Società

di Roberto Signori

Transessuale: «I sessi sono solo due»

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un’intervista tutta da leggere rilasciata su Libero da Alessandra Gracis, avvocato transessuale che all’anagrafe è ancora Alessandro e che ha cambiato sesso nel 2012, ci mostra un altro modo di vivere la transessualità, lontano dai dogmi LGBT.

Gracis, infatti, nel parlare del disagio psicologico di chi vive un non allineamento tra il proprio sesso biologico e la propria identità psichica maschile e femminile, lo distingue bene dall’arbitrarietà della fluidità di genere. “La persona che soffre di disforia di genere – ha affermato - non si sente mezzo uomo e mezza donna, ma si sente del sesso opposto a quello biologico. Non esiste, perciò, un terzo genere. Da giurista so che tutta la legge positiva è fondata sul binarismo, cioè sull’appartenenza al sesso maschile e femminile: non c’è un sesso neutro”.

Parole che non lasciano spazio a dubbi, nemmeno quando gli viene chiesto di esprimere il suo parere sul ddl Zan: “Il testo era scritto in maniera inaccettabile: inseriva sanzioni penali in assenza di chiarezza e in modo troppo semplicistico. Si presentava come un mostro giuridico, un guazzabuglio di ideologie”.

Posizioni che, le hanno attirato l’odio delle associazioni LGBT proprio per il suo tentativo efficace di dare voce, in modo non ideologico e non conformista, alle persone con disforia di genere. Non è tutto. nell’intervista, infatti, si schiera apertamente contro l’utero in affitto, definendolo “una bestialità”, una “devianza” e anche sui matrimoni omosessuali non le manda a dire: “Sono ortodossa: la Costituzione prevede il matrimonio tra uomo e donna, per le coppie gay ci sono le unioni civili”. Insomma, una posizione davvero fuori dal coro, supportata da un’onestà intellettuale che la porta anche a riconoscere che i gay pride sono manifestazioni puramente folkloristiche spesso a danno di chi vi partecipa.

Infine, il suo pensiero sul presunto allarme omotransfobia presente in Italia: “Io non ho avuto una percezione negativa della mia sessualità da parte della gente comune. C’è invece, un pregiudizio della politica di destra e di sinistra. Ed è il colmo che sia il senatore Carlo Giovanardi l’unico a darmi un po’ di ascolto”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/12/2021
1808/2023
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Politica

La storia infinita delle case chiuse

Si torna a parlare della riapertura delle case chiuse ma la prostituzione,  non degrada solo la donna. Guasta anche l’uomo. Non bisogna confondere infatti la virilità col virilismo. Quella piaga nota col nome di maschilismo attinge precisamente da questo pozzo avvelenato. Il maschilista è un uomo rimasto solo “maschio”.

Leggi tutto

Media

Per Usa Today la “donna” dell’anno è un transessuale

“Rachel Levine è una delle donne dell’anno di USA TODAY, un riconoscimento alle donne di tutto il paese che hanno avuto un impatto significativo”, ha scritto USA Today

Leggi tutto

Società

MEGLIO LE CORNA DI PAOLI DEL BACIO ARCOBALENO DI FEDEZ

Ormai hanno davvero stufato: è sufficiente leggere i commenti menzionati sotto gli articoli di stampa che raccontano il bacio arcobaleno tra Fedez e Rosa Chemical per comprendere quanto gli italiani abbiamo superato l’assuefazione da questi imprevisti pilotati dalla macchina comunicativa a guida Gay 1

Leggi tutto

Società

La spectre del porno mondiale

La documentarista francese Ovidie (già pornoattrice per una quindicina d’anni) ha girato un importante documentario trasmesso in Francia da Canal + un mese fa. Vi si racconta l’accelerazione turbo-capitalistica subita dall’industria pornografica mondiale, causata in ultimo soprattutto dalla comparsa dei “Tubes” digitali come PornHub, che di fatto defrauda “attori” e produttori del loro “lavoro” per distribuirlo gratuitamente in rete, al fine di creare traffici telematici che giustifichino transazioni miliardarie. Probabilmente il porno è oggi la (poco pudica) foglia di fico sul riciclaggio di denaro

Leggi tutto

Politica

QUANDO I DEMOCRATICI DI ZAN NON SI RASSEGNANO

“Il Ddl Zan, respinto dal Senato una settimana fa, torna attraverso tre commi infilati in modo piratesco alla Camera in articolo del decreto-legge recante ‘disposizioni urgenti in materia di investimenti e sicurezza delle infrastrutture, dei trasporti e della circolazione stradale’”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano