Società

di Roberto Signori

C’è chi “OSA” per il rispetto della Costituzione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono stati numerosi i partecipanti della sicurezza dello Stato alla manifestazione di oggi a Roma contro l’obbligo del vaccino.

Alla Bocca della Verità si sono dati appuntamento uomini e donne appartenenti ai vari corpi di sicurezza dello Stato. La manifestazione è stata organizzata dall’O.S.A.-Operatori Sicurezza Associati. L’associazione conta ad oggi 2.357 iscritti alla luce del sole, appartenenti alla Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, Polizia Penitenziaria, Esercito Italiano, Aeronautica Militare, Marina Militare, Corpo Forestale, Polizia Locale. La loro parola d’ordine è: “difendere i valori, i dettami ed i principi della Costituzione della Repubblica Italiana”. La vedo dura a definirli “No Vax”: neologismo con il quale sono stati generalizzati gli antagonisti del vaccino Covid come teppisti e sovvertitori dell’ordine sociale.

Il punto di riflessione non è chi abbia ragione sui vaccini. Ma la ragione che dovrebbe indurre chi governa ad ascoltare i segni dell’opinione pubblica: e il segnale che proviene, ormai da mesi, da chi indossa una divisa ed ha giurato fedeltà alla Costituzione della Repubblica, è diventato assordante. La storia italiana, solo apparentemente lontana, ci ha insegnato il pericolo che corre la convivenza civile ogni qual volta si respinge il dissenso con la violenza: e violenza non sono solo gli idranti o le camionette schierate contro i manifestanti, o le piazze trasformate in rivolta teppistica; violenza è anche quando si cerca di oscurare chi dissente.

La democrazia non si fonda sul principio della maggioranza, ma sul dissenso. Il divieto di manifestare pubblicamente non si confà ad una democrazia né ad una repubblica. E la salute non si impone per legge. Il primo vaccino per qualunque epidemia sociale è sempre e ovunque il dialogo, ascoltare e comprendere le ragioni di chi dissente e non solo cavalcare l’onda maggioritaria. E’ il motivo per cui sul nostro giornale abbiamo dato e continuiamo a dare voce a chi la pensa diversamente, anche quando non mi convince ciò che dice.

La protesta proveniente dai corpi dello Stato è inquietante. Perché giunge da uomini e donne preposte a tutelare la nostra sicurezza e che per questo sono tenuti anche e mettere in pericolo la loro vita. Inquietante è che nessuno dialoghi con loro: governo, sindacati, partiti. Se siamo arrivati fino a questo punto, al muro contro muro perfino con chi indossa la divisa, significa che l’epidemia mortale in Italia è andata ben oltre il Covid.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/12/2021
2506/2022
Ss. Guglielmo da Vercelli e Massimo di Torino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco in Slovacchia: l’importanza dell’integrazione

Papa Francesco è tornato a parlare di uno degli argomenti che gli stanno più a cuore con un richiamo all’integrazione, alla coesione e all’ospitalità. Tutto questo è avvenuto durante l’incontro, a Bratislava, con le Autorità, la Società Civile e il Corpo diplomatico

Leggi tutto

Storie

Il Tempo e le verità sul covid

Sui decessi dovuti strettamente al virus (2,9% del totale), il direttore Franco Bechis: “È stato l’Istituto superiore di sanità per bocca del suo stesso presidente a ripetere in ogni conferenza stampa fin dall’inizio della pandemia che quelle cartelle cliniche erano sì un campione parziale, ma rappresentativo di tutta la realtà dell’infezione. Quindi se sbagliata è quella comparazione fra il campione è la realtà, l’errore è dell’Iss, non del Tempo. Se è fake news, va attribuita ai vertici della sanità italiana, non a chi la riporta”

Leggi tutto

Storie

Le motivazioni per cui dovremmo tutti vaccinarci

Gabriele Alfredo Amadei ci offre la sua personale esternazione sul perché dovremmo essere tutti convinti di iniettarci il potente “siero”.

Leggi tutto

Società

In Italia una famiglia su due rinuncia alle prestazioni sanitarie

Complessivamente, nell’“industria del welfare” investono 136,6 miliardi le famiglie e 21,2 miliardi le aziende, complessivamente il 9% del pil.

Leggi tutto

Società

Non lasciamoci rubare la speranza

Auto-condannati ad un infelicità perpetua, storditi da un effimero imperante, si potrebbe ben riassumere così la situazione attuale della società occidentale con la panza piena e il cuore vuoto

Leggi tutto

Chiesa

CEI: al via il Consiglio permanente

Bassetti sottolina come una “grave inquietudine la prospettiva di un referendum per depenalizzare l’omicidio del consenziente. Autorevoli giuristi hanno messo in evidenza serie problematiche di compatibilità costituzionale nel quesito per il quale sono state raccolte le firme e nelle conseguenze che un’eventuale abrogazione determinerebbe nell’ordinamento”. “E’ necessario ribadire che non vi è espressione di compassione nell’aiutare a morire, ma il prevalere di una concezione antropologica e nichilista in cui non trovano più spazio né la speranza né le relazioni interpersonali. C’è una contraddizione stridente tra la mobilitazione solidale, che ha visto un Paese intero attivarsi contro un virus portatore di morte, e un’iniziativa che, a prescindere dalle intenzioni dei singoli firmatari della richiesta referendaria, propone una soluzione che rappresenta una sconfitta dell’umano”, confida il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano