Politica

di la redazione

Assemblea nazionale PDF, Murro: “Lavoro in Italia, come i tre Gironi Danteschi”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si è conclusa ieri (domenica), a Pomezia l’Assemblea nazionale del Popolo della Famiglia. Una larga partecipazione ha contraddistinto la due giorni, che ha visto una larghissima partecipazione provenienti da tutte le Regioni. Lavori aperti sabato cin i messaggi audio-video dei cardinali Zuppi e Suetta.

Tra i vari interventi snocciolati :no all’Eutanasia no all’ Aborto.

Anche l’assistenza alle persone portatrici di handicap, con tutte le lacune all’interno di un sistema logoro e che non fornisce i giusti sostegni economici è stato seguito con attenzione dalla dirigenza nazionale con la relazione di Cristiana Di Stefano. Al tavolo, il presidente nazionale Pdf Mario Adinolfi , il segretario nazionale Andrea Brenna e il coordinatore nazionale Nicola Di Matteo.

L’Umbria non ha fatto mancare le proprie proposte con gli interventi del coordinatore regionale Saimir Zmaili del Presidente Ragionale Marco Sciamanna e di Rosario Murro , già candidato a Sindaco della Città di Spoleto nelle ultime consultazioni amministrative di ottobre scorso nella lista Pdf.

Murro ha relazionato l’argomento Lavoro , Famiglia e Dignità Sociale.

Un’attenta analisi con dati e percentuali sul settore lavoro che hanno evidenziato le precarietà che da anni affliggono il settore occupazionale.

“ Il mondo del lavoro lo possiamo paragonare a i Tre Gironi Danteschi”- così ha esortato Murro coordinatore comunale Pdf Spoleto:

L’Inferno: il girone dove all’interno ci sono lavoratori senza alcuna occupazione con quelli che lavoravano poi licenziati “.

Il Purgatorio: lavoratori in cassa integrazione in attesa del giudizio finale sulla loro sorte. infine Il Paradiso :Il benessere, la tranquillità oltre alla solidità economica delle Multinazionali, potere assoluto sul pelle ei disoccupati con ricaduta negativa sulle loro Famiglie”.

“Una comunità che lavora è una comunità in pace. L’impatto negativo psicologico e sociale , per chi non ha lavoro è grave. Disoccupazione significa gettare nella spazzatura una persona nel pieno delle sue capacità, una forma particolarmente crudele.

“Non ci sarà mai Paradiso , Senza lavoro - ha dichiarato Murro- nemmeno quella mera e tanto desiderata Dignità Sociale, Murro ha continuato la sua relazione andando a solleticare i temi che riguardano le aziende, il commercio e soprattutto dell’Artigianato quest’ultimo ha sottolineato Murro” e’ un settore che ricalca la nostra storia , la nostra indiscussa e pregevole manualità invidiata in tutto il mondo , grazie all’Artigiano abbiamo ricostruito il futuro nazionale nel periodo post conflitto mondiale dando dignità nell’ambito del lavoro italiano”

“In Umbria- dopo i due Sisma, l’ultimo del 2016 che ha coinvolto quattro regioni: Umbria, Marche, Abruzzo e Lazio e dopo 2 anni di Pandemia da Covid-19 molte aziende anche a conduzione familiare hanno subito le mortificazioni per cola di un’ abbassamento dei fatturati e di conseguenza d’incasso, a differenza di altre attività che hanno lavorato di più in una sana ingiustizia fiscale”.

“Sussistono motivi per pensare che nessun cambio generazionale di piccole e medie imprese sembrano poter dare continuità a quella tradizione ed eccellenze dei nostri territori, colpa anche di una disattenzione in alcune REGIONI DI UN REGIME FISCALE CHE NON AIUTA A MIGLIORARSI E CHE NON PERMETTE NUOVE ASSUNZIONI.

Murro ha fatto riferimento anche ai settori industriali: “trasfigurati da investimenti e capitali stranieri, in tantissimi casi non hanno salvato posti di lavoro, bensì dopo aver incassato contributi e agevolazioni dalla Stato Italiano, hanno abbassato chiuso i cancelli, affidandosi poi all’interlocuzione e alla tutela dei lavoratori alle Sigle Sindacali, MISE (Ministero Sviluppo Economico), e Ministero del Lavoro)”.

La disoccupazione non è creata dai disoccupati stessi,- ha sottolineato Murro - ,ma dal nostro quadro concettuale grossolanamente difettoso. La migliore Panacea è quella di mettere in campo una seria politica mediante impegni costruttivi da parte del Governo, con proposte delle Regioni fino ad arrivare ai Comuni e tutte le Istituzioni.

“Dai sostegni economici stanziati dallo Stato qualcosa è stato fatto per sopravvivere ma non certo ha potuto risolvere le drammaticità con le quali ad oggi tante aziende ancora convivono nelle incertezze di proseguire o meno con le attività”.

Murro ha concluso il suo intervento invitando la dirigenza nazionale Pdf ha valutare la possibilità di organizzare Dipartimenti Regionali sul tema Lavoro ad ha concluso: “Senza lavoro e senza un potere d’acquisto non ci sarà mai futuro per chiunque. Attenzione però, ha concluso Murro:”anche al rischio di infiltrazioni mafiose e alla conseguente Usura, possono trovare terreno fertile con chi ha l’acqua alla gola.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/12/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Con la Fedeli la notte è dopo gli esami

La scuola di Valeria Fedeli, la maturità di questo ministro che non l’ha mai dovuta affrontare, non possono essere celebrate, neanche con la consueta retorica del rito abituale di inizio estate. Tutti promossi equivale a nessun promosso, siamo dentro al blob che uniforma tutti per consegnarli alla mediocrità e all’impossibilità di competere, in un orizzonte avaloriale che purtroppo è quello dei sessantottardi tristi e delusi per il mancato compimento della loro sciatta rivoluzione. Non devono essere i nostri figli, però, a patire il cinismo derivato dalla loro disillusione. Mai come oggi diventa fondamentale la battaglia per la scuola libera, per il diritto della famiglia di scegliere in quale istituto formare i propri figli, perché il patto tra la famiglia e questa formula di scuola statale è saltato anche per il lassismo che ha caratterizzato l’attività dell’ultimo ministro della Istruzione, Università e Ricerca Scientifica.

Leggi tutto

Politica

Giustizia, giudici e diritti civili da centrodestra a centrosinistra

Confrontiamo i temi giudiziari nell’arco costituzionale in vista delle politiche di marzo 2018

Leggi tutto

Politica

E la ripresa valoriale?

Niente per le famiglie numerose, nessuna politica per la natalità, nessun sostegno all’impresa di famiglia, nessuna politica per i giovani che vogliono metter su famiglia, niente sulla libertà scolastica e sulla possibilità di far scegliere ai papà e alle mamme la scuola dove mandare i propri figli: il “contratto di governo” di Lega e Movimento 5 Stelle si annuncia come uno scriteriato prospetto per varare (in deficit) il reddito di cittadinanza e la flat tax.

Leggi tutto

Società

Rachele e Diana, ostetriche per la pelle

Un’ostetrica che si diede alla professione quando già aveva vissuto “il mestiere di partorire” dall’altra parte del lettino torna a incontrare in un’ampia intervista una delle sue storiche insegnanti, Diana Panfili (che oggi ha 81 splendidi anni ed è una vivacissima perugina). Il dialogo si riversa su molti fronti fra ricordi dei primi anni ’60 e prospettive per il futuro.

Leggi tutto

Chiesa

Beatificata oggi a Granada Madre María Emilia Riquelme y Zayas

María Emilia venne alla luce il 5 agosto 1847, da don Joaquín Riquelme y Gómez, tenente colonnello dell’Esercito spagnolo, e doña María Emilia Zayas Fernández de Córdoba y de la Vega, che vantava tra i suoi antenati Gonzalo Fernández de Córdoba, detto il Gran Capitano. Fu battezzata dopo due giorni dalla nascita, con i nomi di María Emilia, Joaquina, Rosario, Josefa, Nieves de la Santísima Trinidad: un elenco così lungo era per non scontentare nessun parente, come si usava tra le famiglie nobili del tempo. Suo padre aveva sperato che il primogenito fosse un maschio, ma l’erede venne dopo di lei.

Leggi tutto

Società

UN “RISCHIO” CHIAMATO FAMIGLIA CHE SI RIBELLA ALLA CULTURA DEL PROVVISORIO.

Il trionfo del precariato è riuscito ad invadere ogni campo, arrivando persino, con arguzia encomiabile, a minare la colonna portante della società e cioè la famiglia. Tutto in un silenzio tombale, senza che nemmeno ce ne accorgessimo. Il vertiginoso calo dei matrimoni, sia civili che religiosi, è l’esempio lampante di una mentalità che ha paura delle scelte definitive e vive alla giornata, sballottata qua e là dalle armi di distrazioni di massa dei social media.  Il timore di eventuali fallimenti sta facendo gonfiare a dismisura il numero delle convivenze, anche dove in apparenza le unioni sembrerebbero molto solide e a prova di qualunque crisi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano