Politica

di la redazione

Il PDF in Assemblea Nazionale a Pomezia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

​Al via da questa mattina a Pomezia l’ Assemblea nazionale del Popolo Della Famiglia per una due giorni densa di significati.

Tema dell’incontro “Eredi di una grande storia, protagonisti del futuro, con il PdF per la nuova politica dei valori”.

Nell’occasione si celebra anche la 6a Festa nazionale del quotidiano “La Croce”, testata che continua a riscuotere un grande successo.

Presente all’evento la dirigenza nazionale del PdF, tra cui il presidente Mario Adinolfi, il vicepresidente e coordinatore Nicola Di Matteo e il segretario Andrea Brenna.

Presenti anche attesi numerosi dirigenti locali, eletti in alcuni comuni e militanti provenienti da tutta l’Italia. “L’assemblea nazionale indirizzerà il Popolo della Famiglia verso le prossime decisive sfide politiche, a partire dal contrasto a quelle referendarie su droga libera e eutanasia”, ha dichiarato il presidente Mario Adinolfi. “Il cristiano che fa politica, nel vivere la propria vocazione, dà un senso alla propria vita e lavora per dare un senso anche alla vita degli altri”, ha sottolineato il vicepresidente Di Matteo, “creando strutture di giustizia, favorendo la coesione sociale e i legami di comunità, lottando per difendere e promuovere una vita degna per i bambini, per gli anziani, per i poveri e per gli ultimi”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/12/2021
1208/2022
Ss Macario e Giuliano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

PdF unica alternativa praticabile

Il Pd renziano prova a silurare il governo stesso con la speranza di veder tornare il proprio Napoleone dall’isola d’Elba. Direttamente da Sant’Elena fa capolino la voce di Berlusconi, al contempo
Napoleone del centrodestra disfatto e convitato di pietra che ripropone nei salotti italiani discorsi e slogan da 1992. La vera novità sostanziale si dà solo nel movimento che sorge dai Family Day

Leggi tutto

Media

Franco Di Mare offende i cattolici polacchi a spese pubbliche

Tra i tanti denigratori degli innumerevoli polacchi che hanno voluto pacificamente circondare la loro nazione con la loro preghiera abbiamo dovuto
annoverare anche il popolare conduttore di UnoMattina, che si è prodotto in lunghissimi minuti di propaganda di regime laicista e radical chic

Leggi tutto

Politica

I 5 STRUMENTI PER LA VOLATA FINALE DEL PDF

Siamo al conto alla rovescia verso quel 4 Marzo nel quale il Popolo della Famiglia attende l’occasione per cambiare il mondo!

Leggi tutto

Politica

Cambiamento

Il popolo della famiglia vuole dare una possibilità agli italiani che vogliono cambiare le cose, in quanto molti uomini di principio sono stati coinvolti. Non possiamo più permettere che a “vincere” siano sempre: l’incomprensione, la corruzione, l’odio e l’indifferenza. Oggi, è possibile guardare al bene comune con il cuore aperto senza se e senza ma.

Leggi tutto

Politica

Il vero problema non è il covid ma la denatalità

Per veder rifiorire il Paese dalle macerie della Seconda Guerra mondiale, caro presidente Draghi, le donne italiane fecero tra il 1946 e il 1949 sei milioni di bambini, crescendoli e prestando loro cura pressoché esclusiva, si generò ricchezza per dare loro un futuro degno. Con gli attuali 400mila bambini che nascono l’anno (nel 2021 già si dice che saremo sotto quella soglia) per fare sei milioni di bambini ci vorranno quindici anni. E nel 2036 sarà troppo, troppo tardi. Reddito di maternità, subito. E subito dopo riforma fiscale del quoziente familiare perché è ovvio che i trentamila euro guadagnati da un single devono essere tassati di più dei trentamila euro guadagnati da un padre di famiglia che deve sfamare con quel reddito moglie e tre figli. Un criterio basilare di giustizia sociale richiede che finalmente questa riforma fiscale diventi realtà.

Leggi tutto

Politica

Senza fallimento non si può vincere

Vince il sì al referendum sulla legalizzazione dell’aborto a San Marino. Secondo la tv locale Rtv, con 35 seggi scrutinati su un totale di 37, i sì arrivano al 77.31%, contro il 22,69% che si è espresso contro.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano