Storie

di Roberto Signori

Grosseto, aggrediscono vigilante con le statue del presepe

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Due statuine del presepe decapitate, un addetto al controllo dei mercatini aggredito e ferito. È il bilancio di un’altra notte brava nel centro storico di Grosseto.

10 ragazzi, prima di tornare a casa se la sono presa con il bel presepe che sotto l’albero di piazza Duomo, che era stato inaugurato nei giorni scorsi.

Il gruppo di giovanissimi, non è dato di sapere con quale mezzo, ha vandalizzato la testa di due dei tre Re Magi, lasciandola poi in terra. Non contenti hanno preso a spintoni il vigilante che stava cercando di garantire la sicurezza nella piazza.

Un video postato dal sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna riprende anche alcune chiazze di sangue, segno inequivocabile della colluttazione tra i vandali e la guardia notturna, colpita probabilmente proprio con le statuine.

«È un atto vandalico vergognoso – dice il vicesindaco Fabrizio Rossi, informato dell’accaduto – Mi auguro che le telecamere ci aiutino a prendere i colpevoli, che devono subire una giusta punizione. Quello che hanno fatto è molto grave, in un periodo che dovrebbe essere di festa sono andati a toccare uno dei simboli cristiani più importanti».

«Abbiamo immediatamente attivato le telecamere – sottolinea il sindaco Vivarelli Colonna, che ha pubblicato un post su Facebook – verificheremo così chi è stato a compiere questo atto ridicolo, vergognoso, nefando, soprattutto inutile, in un momento in cui si sta cercando tutti di gioire, di ripartire. Se qualcuno sapesse qualcosa, mi avvisi, così acceleriamo le procedure. Chi ha fatto questo deve beccarsi come minimo una bella sberla, perché è una cosa vergognosa».

Attonito anche il presidente della Pro loco di Batignano Luigi Scognamiglio, che ha realizzato il presepe per il Comune di Grosseto. «Al di là del valore – dice Scognamiglio – quello che fa più male è proprio il disprezzo, lo spregio che è stato fatto a un simbolo religioso come questo. Il presepe rappresenta un fatto affettivo ed è giusto ora interrogarsi sul perché un gruppo di ragazzini, nel cuore della notte, si siano spinti così oltre da aggredire addirittura un uomo che stava lavorando». Scognamiglio ha subito sistemato il presepe per restituirlo alla città in occasione delle festività natalizie, ma rimane amareggiato dall’accaduto: «Quello che è successo è grave: è giusto che chi ha compiuto questo atto venga punito».

I vandali se la sono presa comunque anche con gli addobbi di un ristorante di via Goldoni che in vista del Natale aveva abbellito il locale con alberi stilizzati, luci colorate e festoni, ma ha visto andare tutto distrutto nel corso di un’altra notte agitata nelle strade del centro storico.

Attendiamo il fermo ed una punizione educativa ed esemplare.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/12/2021
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Gli appuntamenti Natalizi nella Basilica di Sant’Antonio a Padova

È tempo di Avvento e Natale in Basilica del Santo. Ecco il calendario degli appuntamenti liturgici di Padova.

Leggi tutto

Storie

Betlemme: inaugurata la ‘casa dei Magi’

Custode di Terra Santa: un centro che è “riflesso” della nascita di Gesù, dalla quale “acquisisce senso e valore”. Il suo scopo è “nella carità” e al suo interno troveranno “spazio” diverse iniziative.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: rompiamo lo specchio della vanità

Nella catechesi dell’udienza generale, il Papa a pochi giorni dal Natale parla della nascita del Bambino e sottolinea che la gioia è sapere di essere amati di un amore concreto

Leggi tutto

Storie

Presto sarà libera, mi ha giurato vendetta

E chi dice che lei non torni a cercarmi per portare a termine il suo piano, quello di vedermi morto o sfregiato a vita, che mi sorprenda ancora con l’acido o mi aggredisca con un coltello?”. Daniele Polacci, 30 anni, cameriere in un ristorante di piazza Gae Aulenti, “Il Dani” sui social, parla in affanno e intanto il suo pensiero va veloce alla mattina del 3 gennaio del 2020 quando Tamara Masia, la donna di 46 anni che lui aveva conosciuto in chat, dopo un paio di incontri senza sentimenti, decide di punirlo cercando di accoltellarlo e poi di sfregiarlo con l’acido per avere smesso di “corteggiarla“.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: impariamo dai magi in cammino verso Betlemme

All’omelia nella Messa per la solennità dell’Epifania del Signore, Papa Francesco indica nei magi, che vanno in cerca del Signore, l’immagine di chi non si accontenta di una vita apatica, “appiattita sul consumo” ma si lascia interrogare mettendosi in gioco.

Leggi tutto

Storie

Aggredito da un bullo, 14enne finisce in ospedale

“Sei un secchione”: il compagno di scuola gli in faccia lo sfottò e poi lo aggredisce. Lo prende a pugni, gli pianta una matita in testa e lo calpesta, rompendogli il naso. È l’ultimo episodio di bullismo avvenuto nei giorni scorsi a Parma, dove un 14enne è rimasto vittima del branco, finendo in pronto soccorso per trauma cranico e frattura delle ossa nasali. La famiglia ha sporto denuncia, i carabinieri hanno dato avvio alle indagini.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano