervista esclusiva per “La Croce”, in occasione delle celebrazioni del centenario della Regina del Santo Rosario

Leggi tutto

Chiesa

Giornata in memoria dei missionari martiri

Una giornata dunque per chi offre il proprio aiuto gratuitamente agli altri ed in alcuni casi viene ripagato con disprezzo e violenza tanto da arrivare a mettere a repentaglio la propria vita.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ai giovani slovacchi: “ribellatevi alla cultura del provvisorio”

Nell’ultimo appuntamento del terzo giorno di viaggio Francesco ha esortato le nuove generazioni a non lasciarsi omologare. Intensa la catechesi sulla confessione: non dimenticate che il centro non sono i peccati ma il Padre che perdona e così diventerà “il Sacramento della gioia”.

Leggi tutto

Politica

Biden a Roma

Rafforzato di 5.296 unità la presenza delle forze dell’ordine a Roma. Scuole chiuse dalle 16 di oggi. Ripristinati i controlli delle frontiere interne fino alle 13 di lunedì. Arrivato nella notte a Roma il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. Oggi gli incontri con il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, il premier Draghi e Papa Francesco

Leggi tutto

Chiesa

Papa: debellare la povertà per fermare il lavoro minorile

Papa Francesco incontra i partecipanti alla conferenza “Sradicare il lavoro minorile, costruire un futuro migliore” e chiede agli Stati e agli imprenditori “lavoro dignitoso” per gli adulti delle famiglie, in modo che “i figli non siano costretti a lavorare”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano