{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Senza precedenti

Politica

di Mario Adinolfi

Senza precedenti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In Italia nell’era dell’informazione “somministrata” questo esercizio giornalistico non si fa mai, ma il Financial Times ha pubblicato le cifre del giro d’affari garantito nel 2021-22 a Pfizer e Moderna grazie al vaccino: 135 miliardi di $. Secondo le Nazioni Unite il mercato di tutte le droghe gestite da tutte le organizzazioni criminali del mondo, che per quel mercato uccidono quotidianamente migliaia di persone tra operatori e fruitori, vale 262 miliardi. Channel 4 dice che una dose di Pfizer costa 0,76 cent e viene venduta a 22, ricarico 3000%. Pfizer replica definendo la cifra di 0,76 cent “grossolanamente imprecisa”. Ma non falsa. Perché è effettivamente il costo di ogni dose, su cui però Pfizer applica poi costi di ricerca e produzione (in realtà tutti spesati da quel no vax di Donald Trump). Ora, è chiaro che per una torta così incredibilmente ricca si è disposti a fare di tutto. Channel 4 ad esempio afferma che sono stati prodotti oltre che finanziati da Pfizer falsi studi e interventi a simposi scientifici per screditare AstraZeneca, che aveva prezzi finali dell’80% inferiori. Effettivamente AstraZeneca è stata spazzata via dal mercato, Pfizer però nega di aver operato in quel senso. Financial Times sostiene che la creazione di un mercato di questo valore per un singolo prodotto in un così breve lasso di tempo è senza precedenti nella storia della farmaceutica. Cosa può significare il fatto che gli interessi economici in questo segmento siano così colossali? Ad esempio è plausibile credere che l’iter per l’immissione in commercio di cure efficaci (dai monoclonali alle pillole di Merck) sia rallentato per permettere la diffusione su scala planetaria di terza, quarta e quinta dose di vaccino? Credo che da cittadini, senza voler sostenere alcuna linea ideologicamente antivaccinista, alcuni quesiti vadano posti. Purtroppo la massima parte dei dati su come si è arrivati ad autorizzare quei determinati vaccini e dei termini dei contratti tra case farmaceutiche e acquirenti nazionali o sovranazionali sono secretati, alcuni con disclosure al 2076. Che cosa c’è che i cittadini non devono sapere?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/12/2021
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Perchè entrare nel PDF è come aiutarne la diffusione

L’idea di incentrare la battaglia a partire dalla difesa della famiglia, prima struttura organizzativa e società naturale, è rivoluzionaria ma, al tempo stesso, è sempre stata considerata importantissima dalla dottrina cattolica, basti ricordare San Giovanni Paolo II per il quale la famiglia rappresenta il prisma da cui interpretare e articolare tutti gli interventi nella società umana.

Leggi tutto

Chiesa

Giacomo Morandi, nuovo segretario della CDF

Con il saluto al cardinal Müller, monsignor Ladaria è volato in vetta alla “Congregazione regina” della Curia Romana. Lasciando il vescovo spagnolo il suo posto di Segretario, il Sottosegretario è a sua volta asceso a coprire l’ufficio lasciato vacante dal nuovo Prefetto. Il prete modenese specializzato in teologia biblica e missiologia è l’espressione dell’indirizzo di Bergoglio per la CDF

Leggi tutto

Politica

Davvero fate firmare ancora gli impegni ai partiti?

Rivolgiamo un appello accorato al voto per il Popolo della Famiglia alle elezioni del 4 marzo 2018. Il tempo dell’ingenuità (speriamo sia solo quella) è finito. Se nel 2018 non si affermerà una forza politicamente con un consenso significativo sul tema della tutela reale dei diritti della famiglia naturale, della cultura della vita, della ripresa economica fondata su una forte ripresa della natalità incentivata dal reddito di maternità e dalla riforma fiscale del quoziente familiare, allora daremo mano libera per cinque anni a quei partiti che governano praticamente insieme dal 2011 avendo prodotto il disastro che è sotto gli occhi di tutti.

Leggi tutto

Società

Sul tema delle armi

Recentemente ha fatto discutere il deposito di ben cinque proposte di legge volte a liberalizzare (de iure, ma soprattutto de facto) la detenzione privata di armi da fuoco: i depositari delle proposte, specie i leghisti, cercano di puntare tutta l’attenzione sul diritto alla legittima difesa, ma ciò non tiene in conto che l’Italia non conta grandi casi di condanne per questa fattispecie… e oltretutto che armare virtualmente tutta la società non la rende più sicura

Leggi tutto

Politica

La strettoia del 26 Maggio

Arrivati a settanta giorni dalla fine della campagna elettorale per le europee, appuntamento decisivo in vista del ridisegnarsi della mappa della politica italiana nella sua transizione infinita verso una qualche forma di stabilità, sarà bene per i cattolici italiani avere chiaro il quadro delle forze in campo per poter orientare con intelligenza il loro voto. Sette milioni di cattolici praticanti un anno fa, il 4 marzo, hanno premiato secondo tre studi dei flussi di consenso insolitamente concordanti, principalmente Pd e M5S, che insieme a Forza Italia e Lega (rispettivamente terza e quarta forza tra coloro che vanno a messa tutte le domeniche) hanno ottenuto complessivamente oltre l’ottanta per cento dei voti. Il Popolo della Famiglia si è fermato al 3.3% dei voti dei cattolici praticanti il 4 marzo, il resto è stato suddiviso tra Fratelli d’Italia, Noi con l’Italia, Civica Popolare, Insieme, Italia agli Italiani con addirittura un piccolo segmento di consensi anche per +Europa, Casapound, Leu e Potere al Popolo.

Leggi tutto

Politica

Covid: dalla Commissione le 10 cure più promettenti

Si concretizza in queste ore una delle azioni principali della strategia dell’Ue sugli strumenti terapeutici contro il Covid-19 con la definizione da parte della Commissione di un portafoglio di 10 potenziali strumenti terapeutici contro il coronavirus

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano