Politica

di la redazione

Todi, Zmali (PdF): Grave la scelta di Ruggiano di escludere il PDF

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il nostro intento rimane quello di collaborare uniti con il centro destra nella chiarezza e nel rispetto, guardando sempre ai principi non negoziabili ed al futuro della città, mettendo al centro la famiglia e le esigenze della comunità.

Un progetto che è cominciato già cinque anni fa quando appoggiammo con forza la sua candidatura. Ma se dallo stesso Ruggiano viene meno proprio quella chiarezza e quel rispetto reciproco che avevano posto le basi per un supporto nel 2017, come Popolo della Famiglia siamo liberi di andare per la nostra strada con una lista e un candidato sindaco autonomi”, ha dichiarato Saimir Zmali, coordinatore regionale PdF Umbria durante l’Assemblea nazionale del Popolo della Famiglia che si è tenuta a Pomezia l’11 e 12 dicembre. Così conclude la nota il Popolo della Famiglia Umbria.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/12/2021
0310/2022
S. Maria Giuseppa Rossello

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Giornata contro l’omotransfobia, PDF contro il ministero

La sezione sarda (e non solo) del partito di Adinolfi contesta la circolare del direttore generale del Ministero dell’istruzione che invita le scuole di ogni ordine e grado a organizzarsi per parlare di questo argomento: invitiamo tutti i genitori a comunicarci ogni iniziativa che contravviene al diritto di priorità sull’educazione che la Famiglia ha

Leggi tutto

Politica

Forlì - Mozione Melandri, il PDF “Persa un’occasione di coerenza e di fermezza”

Ecco il comunicato del PDF

Leggi tutto

Politica

I fatti e l’unica opzione

Adinolfi: ” A me dispiace che alcuni pro-life soffrano il fatto di non essere in grado di fare nulla oltre le chiacchiere e per questo ce l’abbiano con noi che invece da anni testardamente operiamo tenendo aperto uno spazio politico che potrebbe essere di tutti…..”

Leggi tutto

Politica

Come Stefano Parisi si trovò a metà del guado

Parisi è in fondo il simbolo del caos che regna nel centro-destra. Caos che ho l’impressione durerà a lungo. Troppo a lungo. Berlusconi incrocia le dita e spera che l’Italicum venga cambiato in nome di una legge elettorale di stampo proporzionalista. Con l’Italicum infatti il centro-destra sarebbe spazzato via del tutto e ridotto all’insignificanza politico-parlamentare: Renzi e Grillo si giocherebbero la partita elettorale senza altri rivali competitivi. Se vincesse il NO al Refendum (cosa per la quale Berlusconi accende un cerone al giorno) molto probabilmente si arriverà ad una legge elettorale basata sul proporzionale. Aldilà del fatto che Renzi rimanga o meno Presidente del Consiglio. Ma anche qui la vedo dura: il trio Belusconi-Salvini-Meloni non riesce a trovarsi d’accordo su nulla, Parisi non avrebbe alcuna autorevolezza per incidere nella triade. Come metti insieme una armata brancaleone così? Destinata a perdere ogni confronto.

Leggi tutto

Società

INDIPENDENZA NON E’ AUTODETERMINAZIONE

La Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti è fondamentale per tre regioni: cita esplicitamente “Dio” e non in termini rituali, richiama con chiarezza la “Legge di Natura” ed è dunque un Carta giusnaturalista, infine indica come primo diritto quello alla Vita, cui consegue il diritto alla Libertà (e sì, come dicevamo, quello molto american-mucciniano alla “ricerca della felicità”). Queste premesse fanno sì che ancora oggi, duecentoquarantuno anni dopo quel 4 luglio 1776, le banconote dei dollari americani contengano un esplicito riferimento alla fede (“In God we trust”) e qualsiasi presidente americano, di qualsiasi colore politico, non possa concludere un suo discorso pubblico senza invocare la benedizione divina sul proprio paese: God bless America.

Leggi tutto

Politica

La questione politica dirimente

Non c’è giustificazione o missione che tenga quando in parlamento si legifera di vita o di morte. Come hanno dimostrato i grillini tutti compatti e precettati (88 su 88), i bersaniani tutti compatti e precettati (40 su 40), i vendoliani tutti compatti e precettati (17 su 17) e i democratici tutti compatti e precettati (283 su 283). Sui principi non negoziabili purtroppo, sinistra e grillini hanno dimostrato di essere molto più seri di quella strana “Arca di Noè” che è il centrodestra.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano