Società

di Roberto Signori

C’è chi “OSA” per il rispetto della Costituzione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono stati numerosi i partecipanti della sicurezza dello Stato alla manifestazione di oggi a Roma contro l’obbligo del vaccino.

Alla Bocca della Verità si sono dati appuntamento uomini e donne appartenenti ai vari corpi di sicurezza dello Stato. La manifestazione è stata organizzata dall’O.S.A.-Operatori Sicurezza Associati. L’associazione conta ad oggi 2.357 iscritti alla luce del sole, appartenenti alla Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, Polizia Penitenziaria, Esercito Italiano, Aeronautica Militare, Marina Militare, Corpo Forestale, Polizia Locale. La loro parola d’ordine è: “difendere i valori, i dettami ed i principi della Costituzione della Repubblica Italiana”. La vedo dura a definirli “No Vax”: neologismo con il quale sono stati generalizzati gli antagonisti del vaccino Covid come teppisti e sovvertitori dell’ordine sociale.

Il punto di riflessione non è chi abbia ragione sui vaccini. Ma la ragione che dovrebbe indurre chi governa ad ascoltare i segni dell’opinione pubblica: e il segnale che proviene, ormai da mesi, da chi indossa una divisa ed ha giurato fedeltà alla Costituzione della Repubblica, è diventato assordante. La storia italiana, solo apparentemente lontana, ci ha insegnato il pericolo che corre la convivenza civile ogni qual volta si respinge il dissenso con la violenza: e violenza non sono solo gli idranti o le camionette schierate contro i manifestanti, o le piazze trasformate in rivolta teppistica; violenza è anche quando si cerca di oscurare chi dissente.

La democrazia non si fonda sul principio della maggioranza, ma sul dissenso. Il divieto di manifestare pubblicamente non si confà ad una democrazia né ad una repubblica. E la salute non si impone per legge. Il primo vaccino per qualunque epidemia sociale è sempre e ovunque il dialogo, ascoltare e comprendere le ragioni di chi dissente e non solo cavalcare l’onda maggioritaria. E’ il motivo per cui sul nostro giornale abbiamo dato e continuiamo a dare voce a chi la pensa diversamente, anche quando non mi convince ciò che dice.

La protesta proveniente dai corpi dello Stato è inquietante. Perché giunge da uomini e donne preposte a tutelare la nostra sicurezza e che per questo sono tenuti anche e mettere in pericolo la loro vita. Inquietante è che nessuno dialoghi con loro: governo, sindacati, partiti. Se siamo arrivati fino a questo punto, al muro contro muro perfino con chi indossa la divisa, significa che l’epidemia mortale in Italia è andata ben oltre il Covid.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/12/2021
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La scuola è già in ginocchio: è già tempo di DAD

Si allargano a macchia d’olio i casi di classi in quarantena: un fenomeno che ha preso corpo nei primissimi giorni di scuola prima a Bolzano, per poi trovare terreno fertile anche in Lombardia, Emilia Romagna, Sardegna e Lazio. Le lezioni sono riprese da una settimana è già si contano già un centinaio di classi costrette a rimanere a casa, quindi a tornare a quella dad che chi governa la scuola ha detto che ci eravamo messi alle spalle. La triste realtà sta emergendo anche grazie agli screening negli istituti “sentinella” caldeggiati dall’Anief, sui quali il Parlamento ha appena legiferato ma che andavano allargati a tutti gli studenti, di qualunque età, e al personale scolastico oltre che universitario.

Leggi tutto

Società

Lockdown non vaccinati, Crisanti: “Una follia”

E’ una follia dal punto di vista giuridico ed epidemiologico”. E’ nettissimo il no di Andrea Crisanti, direttore del dipartimento di Microbiologia dell’Università di Padova, al cosiddetto ‘modello Austria’, ovvero all’ipotesi di un lockdow solo per i non vaccinati contro Covid-19

Leggi tutto

Politica

La vita in gioco

Questa è la mia vita pubblica. Una battaglia continua nel territorio melmoso della politica, dove so muovermi perché ne conosco tutti i trucchi. Ma so anche ri-conoscere le motivazioni. Posso essere duttile, elastico, silente, persino cinico in alcuni frangenti se la situazione lo richiede. Ma so anche quando bisogna mettere tutto in gioco, anche la vita.

Leggi tutto

Storie

Monache rifiutano il vaccino: il convento viene chiuso

La “democrazia” non risparmia neppure i conventi. O ti omologhi oppure….. leggete che cosa è successo ad un gruppo di malcapitate suore!

Leggi tutto

Politica

Vaccini e farmacie

Vaccinazioni nelle farmacie: alcune importanti novità

Leggi tutto

Storie

Vaccino Moderna, con seconda dose rischi per il cuore

La seconda dose del vaccino anti-Covid di Moderna potrebbe aumentare il rischio di effetti indesiderati di miocarditi o pericarditi. Lo ha comunicato l’Ente europeo per il farmaco, Ema, sulla base di “analisi preliminari” di nuovi dati segnalati da alcuni Paesi come Svezia e Danimarca, in merito ai possibili eventi avversi successivi alla vaccinazione con prodotti a mRna. Lo riporta Adnkronos.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano